Come funziona l’auto del domani della NASCAR

NEXT PAGE NASCAR driver Jimmie Johnson poses in front of his Car of Tomorrow Chevrolet Impala SS at the Bristol Motor Speedway.Il pilota della NASCAR Jimmie Johnson posa davanti alla sua auto di Domani Chevrolet Impala SS alla Bristol Motor Speedway.Dorsey Patrick/GM Racing/Getty Images

Il 18 febbraio 2001, le corse di stock car hanno perso uno degli uomini il cui nome era praticamente sinonimo di questo sport: Dale Earnhardt, Sr. Earnhardt stava uscendo dalla quarta curva dell’ultimo giro della Daytona 500 di quel giorno, quando il suo pannello posteriore sinistro del quarto posteriore è stato colpito dal pilota Sterling Marlin. La famigerata Chevrolet numero 3 nera di Earnhardt ha sbandato in pista prima di sbattere contro il muro in cima alla curva.

Pubblicità

Per gli standard della NASCAR, il relitto non sembrava troppo grave. Né l’auto di Earnhardt né quella del pilota Ken Schrader, che in seguito si è schiantato contro di lui, è andata in aria o ha preso fuoco. Ma Schrader è sceso dall’auto e se n’è andato a piedi, Earnhardt no. L’uomo conosciuto come l’Intimidatore morì quel giorno in pista.

All’epoca, i morti affliggevano questo sport. Nel 2000, i piloti della NASCAR Tony Roper, Adam Petty e Kenny Irwin sono stati tutti uccisi durante le gare. Il messaggio divenne presto chiaro ai funzionari della NASCAR: Lo sport doveva diventare più sicuro.

Nel 2007, diversi anni di ricerca, test e sviluppo si sono concretizzati con la Car of Tomorrow (COT), un’auto da corsa NASCAR completamente ridisegnata, costruita con un’enfasi sulla sicurezza dei piloti e, stranamente, con una riduzione dei costi.

Articolo molto interessante
Come funzionano le scuole di corse

La nuova vettura è leggermente più grande, un po’ meno aerodinamica, molto meno sensibile agli urti delle altre auto e più stabile in velocità. Tutti i costruttori concorrenti – Chevrolet, Ford, Dodge e Toyota – usano lo stesso identico modello per costruire le loro auto da corsa al fine di rendere la concorrenza più equa.

In questo articolo, esamineremo la NASCAR Car of Tomorrow – come è stata sviluppata, perché è diversa dalle precedenti auto di serie e perché, nonostante le caratteristiche di sicurezza migliorate, il figlio di Dale Earnhardt è stato un critico severo.

Lascia un commento