Calori Coupe: Profilo di un Hot Rod

Jack Calori's beautifully detailed hot rods were also very competitive racers on the lakes. See more hot rod pictures. Anche le hot rod di Jack Calori sono state molto competitive sui laghi. Vedere di più immagini hot rod . .

Prima di creare la Calori Coupé, Jack Calori ha iniziato come un hot roder. Costruì e corse quattro Ford roadster del 1932 e acquistò una Ford roadster del 1929 che sarebbe diventata una delle più famose corse sui laghi dell’epoca.

Le auto di Calori si distinguevano dalla maggior parte delle Hot Rod dell’epoca per il loro livello di dettaglio e di finitura. Ogni auto era splendidamente verniciata e tappezzata, e i motori erano lucidati e cromati. Inoltre, erano molto competitive sui laghi, un fatto che la sua collezione di targhette di cronometraggio può testimoniare.

Galleria di immagini Hot Rod

Jack comprò una Ford coupé del 1936 dal proprietario originale nel 1947 per sostituire la roadster del 1929 come guidatore giornaliero e, di fatto, diventare la vettura da traino del 1929. L’amico di Jack, il body man Herb Reneau, responsabile dei lavori del 1929, vide il potenziale dell’auto.

Mentre era conservato nel suo garage, Herb ha tagliato la parte superiore senza preavviso. Fortunatamente, Jack ha ceduto al fascino “kustom”, e lui e Herb hanno continuato a costruire una delle più belle dogane Ford del 1936 della storia.

Jack fece un grave passo nella parte posteriore del telaio e installò un assale ribassato nella parte anteriore per ottenere la giusta posizione, mentre Herb tagliò i primi tre pollici, e aggiunse una griglia LaSalle del 1939, un cofano a conchiglia, gonne e fari Chevy del 1940.

Articolo molto interessante
Come funzionano le spazzatrici stradali

The interior of the Calori Coupe was impeccably finished with roll-and-pleat upholstery and contrasting white trim.” ” L’interno della Calori Coupé è stato rifinito in modo impeccabile con tappezzeria roll-and-pleat e finiture bianche a contrasto.

I paraurti erano di una Ford del 1941 e i fanali posteriori di una Hudson del 1941. L’auto è innegabilmente simile allo stile della Westergard, ma Calori sostiene di non aver mai sentito parlare di Harry Westergard quando lui e Herb costruirono l’auto.

Jack non ha abbandonato del tutto le sue calde radici vaganti. Quando vendette il suo 1929, tenne il motore e lo installò nel 1936. Il motore, una Mercury 59AB, era annoiato e accarezzava 1/8 di pollice in ogni direzione, poi gli fu data una camma Clay Smith, un distributore Lincoln, teste Eddie Meyer e una presa Weiand.

La coppa dell’olio, il tubo dell’asta di livello, le pompe dell’acqua, la cassa del generatore e il bocchettone di riempimento/sfiato dell’olio sono stati tutti cromati e le testate e l’aspirazione sono state lucidate.

Quando fu installato nel 1929, il motore aveva guadagnato a Jack non meno di un terzo posto ad ogni evento sui laghi in cui gareggiava. Calori provò il motore anche nel coupé, andando a 114,5 miglia orarie in una corsa della Russetta Timing Association.

The famed Calori Coupe inspired many an imitator after appearing on the cover of Hot Rod in 1949.La famosa Calori Coupe ha ispirato molti imitatori dopo che appare sulla copertina di Hot Rod nel 1949.

Il problema di mettere il motore “caldo” nella sua auto personalizzata, tuttavia, era il raffreddamento. Non c’era spazio per un ventilatore, e la griglia di LaSalle non permetteva un grande flusso d’aria.

Articolo molto interessante
1964, 1965, 1966 Ford Thunderbird

Dopo aver aggiunto una paletta sotto il paraurti anteriore, aver forato le lamelle nel cofano e aver aggiunto la capacità dell’acqua al serbatoio del radiatore, l’auto non si raffreddava ancora correttamente.

Gran parte della fama dell’auto è dovuta alla sua apparizione sulla copertina del numero di novembre 1949 di Hot Rod . Tom Medley individuò l’auto per strada e organizzò un servizio fotografico improvvisato. Questa esposizione ha ispirato molti imitatori e ha fatto guadagnare alla coupé un posto nella storia della personalizzazione.

Jack scambiò la coupé nel 1950 con una nuova Mercury. Roger Domini la trovò più tardi a Washington e ne fu proprietario per molti anni.

Nel 2003, Jorge Zaragoza ha acquistato l’auto e l’ha fatta restaurare da Roy Brizio Street Rods per la prima classe personalizzata a Pebble Beach nel 2005.

Lì, ha vinto sia il premio come migliore della classe che il premio Dean Bachelor. Poco dopo, l’auto è stata esposta al Peterson Automotive Museum come un pezzo vivente dei primi tempi delle auto personalizzate.

Per saperne di più sulle auto personalizzate e le hot rod, vedi:

  • Storia delle Hot Rods
  • Profili auto personalizzati
  • Profili ad asta calda

Lascia un commento