Come funziona il controllo della trazione

Galleria immagini: Sicurezza delle auto Le auto spruzzano acqua nel centro di Auckland, Nuova Zelanda, mentre attraversano profonde pozzanghere durante le forti piogge.Bruno Vincent/Getty Images

Nei secoli bui degli anni ’70, gli ingegneri automobilistici in camice bianco, guanti di gomma nera e occhiali con cinghie di protezione alle tempie lavoravano nei profondi e scuri scantinati tedeschi per creare sistemi frenanti antibloccaggio, o ABS. Una serie di sensori, computer e magie tecnologiche hanno eliminato la necessità di pompare i freni. Una volta che questi sensori sono stati installati, è stato abbastanza facile fargli fare un doppio lavoro per evitare che le gomme stridessero, fumassero e scivolassero anche quando l’auto accelerava. Nel 1985, alcuni scienziati meno esperti avevano creato sistemi di controllo della trazione.

E ora, il controllo della trazione è ampiamente disponibile perché è stato richiesto su tutti i veicoli venduti negli Stati Uniti per l’anno di modello 2012 e oltre. E anche se si chiamano con molti nomi e acronimi, hanno tutti lo stesso significato: una guida più sicura attraverso il controllo di trazione:

Pubblicità

  • ETC o TC: Controllo elettronico della trazione o solo controllo della trazione
  • DSC: Controllo dinamico della stabilità
  • DTC: Controllo dinamico della trazione
  • ESP: Programma elettronico di stabilità
Articolo molto interessante
5 errori comuni da evitare durante la guida sulla neve

Lascia un commento