Come funzionano i sistemi di controllo delle emissioni evaporative

Non lasciate che questo accada a voi. Immagini Thinkstock/Stock Images/ Getty Images

Quando pensiamo alle emissioni delle automobili, spesso pensiamo alle cose sporche che escono dai nostri tubi di scarico. Il processo di combustione interna crea sostanze chimiche nocive (come CO2 e ossidi di azoto) che vengono rilasciate nell’aria durante la guida. Ma le emissioni dei tubi di scappamento sono controllate utilizzando una varietà di sistemi come le marmitte catalitiche e i sistemi di ricircolo dei gas di scarico, e sono regolate da leggi statali e federali.

Ma lo sapevate che c’è un altro tipo di emissione che proviene dalle nostre auto? Si chiamano emissioni per evaporazione. La benzina nel serbatoio e nei condotti del carburante evapora lentamente nel tempo, rilasciando composti organici volatili nell’aria. L’Agenzia per la protezione dell’ambiente dice che ci sono abbastanza di queste emissioni per contribuire all’inquinamento atmosferico e rappresentare un rischio per la salute degli esseri umani [fonte: EPA ].

Pubblicità

A causa della loro natura dannosa, il governo regola anche queste emissioni evaporative nei nuovi veicoli. Ciò significa che le case automobilistiche sono tenute a installare sistemi di controllo delle emissioni evaporative su ogni nuova auto e camion che costruiscono. Non è niente di nuovo, davvero – questi sistemi sono in vigore dall’inizio degli anni ’70. Ma con il progresso della tecnologia, le case automobilistiche trovano modi più nuovi e innovativi per mitigare l’inquinamento.

Articolo molto interessante
Come pulire il motore di controllo del sensore dell'aria inattiva

In questo articolo vi racconteremo come funzionano i sistemi di controllo delle emissioni per evaporazione e impareremo come evitare che il carburante del vostro veicolo evapori in determinate condizioni.

Lascia un commento