Bristol Motor Speedway – Thunder In Thunder Valley – Ultimate Racing

I Modifieds della NASCAR hanno raggiunto l’apice per la primissima volta

Vedi tutte le 13 fotoTodd RidgewaywriterDec 8, 2009

In 25 anni di NASCAR Whelan Modified Tour, la serie non aveva mai visitato la Bristol (TN) Motor Speedway fino alla storica gara dell’agosto 2009. Principalmente un circuito con sede nel New England, il Tour ha una ricca storia di avventurismo nel sud. La Virginia ha disputato 44 gare di tutti i tempi, e il Tour si è spinto fino al sud della Carolina del Nord in tre occasioni, ma la UNOH Perfect Storm 150 è stata la sua visita inaugurale a Bristol.

In un formato introdotto per la prima volta a Martinsville (VA) Speedway nel 2005, il NASCAR Whelen Modified Tour è stato affiancato al “Mezzo miglio più veloce del mondo” dal NASCAR Whelen Southern Modified Tour per una gara combinata. I due tour dovevano correre per una bandiera a scacchi e una borsa, ma i piloti hanno rivendicato punti di inseguimento per le rispettive classifiche del campionato.

Veloce ad adattarsi e sempre desideroso di padroneggiare una nuova pista, Teddy Christopher ha ufficiosamente frantumato il record di qualificazione della NASCAR Sprint Cup Series di Bristol mentre girava i giri in un test di febbraio 2009 sulle alte sponde di cemento. Era proprio il tipo di corsa con le nocche bianche che Christopher sperava.

“E’ una follia. È intenso”, disse allora Christopher. “Non sono mai stato in un posto dove si può guidare senza sollevare”. Nonostante le velocità e i livelli di adrenalina siano più alti del normale, Christopher non si aspettava che la gara si sarebbe svolta completamente aperta. “Dovremo avere un po’ di dare e ricevere”, disse Christopher. “Credo che sarà una gara molto tecnica”.

In gara si sono presentati 40 mostri della Open Wheel, sputafuoco e sputafuoco, con 27 provenienti dal Whelen Modified Tour e 13 dal Southern Mod Tour. Le posizioni di partenza da 1 a 30 sarebbero state fissate attraverso le prove a tempo, mentre le restanti sei posizioni sarebbero state occupate attraverso il processo provvisorio, costituendo un campo di partenza di 36 auto.

Dei tre primi tre turni di prove, Christopher è stato il più veloce nei primi due con giri di 14.951 e 14.957 in più di 128 miglia orarie. Nella terza e ultima sessione di prove libere 2007 il campione del Mod Tour Donny Lia è salito di livello con un giro di 14.924. Tuttavia, ottenere le qualifiche è stata un’altra storia, raccontata da Madre Natura.

La pioggia è arrivata proprio quando le auto sono scese in pista ed è durata giusto il tempo necessario per costringere la NASCAR e gli ufficiali di pista ad annullare le qualifiche per l’UNOH Perfect Storm 150.

Lo schieramento di partenza è stato impostato secondo il regolamento, il che significa che il leader dei punti NASCAR Whelen Modified Tour Ted Christopher partirà in pole position. A lui si è aggiunto in prima fila il leader dei punti NASCAR Whelen Southern Modified Tour George Brunnhoelzl III. Todd Szegedy e Andy Seuss costituivano la seconda fila per la gara, mentre Ryan Preece e Brian Loftin sarebbero stati in terza fila, seguiti da Donny Lia e Frank Fleming, e Rowan Pennink e L.W. Miller a completare le prime cinque file.

La pioggia avrebbe mandato a casa quattro piloti, ma i funzionari di pista e della NASCAR hanno accettato di far partire tutti i 40 iscritti. I piloti abituali della NASCAR Sprint Cup Series, Ryan Newman e Kasey Kahne, che avevano entrambi le corse per l’evento, sono partiti rispettivamente al 38° e 39° posto.

Le auto NASCAR Whelen Modified Tour, entrambe le divisioni, sono sostanzialmente diverse dalle loro controparti della Sprint Cup o da qualsiasi altra auto. Le auto di oggi si basano su telai tubolari costruiti da costruttori come Troyer Engineering, Chassis Dynamics, Spafco e Raceworks. Le carrozzerie sono versioni parziali di autovetture, in gran parte fabbricate in lamiera, con le ruote anteriori e gran parte delle sospensioni anteriori esposte. Una NASCAR Modified è più corta di 11 pollici in altezza e più larga di 23 pollici rispetto a un’auto Cup. Di regola, le Modified di tipo Tour devono pesare almeno 2.610 libbre (con un peso aggiuntivo per i motori 358 ci e superiori) e avere un passo di 107 pollici.

