C10 Allineamento cabina e carrozzeria

Rack ‘Em Up

Vedi tutte le 2 fotoRon CeridonowriterJason ScudellariphotographerFeb 6, 2014

Guardando le bellezze incontaminate che si vedono ogni mese sulle pagine di CUSTOM CLASSIC TRUCKS è facile dimenticare che molti di questi veicoli sono stati portati via dal concessionario e messi al lavoro. Anche se oggi i nostri camion possono essere amorevolmente curati, il più delle volte sono stati usati e maltrattati per trasportare carichi grandi e piccoli.

Dato l’uso passato di alcuni camion non sorprende che ci siano questioni che devono essere affrontate – a volte sono ovvie, altre volte no. Un esempio è questo Chevrolet C10 dell’85. A prima vista sembrava un camion piuttosto pulito; tuttavia, c’era un notevole disallineamento tra il retro della cabina e la parte anteriore del letto. Molto spesso questo è il risultato del collasso dei supporti della cabina – l’accumulo di tempo e di chilometri fa sì che i biscotti di gomma della fabbrica si deteriorino e si comprimano.

La migliore cura che abbiamo trovato per i supporti in gomma originali deformati e usurati sono i sostituti di Energy Suspension. I supporti in gomma in stile originale sono così morbidi che spesso si incrinano o si distorcono, distruggendo il corretto allineamento della cabina e del letto. Un’opzione che viene suggerita occasionalmente per prevenire problemi di disallineamento è rappresentata dai supporti in alluminio massiccio della carrozzeria, come quelli che si trovano spesso sui camion da corsa. La nostra esperienza ha dimostrato che i supporti solidi sono troppo rigidi e non perdonabili per l’uso su strada e spesso causano la rottura delle staffe del telaio e dei supporti della carrozzeria. Il meglio di entrambi i mondi sono i supporti della cabina in poliuretano Hyper-Flex di Energy Suspension: sono abbastanza morbidi da assorbire gli urti e le vibrazioni della strada, ma non si comprimono permettendo alla cabina di piegarsi.

Mentre era ovvio che i supporti della cabina della nostra Chevy erano in ritardo per la sostituzione, un’ispezione più approfondita sotto il camion ha confermato i nostri timori che il telaio fosse danneggiato. Era giunto il momento di richiedere una perizia, così abbiamo portato la tonnellata a Mark Woznichak per avere il suo parere. Mark, o Woz come è conosciuto, ha familiarità con la vita nella corsia di sorpasso mentre guida una Top Alcohol Funny Car che ha percorso un tempo di 5,597 secondi a 258,02 mph. Woz è anche il responsabile della verniciatura di alcune delle auto da corsa più belle della NHRA e insieme al suo partner, Eric Hjermstad, Woz gestisce un impianto di prima classe per la riparazione di collisioni, Color by Woz, a Riverside, California.

Una volta sul portapacchi, Eric non ci ha messo molto a diagnosticare i problemi della nostra Chevy, il telaio non si era piegato solo su un lato, probabilmente per un sovraccarico, la flangia inferiore sul lato sinistro era piegata, molto probabilmente per essere rimbalzata su qualcosa come una grossa roccia. Inoltre, i “binari erano “diamantati” – in altre parole, un binario era stato spinto in avanti, probabilmente per essere stato colpito da dietro e il telaio non era più squadrato. Anche se l’entità del danno al telaio del nostro camion lo fa sembrare un candidato per il deposito di rottami, è possibile correggere le varie torsioni e regolazioni. Le riparazioni necessarie richiedono l’attrezzatura adeguata e un tecnico con esperienza e Paint by Woz ha entrambe le cose.

Dopo qualche ora sul portapacchi e qualche tonnellata di traino qui e lì a tenere fermo il telaio della nostra Chevy è tornato alle specifiche di fabbrica. Con il quadrato del framerails, la sagomatura rimossa e i nuovi supporti della cabina in posizione e la nostra C10 era pronta a passare il resto della sua vita a farsi coccolare.

Vedi tutte e 2 le foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites20142racked-1985-chevy-c101.jpg

Lascia un commento