Ala Kart e Sam Barris Mercury – Opportunità mancate Editoriale

Vedi tutte e 1 le fotoKevin LeewriterSep 25, 2008

Ecco dove entra in gioco il mio rimpianto. Invece di stare lì in piedi, avrei dovuto saltare sul sedile del passeggero e fare il giro di 200 metri fuori dallo studio.

Quando l’opportunità bussa, dovremmo aprire la porta. È più facile a dirsi che a farsi, dato che la maggior parte di noi è così impegnata nelle attività quotidiane della vita che non riusciamo a sentire il bussare o ad arrivare alla porta in tempo. Ho cercato di sfruttare meglio alcune delle opportunità che mi si presentano ultimamente, invece di rimandare le cose fino a quando il momento non è passato o, peggio ancora, la persona lo ha fatto.

Diversi anni fa ho fatto qualche soldo in più dettagliando le auto e un amico di famiglia aveva una collezione di modelle T restaurate che ho aiutato a tenere pulite. Mi diceva sempre che mi avrebbe portato fuori e me ne avrebbe fatta guidare una. Avevo sempre sentito dire che ai tempi, quando erano persone nuove, sapevano guidare due auto, le modelle T e tutto il resto. Purtroppo ho continuato a rimandare fino a quando non è stato troppo tardi. Non ho ancora avuto la possibilità di mettere alla prova il mio modo di guidare lavorando su quei tre pedali.

La mia più grande occasione persa di recente ha avuto luogo lo stesso giorno di una delle migliori opportunità che mi si presentasse da un po’ di tempo a questa parte. Non molto tempo fa ho avuto la possibilità di portare in studio non solo l’Ala Kart, ma sono anche riuscito a far entrare il Sam Barris Mercury alla stessa ora insieme al loro chaperon per la giornata, Roy Brizio. Non solo sono stato uno dei pochissimi che ha potuto passare una giornata con l’Ala Kart a girarlo, ma sono anche l’unico a riunirli in studio.

Articolo molto interessante
New York presenta il progetto di legge per l'esenzione di restauri e negozi personalizzati dai requisiti di riparazione dei veicoli a motore

Per quanto sia stato bello passare la giornata con entrambe queste due icone di rodaggio, alla fine la giornata doveva finire e le auto si stavano preparando per essere caricate sui loro rimorchi. Quando è stato il momento di spostare l’Ala Kart dallo studio, Roy è saltato dentro, l’ha accesa e l’ha portata fuori. Sono rimasto lì a meravigliarmi della nota di scarico della Hemi e mi sono chiesto quante persone abbiano avuto la possibilità di sentirla anche solo correre.

Qui entra in gioco il mio rimpianto. È stato solo quando l’Ala Kart è stato caricato che mi ha colpito in uno di quei momenti alla Homer Simpson che invece di stare lì in piedi avrei dovuto saltare sul sedile del passeggero e fare il giro di 200 piedi fuori dallo studio. Non sarebbe stato un viaggio lungo, ma potrei dire che ho guidato l’Ala Kart muovendomi con le sue stesse forze. È una lista piuttosto corta, ne sono sicuro, e avrei dovuto esserci anche io. Spero di avere un’altra possibilità un giorno, ma questa sarà molto probabilmente un’occasione persa che andrà sempre persa.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites20089812rc-01-pl-ala-kart-sam-barris-mercury-ala-kart.jpg

Lascia un commento