Cinque minuti con il campione dei carburanti Top Larry Dixon

Vedi tutte e 1 le fotoMike Finneganwriter 4 luglio 2012

Speriamo che Larry Dixon abbia già un giro in un Top Fuel Dragster nella serie NHRA Full Throttle drag racing. Quando lo abbiamo intervistato alla prima tappa del tour, la NHRA Winternationals a Pomona, in California, si era appena separato dal team Al-Anabi, che batteva il mondo, e dal suo genio, Alan Johnson, una mossa che ha sconvolto il mondo delle corse. Il comunicato stampa ufficiale non ha fornito alcuna ragione reale per la separazione, almeno non una che i tifosi credessero o volessero sentire. Il loro eroe era fuori e il nuovo arrivato Shawn Langdon era nell’auto di Dixon. Non aveva molto senso, visto che Larry aveva vinto il campionato nel 2010 e si era piazzato al quarto posto nel 2011. È un ragazzo molto simpatico, per di più. Dixon è cresciuto in pista, ha lavorato in un negozio di velocità e ha guidato e guidato per Don Prudhomme, diventando alla fine un duro al volante mentre vinceva i campionati e abbatteva gli sfidanti più difficili di questo sport. Siamo rimasti sbalorditi dal fatto che all’inizio del 2012 non abbia avuto un passaggio, ma chiaramente Dixon non se l’è lasciata sfuggire.

HRM : C’è qualcosa di significativo in queste foto di tuo padre di un tempo? Eri piuttosto giovane allora.

LD : Non ho capito che si trattava dei Winternationals. C’erano così tante dragstrip in California a quei tempi che mio padre ci corse che era solo un’altra gara. Questo è quello che abbiamo fatto. Da bambino non facevo sport. Andavamo alle corse. Quarant’anni dopo, vado ancora alle corse. Ricordo che mio padre aveva vinto l’incontro HOT ROD, e chi aveva vinto in Top Fuel aveva ottenuto la copertina della rivista. Mio padre corse Tony [Nancy] nella finale qui nel 1970. Aveva un negozio di tappezzeria a Sherman Oaks. Era il dio della tappezzeria per le Hot Rod e le auto da corsa, e correva nei fine settimana. Avere un interno di Tony Nancy era un grande affare.

HRM : Avete un hot rod?

LD : Sì, ora ho una Nova del ’66. L’ho costruita per la strada negli anni ’80 con collettori di scarico di riserva e un sistema nitroso nascosto. Mi sono sempre piaciute le Novas per via di ragazzi come Bill Jenkins, che negli anni ’60 gareggiavano in Super Stock. La sua auto era leggera, e ha battuto le auto di Hemi perché era così leggera. Questo mi ha davvero insegnato quanto sia importante il peso nelle corse. Ho sempre avuto quest’auto, ma è rimasta parcheggiata da quando sono andato a lavorare per Don Prudhomme. La mia prima auto è stata una Chevy del ’55. L’ho avuta in seconda media, senza motore, senza trans e senza frontale. Lavoravo durante l’estate per comprare i pezzi per metterla insieme.

HRM : Quindi, quando siete riusciti a guidarla, era già insieme?

LD : Sì, era in funzione, ma ho dovuto aspettare un mese dopo aver ottenuto la licenza perché non avevo i soldi per l’assicurazione.

HRM : Posso capire. Ho comprato una Camaro al secondo anno di liceo e ho dovuto aspettare di essere al terzo anno per guidarla perché papà non mi avrebbe dato i soldi per assicurarla.

LD : Così è stato. La gente può dire che è meschino o difficile, ma sicuramente ti insegna.

HRM : A proposito di lezioni di apprendimento, vi siete mai fatti beccare mentre correvate per strada nel ’55?

LD : Sono cresciuta nella Valle di San Fernando e navigavo su Van Nuys Boulevard. Avevamo organizzato una gara contro un Kawasaki Ninja nella valle. Abbiamo corso, ne ho perso uno vicino, e mentre stavo rallentando dalla corsa, i riflettori di un elicottero della polizia si sono puntati su di me. Così decollo, percorro una strada e svolto e ne tiro giù un’altra. Vado sotto il sottopasso dell’autostrada e mi fermo un attimo per capire cosa fare, perché non riesco a scappare. Riparto e finisco a casa mia. Non posso fermarmi lì, mio padre mi ucciderà! Ho solo 19 anni, e nella mia mente sarebbe peggio! Così finisco di guidare per la mia strada e dietro l’angolo e accosto e aspetto l’arrivo della cavalleria. Mi sequestrano l’auto, mi arrestano, mi prendono le foto, le impronte, tutto quanto. Quando mi rilasciano e lascio il distretto di Van Nuys, tutti i miei amici erano lì ad accogliermi. Mi sono sentito come Ray Liotta in Goodfellas quando è stato fatto fuori, ma per me questo ha davvero tolto il divertimento. Non è stato molto tempo dopo che ho trovato lavoro su una macchina Top Fuel e ho capito come stare lontano dalla strada e farlo su una pista da corsa, e da lì è nevicato.

