Come funziona Ford

Ford ha creato una forte concorrenza nell’era post-depressiva con modelli come questa roadster Ford Deluxe del 1932. Vedi altre immagini di auto Ford .

Fondata nel 1903, la Ford Motor Company è salita alle stelle dall’oscurità per dominare l’industria automobilistica americana in meno di 12 anni. Alla base di questo ineguagliabile successo c’era la prima auto prodotta in serie al mondo: la semplice ed economica Model T, la cui amabile eccentricità era pari solo a quella del suo creatore, il fondatore dell’azienda Henry Ford.

La decisione di Henry di abbandonare la sua preziosa “Tin Lizzie” dopo 19 anni e una sconcertante quindicina di milioni di auto – l’ultima non molto diversa dalla prima – è arrivata quasi troppo tardi, e la sua azienda ha perso molto in denaro e buona volontà durante il lungo passaggio al nuovo modello A.

.

Eppure, nonostante l’accanita concorrenza di una Chevrolet aggressiva e dell’esordiente Plymouth, la Model A fu un successo, quasi perfettamente in linea con la Grande Depressione iniziata subito dopo il suo debutto nel 1928. La Ford costruì più di 1,1 milioni di auto per il 1930 – quasi il doppio della Chevrolet e più di 14 volte la Plymouth.

La Ford Modello A del 1930 ricevette una serie di modifiche che oggi sembrano minori, ma che all’epoca erano importanti. Tutti i modelli mantennero lo stile della “piccola Lincoln” realizzata dal figlio artistico di Henry, Edsel (che fu nominato presidente della Ford Motor Company nel 1919), ma i parafanghi erano più bassi e più larghi, il cofano era più alto, e l’acciaio inossidabile sostituiva la piastra di nichel sul radiatore e sulle coperture dei fari.

Articolo molto interessante
Immagini ibride plug-in

Il miglioramento dell’aspetto inferiore è stato un passaggio alle gomme a palloncino su ruote più piccole da 19 pollici (sostituendo quelle da 21 pollici). Le modifiche apportate durante l’anno del modello comprendevano un rapporto di sterzata numericamente più alto per un minore sforzo al volante e la standardizzazione dei tergicristalli a depressione che in precedenza erano stati un accessorio extra costoso.

Come prima, la Model A si estendeva su una vasta gamma di carrozzerie: coupé, coupé sportive, roadster e cabriolet con o senza sedile rumble; berline “Tudor” e “Fordor”; una Town Sedan sorprendentemente dignitosa e una station wagon con carrozzeria in legno. La maggior parte di queste vetture potrebbe essere dotata di finiture Standard o DeLuxe, quest’ultima tipicamente caratterizzata da colori più brillanti e interni più eleganti. I prezzi variavano da soli 435 dollari per la roadster a due posti di base a 660 dollari per la Town Sedan.

C’era anche una Town Car molto lussuosa con tetto formale ricoperto di tela. Non molte sono state vendute a 1200 dollari, solo 96 per l’anno del modello. A giugno è arrivata una DeLuxe due porte a due porte da 625 dollari, una sbarazzina cinque posti a cinque posti con ruota di scorta di serie sul lato sinistro, portabagagli cromato, rivestimenti in pelle e volante e parabrezza inferiori. Un altro nuovo stile, che si inchinò nell’autunno del 1930, fu la Victoria coupé con il parabrezza inclinato, che ben presto divenne di uso comune in tutta Detroit.

Articolo molto interessante
1938 Peugeot 402 B Hardtop retrattile

Pochi cambiamenti visibili si sono verificati per il 1931, salvo una sezione dipinta in cima alla parte anteriore del guscio del radiatore, che ha reso facile l’identificazione. La Chevrolet stava ancora spingendo molto, e la Ford ha ceduto il primo posto nel 1931 nel volume del modellismo del 1931, anche se solo con circa 4100 vetture. La Ford non superò di nuovo la Chevrolet fino al 1934, nonostante il colpo di stato con il primo V-8 a basso prezzo d’America.

Ulteriori informazioni su Ford

La Ford Motor Company ha guidato l’industria automobilistica americana fin dall’inizio. Per saperne di più sull’affascinante passato e sul presente della Ford, visitate questi altri siti.

  • Recensioni e prezzi delle auto nuove Ford
  • Recensioni e prezzi delle auto usate Ford

Lascia un commento