Articolo molto interessante
Scena per lettori

Vedi tutte e 13 le foto

Le auto sono alimentate da motori V-8 a blocco piccolo, di solito di cilindrata compresa tra 355 e 368 pollici cubi, anche se possono essere utilizzati sia motori più grandi che più piccoli. I componenti del motore sono in gran parte simili a quelli utilizzati nella serie Sprint Cup, ma i motori Mod Tour utilizzano un piccolo carburatore a quattro barilotti con una cilindrata di 390 piedi cubi al minuto, circa la metà del flusso d’aria dei precedenti carburatori Modified, che limita la loro potenza a 550-650 cavalli. Su piste di grandi dimensioni i motori devono avere una piastra di riserva tra il carburatore e il collettore di aspirazione, riducendo la potenza del motore e la velocità dell’auto per motivi di sicurezza.

La marca di pneumatici scelta è Hoosier. Questi pneumatici massicci da 14 pollici di larghezza sono costituiti da una mescola che si attacca come colla alla superficie da corsa. Per l’evento di Bristol, tuttavia, Hoosier ha sviluppato un pneumatico speciale con una mescola un po’ più dura per la superficie di cemento.

Per resistere alle forze g associate alle alte sponde di Bristol, la NASCAR ha richiesto alle auto di far funzionare i mozzi per impieghi gravosi e gli ammortizzatori superiori per impieghi gravosi.

SICUREZZA Le modifiche sono state oggetto di numerosi progressi in materia di sicurezza nel corso degli anni. La morte del Campione Ritchie Evans nel 1985 a Martinsville Speedway, insieme ad altri incidenti mortali, ha portato ad interrogarsi sulla rigidità delle vetture. Di conseguenza, i telai rettilinei sono stati gradualmente eliminati, e si è sviluppato un nuovo design del telaio con un passo nelle rotaie che poteva piegarsi in caso di urti violenti piuttosto che passare la forza al pilota.

Dopo che una ruota tagliata ha causato un incidente mortale ad una gara della Indy Racing League, la NASCAR, nel luglio 1999, ha richiesto ai team della Modified Series (ed eventualmente a tutti i team della NASCAR) di aggiungere cavi d’acciaio come attacchi che collegano ogni mandrino anteriore al telaio, i cavi d’acciaio sono stati successivamente sostituiti con una corda marina che pesa meno.

La morte di Tom Baldwin Sr. nel 2004 ha portato a ulteriori modifiche di sicurezza, con l’introduzione dell’HANS (o equivalente) e dei poggiatesta di sinistra che sono diventati obbligatori. Per la stagione 2008, i paraurti posteriori sono stati accorciati in risposta alla morte di John Blewett III nel 2007.

Vedi tutte e 13 le foto

Questa stagione è stata aggiunta una piastra metallica sulle quattro barre delle porte che corrono lungo tutto lo scomparto lato guida. Il piantone dello sterzo, pur non essendo pieghevole, è dotato di una leva a forbice come quella a caduta.

Molti pensavano che questi requisiti di sicurezza sarebbero stati messi alla prova sulla superficie super veloce e spietata di Bristol.

Da esordienti a veterani e da nord a sud, tutti i piloti sembravano avere opinioni simili su come sarebbe andata la gara.

Il diciassettenne Erick Rudolph, che è diventato il più giovane vincitore del tour NASCAR Whelen Modified nel luglio 2009, è entrato in gara con molta fiducia. “Il rapporto cavalli/peso è davvero la cosa più grande con queste auto”, ha dichiarato il giovane. “Le gomme veramente grandi rendono queste auto facili da spostare”.

Il pilota del 2008 Featherlite Most Improved del Whelen Modified Tour, Ron Silk, ha dichiarato: “Questo posto è un’emozione, è più veloce di qualsiasi altra pista su cui abbiamo corso. Sarà molto divertente; speriamo di fare un bello spettacolo e di essere invitati a tornare”.

