Come funzionano i biocarburanti di seconda generazione?

You're looking at a field of miscanthus, a key member of the second generation of biofuels that's helping to shift the biofuel focus away from corn. Want to learn more? Check out these alternative fuel vehicle pictures. Si tratta di un campo di miscanthus, un membro chiave della seconda generazione di biocarburanti che sta aiutando a spostare l’attenzione del biocarburante dal mais. Volete saperne di più? Date un’occhiata a queste immagini di veicoli a carburante alternativo . Immagini di Tim Graham/ Getty

A prima vista, i campi di miscanto che ricoprono la Sampson County, N.C., sembrano di poca importanza. In piedi 4 piedi (1,21 metri) più alto di un canestro da basket, il miscanto è un’erba gigante, appuntita, immangiabile – e alcuni direbbero inutile -. Eppure, secondo altri, queste lame sovradimensionate potrebbero un giorno avere lo stesso valore dell’oro, o almeno un serbatoio di benzina. Una società chiamata Chemtex progetta di costruire una raffineria da 170 milioni di dollari nella contea di Sampson che convertirà 20 milioni di tonnellate di miscanto e altre erbe in etanolo ogni anno [fonte: Ramsey].

Per anni, politici, giornalisti e scienziati hanno sostenuto la necessità di trasformare le piante in etanolo e biodiesel per ridurre il consumo mondiale di combustibili fossili, in particolare di petrolio greggio. Il biocombustibile brucia più pulito dei combustibili fossili, rilasciando nell’atmosfera meno inquinanti e gas serra, inclusa l’anidride carbonica.

Pubblicità

Gran parte dei biocombustibili del mondo proviene da colture alimentari come grano, mais, soia e canna da zucchero. L’energia prodotta da queste piante è nota come biocarburante di “prima generazione”. A quanto pare, questi pionieri dei biocarburanti non mantengono la promessa che avevano fatto una volta. Per prima cosa, alcune colture di biocarburante di prima generazione, specialmente il mais, competono con le colture alimentari per la terra e l’acqua. Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti afferma che le raffinerie che sviluppano etanolo dal mais consumano ogni anno circa il 40% del raccolto di mais [fonte: Blas ]. Nel 2009, il 25% di tutte le coltivazioni di mais e grano degli Stati Uniti non è andato a produrre cibo, ma a produrre biocarburante [fonte: Vidal ].

Articolo molto interessante
Finestre abbassate o aria condizionata accesa - cosa è più efficiente dal punto di vista del consumo di carburante?

Tale consumo di raccolti può creare molti problemi, tra cui l’aumento dei prezzi dei prodotti alimentari e la deforestazione. Inoltre, i costi di conversione e di utilizzo delle colture alimentari come fonte di combustibile possono essere costosi. Questo perché le raffinerie possono utilizzare solo piccole parti della pianta per la produzione di biocarburanti, come il suo contenuto di olio, zucchero e amido. Una tale inefficienza rende i biocarburanti di prima generazione meno piacevoli per l’ambiente. Inoltre, gli esperti ora credono che i biocarburanti non sostituiranno mai completamente il petrolio greggio come fonte energetica di scelta. In breve, la produzione di biocombustibili è inefficiente e, sotto molti punti di vista, non è sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico [fonti: Banca Mondiale; Science Daily ].

Ma il futuro del biocarburante come fonte di energia alternativa potrebbe non essere così cupo come si pensava una volta. Grazie all’erba del miscanto e ad altre colture di biocarburante di “seconda generazione”, il potenziale per ridurre la dipendenza del mondo dal petrolio straniero non è mai stato così grande.

Lascia un commento