Come funziona l’ergonomia dell’auto

Car Safety Image Gallery University of Iowa researcher Dr. Jeffery Dawson drives a newer version of the Automobile for Research in Ergonomics and Safety (ARGOS) vehicle. It's used to predict safe and unsafe driving abilities in older drivers. See more car safety pictures. Car Safety Image Gallery Il ricercatore dell’Università dello Iowa Dr. Jeffery Dawson guida una versione più recente del veicolo Automobile for Research in Ergonomics and Safety (ARGOS). Viene utilizzato per prevedere le capacità di guida sicura e non sicura dei guidatori più anziani. Vedi altre immagini di sicurezza auto . Foto AP/Raggio Brian

I dizionari generalmente definiscono l’ergonomia come una disciplina scientifica che utilizza i principi della biotecnologia e dell’ingegneria per rendere i prodotti più confortevoli per i lavoratori e i consumatori. Ma l’ergonomia non è solo design. È anche un fattore che influisce sul modo in cui usiamo le cose.

Nel contesto di un’automobile, ciò significa considerare qualsiasi cosa, dal posizionamento di un quadrante della radio al modo in cui una persona si siede sul sedile del passeggero. Un ingegnere ergonomico della Ford ha descritto il suo lavoro come “ingegneria dei fattori umani” [fonte: Autoweb]. Quindi, anche se gli ingegneri possono progettare le auto per essere ergonomicamente amichevoli, ciò non significa che un solo design possa funzionare per tutti gli utenti, specialmente se l’auto è progettata per una persona di determinate proporzioni.

Pubblicità

Anche a noi passeggeri e autisti spetta il compito di metterci a nostro agio. Ad esempio, se si è alla guida e si posiziona il sedile in modo che i piedi raggiungano a malapena i pedali, si può indurre uno sforzo inutile sulle braccia – così come stare seduti troppo vicini può causare dolori alle gambe o alla schiena. La posizione del sedile, la postura e il tempo trascorso in macchina possono influire sulla salute di una persona. Secondo uno studio, se si guida quattro o più ore al giorno, è sei volte più probabile che si sviluppino problemi alla schiena [fonte: Driver Ergonomics ]. I disturbi muscoloscheletrici sono un problema anche per i conducenti di veicoli a lunga percorrenza, in particolare per quelli che guidano per vivere: camionisti, tassisti, persino i poliziotti di pattuglia.

Articolo molto interessante
Qual è la differenza tra un turbocompressore e un compressore sul motore di un'auto?

In questo articolo, daremo uno sguardo al design dell’ergonomia dell’auto e a come sfruttarla al meglio per la salute, il comfort, l’efficienza e la sicurezza. Per prima cosa, vediamo che ruolo gioca l’ergonomia per una persona al posto di guida.

Lascia un commento