Con 69 vittorie in carriera e nove campionati in totale, che lo legano al compianto Ritchie Evans, Mike Stefanik è stato in grado di portare a termine le tre sessioni di allenamento.

Articolo molto interessante
Novembre 2011 Hometown Hot Rodding

“Sono stato qui altre tre volte con le auto e i camion della Nationwide”, ha detto Stefanik. “Penso che ci sia stato un piccolo malinteso tra Hoosier e NASCAR, da quello che ho capito [NASCAR] originariamente voleva un pneumatico che facesse i 150 giri completi, ma devono aver cambiato idea e hanno fatto una pausa a metà strada. Alla fine ci siamo ritrovati con una gomma molto dura, quindi la macchina era allentata. Ieri sera abbiamo avuto anche delle piccole vesciche sul retro destro, ma stava guidando abbastanza bene. Speriamo che la pista si gomiti, di solito lo fa. Diventa sempre più facile il giorno della gara”.

Il concorrente della serie sud, Bobby Hutchins, era abbastanza intrigato dal cemento di Bristol. “Sarà un bello spettacolo”, ha dichiarato l’esperto ingegnere della NASCAR. “Con queste nuove gomme sulla vettura sarà una prova ed errore. Tuttavia, otterremo una sessione di scuff per i nostri pneumatici. Tutto questo è una novità per me, nella serie Sud non ci sono sessioni di scuff, quindi vedremo. La cosa più importante è come la gomma dei pneumatici del Camping World Trucks influenzerà i nostri Hoosiers, potrebbe fare la differenza”.

Anche Kasey Kahne, 10 volte vincitrice di una gara NASCAR, ha detto: “La situazione si farà piuttosto movimentata. Dovrò solo guardare cosa sta succedendo e capire come fare a salire sul campo”. Questo è sicuramente un po’ diverso, ma è un’auto piuttosto divertente da guidare, voglio dire che mi piace molto, ma non ho idea di come andranno le cose”.

150 giri selvaggi a Bristol Quello che alcuni consideravano un possibile crash fest si è rivelato un grande e veloce evento fino alla bandiera a scacchi. Con velocità da brivido, questi razzi su ruote hanno sfrecciato in poco più di un’ora e tre minuti, con una pausa di metà percorso, attraverso 150 giri a gomito bianco, con una pausa di poco più di un’ora e tre minuti. Solo quattro bandiere di avvertimento sventolerebbero su questo evento, compresa una dei giri 131-137 per la pioggia leggera. Era proprio il tipo di gara pulita e competitiva che si ama vedere.

Alla caduta della bandiera verde, Ted Christopher è decollato dal palo con la sua Chevrolet Al-Lee Installations e ha guidato l’intera prima metà della gara. Ha raggiunto la pausa di metà gara con Todd Szegedy e la UNOH/Wisk/Snuggle Ford proprio sul paraurti posteriore.

Durante la pausa praticamente ogni auto ha assunto quattro gomme e carburante, oltre ad altre regolazioni assortite. Quando il verde è sceso per la metà della gara, Christopher ha sparato ancora una volta al punto di ripartenza dalla doppia fila. E ancora una volta Szegedy era proprio lì in seconda posizione.

Vedi tutte e 13 le foto

Al giro 88 è volata un’ammonizione che ha messo in moto una catena di eventi. Questa volta alla ripartenza Szegedy è rimasto a destra con Christopher che ha eseguito il solco superiore. La coppia ha corso fianco a fianco per una manciata di giri fino a quando Szegedy ha abbandonato la carica ed è tornato in linea. Mentre i due si davano battaglia, Donny Lia con la sua Mystic Missile Dodge guadagnava terreno dalla settima posizione di partenza.

Poco dopo che Szegedy ha rinunciato alla carica per il punto, Lia si è trasferito e lo ha rispolverato mettendo gli occhi sul suo vecchio avversario Christopher. Al giro 108 Lia ha montato una carica e si è portato via il primo posto da TC per i successivi 31 giri, compresa la pioggia ha rallentato i giri di cautela. Dopo il ritardo della pioggia, Lia ha subito una leggera battuta d’arresto quando ha saltato la ripartenza e gli è stato ordinato dagli ufficiali della NASCAR di restituire la posizione alla n. 36 rossa di Christopher.

Questo però non ha fermato Lia. Appena tre giri dopo una ripartenza pulita, ha superato Christopher e ha aperto un bel vantaggio, vincendo la gara con 3,126 secondi.