HRM : Lo sai che hanno ricominciato a navigare a Van Nuys?

LD : Sì, sono andato un paio di anni fa e ho visto dei ragazzi che non vedevo da 25 anni. Prima di andare in tour lavoravo da quelle parti in un negozio di velocità chiamato Service Center. Vedere di nuovo tutte quelle persone era come essere in Ritorno al futuro.

HRM : Quando è stata l’ultima volta che ha fatto la fila con qualcuno che l’ha veramente intimidita?

LD : Wow! Dovresti tornare a guidare un’auto da alcool o forse la mia auto da strada. C’era un tizio di nome Bottle Bob che correva per la Valley, e poteva benissimo essere Don Garlits. Se chiedessi a qualcuno di quella zona e di quell’epoca di Bottle Bob, saprebbe di chi sto parlando. Ero completamente intimidito da lui. Aveva una Camaro dell’82 con un grosso blocco e il nitroso. Tutte le sue auto avevano dei grossi blocchi. Non hai mai chiesto di guardare il suo motore perché non te lo avrebbe mostrato. L’ho battuto una volta e mi è sembrato di battere Garlits.

HRM : Ritorno alla Nova. Qual è il piano?

LD : Lo finiremo. Ho parlato con il Dr. Jamie alla GM per rifarlo presto. Mi piace parlare piano e portare un grosso bastone, quindi tutto quello che ho è sempre molto conservatore e ha un grande slittamento di tempo. Questo è quello che voglio. Tutto sotto il cofano. Un piccolo pneumatico. Si possono fare 9s con una gomma piccola. Molto basso, con sospensioni pneumatiche, e con un piccolo blocco.

HRM : Sembra una corsa perfetta per la Drag Week. Hai sentito parlare di questa gara?

LD : Sì, l’ho fatto. Ho visto quella Nova a Las Vegas con i turbocompressori gemelli, ed è piuttosto impressionante. E se mai ci fosse un momento per fare la Drag Week, questo è l’anno, visto che sono tra un concerto e l’altro.

HRM : OK, l’hai tirato fuori tu. Cosa sta succedendo? Qual è il piano per guidare quest’anno?

LD : Beh, sono diventato disponibile così tardi nella bassa stagione dell’anno scorso che tutte le corse sono state fatte. E’ come diventare disponibile proprio quando inizia la stagione NFL e ti sei perso il campo di allenamento. Sto lavorando sodo per mettere insieme un programma per il 2013. Se questo sia per possedere, partner, o guidare è ancora da determinare.

HRM : Allora, ti piacerebbe prendere in considerazione la possibilità di non guidare?

LD : No, intendevo possedere la macchina e guidarla come fa Bob Vandergriff.

HRM : Devo dire – e non ti sto baciando il culo – che sono davvero sorpreso che proprio tu, tra tutti, non abbia un passaggio.

LD : Molto ha a che fare con i tempi di quando ho lasciato Al-Anabi. Ma penso che tutto accade per un motivo, e un’altra porta si aprirà, e potrebbe essere una porta più grande, migliore. È quello che è.

HRM : Cosa è successo tra lei e Al-Anabi?

LD : Non lo so nemmeno.

HRM : 1.000 piedi o un quarto di miglio?

LD : Quando le auto andavano troppo veloci a Talladega e Daytona, hanno trovato un modo per far correre le auto in pista, non l’infield. Quello che la NHRA ha fatto quando sono andati a 1.000 piedi era necessario in quel momento. Ma ora abbiamo le trappole di sabbia, le reti e le zone di chiusura più sicure. Le piste sono migliori, e sarei entusiasta se tornassero a correre per un quarto di miglio.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2012\07\hrdp-1207-interview-with-top-fuel-champion-larry-dixon-01a.jpg

Lascia un commento