Come funziona KTM X-Bow

Image Gallery: Exotic Cars The KTM X-Bow Clubsport. See more pictures of exotic cars. Galleria immagini: Auto esotiche La KTM X-Bow Clubsport. Vedi altre immagini di auto esotiche.Foto per gentile concessione di KTM-Sportmotorcycle AG

Cosa date all’appassionato di auto che ha tutto? Che ne dite di qualcosa di così buono che non potreste nemmeno comprarlo negli Stati Uniti – fino ad ora, cioè: la KTM X-Bow. Proveniente dall’Austria, è la prima auto del produttore di biciclette sportive KTM.

La X-Bow (si pronuncia “balestra”) è piccola e aggressiva, con una silhouette che ricorda vagamente una Lotus. Più si guarda a lungo, però, più le differenze vengono alla luce. La cosa più ovvia è che la X-Bow è essenzialmente un go-kart a cielo aperto, che offre un’esperienza “non filtrata” per i “puristi”, secondo il distributore nordamericano della vettura, British Racing Group, L.L.C.

Gli appassionati della pista con la tasca profonda aspettano dal 2008 di mettere il loro culo sul sedile dell’X-Bow, ma KTM non ha mai portato a termine il suo tanto chiacchierato progetto di importare l’X-Bow. British Racing Group L.L.C., una catena di boutique specializzate nella localizzazione e nella vendita di auto difficili da trovare, ha rilevato le attività di vendita negli Stati Uniti. Eviteranno i problemi di legalità appiccicosa commercializzando la X-Bow come kit car – in altre parole, vi venderanno la conchiglia. L’acquisto e l’installazione dei pezzi di ricambio sono un problema vostro (ma è una situazione piuttosto comune con le auto in kit). In particolare, dicono: “La specifica nordamericana KTM X-Bow è classificata come veicolo da costruzione speciale dall’EPA, dal NHSTA e dai dipartimenti statali dei trasporti. Come tale, viene venduto senza motore e transaxle” [fonte: British Racing Group, L.L.C.].

Articolo molto interessante
2004 Cadillac XRL

I termini del British Racing Group includono anche il legalese che dice, fondamentalmente, solo perché la venderanno non significa che l’acquirente sarà necessariamente in grado di guidarla, almeno secondo le normative nazionali e statali. (Tuttavia, è autorizzata per l’uso su strada nella maggior parte dell’Unione Europea, così come negli Emirati Arabi Uniti).

Le difficoltà di possedere l’X-Bow sembrano contribuire solo al suo status di culto. È degno di nota il fatto che l’X-Bow abbia creato un tale scalpore nonostante le sue modeste fondamenta. Anche se l’auto viene fornita senza motore, è stata progettata per funzionare con un motore specifico – un comune quattro cilindri da 240 cavalli che è stato preso in prestito dalla famiglia Volkswagen-Audi (di questo parleremo più avanti). Anche se è piuttosto vivace in un’auto spartana, la potenza relativamente bassa potrebbe essere sorprendente per un giocattolo da pista che si trova appena al di sotto di un prezzo a sei cifre. Basti dire che i numeri da soli non raccontano tutta la storia.

Allora, cosa rende l’X-Bow così ricercato – è solo il fattore “non si può avere”? Nella prossima pagina parleremo ancora del design di X-Bow.

Lascia un commento