Dopo aver condotto 110 giri della manifestazione Christopher è stato relegato in seconda posizione, seguito da Ryan Preece in terza posizione, il miglior rifinitore della Southern Whelen Modified George Brunnhoelzl III è stato quarto, e Woody Pitkat ha completato la Top 5.

Articolo molto interessante
Camion da Fuoco su ruote spara fiamme profumate!

Szegedy è passato in sesta posizione, seguito da Rowan Pennink, Ed Flemke Jr. e Burt Myers. Il giovane Erick Rudolph ha completato la Top 10 dopo essere partito al 21° posto. La velocità media della gara è stata di poco superiore ai 75 mph. Lia ha condotto 40 giri sulla sua strada verso la grande vittoria e la sua quota del portamonete postato di 91.575 dollari.

“E’ stata una gara piuttosto intensa, proprio una gara fantastica con Teddy, avevamo una macchina da corsa così bella”, ha detto il vincitore della gara. “Non riuscivo a credere a quanto fossimo bravi. Hanno detto che ho saltato la ripartenza lì, credo che potrei averlo fatto, così l’ho lasciato passare. Fortunatamente, sono riuscito a tornare indietro”.

Le preoccupazioni per i pneumatici prima della gara si sono rivelate un fattore non determinante per l’esito della gara. “Le gomme sono state fantastiche”, ha detto Lia. “Tanto di cappello a Hoosier, non abbiamo battuto nessun pneumatico, e i tempi non sono caduti così tanto”.

Portare a Bristol il Tour-type Modifieds continua una tradizione di esposizione di auto da corsa che normalmente non si vede sul circuito di mezzo miglio del Tennessee orientale. La direzione di Bristol dice che si tratta di dare ai fan qualcosa in più e Lia non potrebbe essere più d’accordo.

“E’ stata una grande gara per i tifosi che sono venuti qui per la prima volta, a Bristol”, ha detto il nativo di Long Island, New York. “Vincere qualsiasi gara è speciale, ma questa one-Bristol-Bristol è un bonus”.

Il successo della corsa di UNOH Perfect Storm 150, insieme ad altri eventi come Street Stock Nationals di Frank Kimmel, cementa la posizione di Bristol come una delle piste NASCAR più innovative e lungimiranti del paese.

Un po’ di storia della Nascar modificata

La divisione NASCAR Modified è stata costituita come parte della creazione della NASCAR nel dicembre 1947. La NASCAR tenne una gara Modified come primo evento sanzionato il 15 febbraio 1948, sul campo da golf sulla spiaggia di Daytona Beach. Red Bryon vinse l’evento e altre 11 gare quell’anno. Nello stesso anno avrebbe poi vinto il primo Campionato NASCAR Modified Championship. La divisione Strictly Stock, che si è evoluta nell’odierna Sprint Cup Series, non ha gareggiato fino al 1949.

Vedi tutte e 13 le foto

L’odierno NASCAR Whelen Modified Tour è iniziato nel 1985 con 29 gare, ed è stato chiamato NASCAR Winston Modified Tour. Ha cambiato sponsor nel 1994 ed è stato rinominato NASCAR Featherlite Modified Series. Due importanti cambiamenti al tour sono avvenuti nel 2005. Whelen Engineering ha assunto la sponsorizzazione della serie e NASCAR ha introdotto una nuova divisione Modified nel sud-est degli Stati Uniti, conosciuta come Whelen Southern Modified Tour. Nello stesso anno i due tour hanno organizzato una gara combinata a Martinsville Speedway.

Il corridore di Lengendary Modified Ritchie Evans ha davvero messo la divisione sulla mappa dei fan di NASCAR. Titolare di un record di nove campionati NASCAR Modified, Evans ha vinto il suo ultimo campionato nel 1985, il primo anno del Winston Modified Tour. Guidando auto costruite e mantenute nella sua officina, Evans ha vinto 12 delle sue 28 partenze del Tour, comprese cinque vittorie consecutive in luglio e agosto.

In ottobre, la stagione si è conclusa in tragedia quando Evans è rimasto ucciso in un incidente di prova in preparazione dell’ultima gara della stagione, la Winn-Dixie 500 a Martinsville. Aveva già conquistato il titolo.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites200912ctrp-1003-01-z-bristol-motor-speedway-racetrack.jpg

Lascia un commento