Come funzionano i sistemi di esclusione dei freni

Image Gallery: Car Safety The BMW 750 was the first car to feature a brake override system. See more car safety pictures. Galleria immagini: Sicurezza auto La BMW 750 è stata la prima auto ad avere un sistema di override dei freni. Guarda altre immagini sulla sicurezza delle auto.Foto di Getty Images

Un tempo i sistemi di frenatura erano semplici. Quando si premeva il pedale, un sistema meccanico utilizzava fisicamente le ganasce dei freni per fermare la macchina alle ruote. Mentre l’attrito delle pastiglie dei freni è ancora al lavoro quando si ferma l’auto, i progressi elettronici come l’ABS, l’assistenza alla frenata e ora i sistemi di override dei freni hanno cambiato ciò che accade tra l’abbassamento del piede e l’arresto dell’auto. Non c’è necessariamente un collegamento diretto tra il piede sul pedale e la pastiglia del freno sulla ruota.

Il comando del freno è noto anche come pedale intelligente . In questi sistemi frenanti, i sensori riconoscono quando il pedale dell’acceleratore e il pedale del freno vengono premuti contemporaneamente. Riconoscono anche che non è così che si guida normalmente e che qualcosa sta andando storto. Il computer centrale dell’auto ha quindi una varietà di modi per rallentare l’auto in modo sicuro.

Pubblicità

La tecnologia è stata utilizzata per la prima volta nella BMW 750 alla fine degli anni ’80 come miglioramento delle prestazioni per la guida in stile corsa, in cui un pilota usa il tallone e la punta di un piede per controllare due pedali allo stesso tempo. Ogni BMW costruita dal 2001 ha avuto il controllo dei freni. La Chrysler è stata il prossimo costruttore ad utilizzare l’override dei freni nei suoi modelli del 2003. Al giorno d’oggi, diverse case automobilistiche utilizzano questa tecnologia, e presto ne seguiranno altre [fonte: Motavalli].

Articolo molto interessante
Come funziona il seggiolino di sicurezza Cadillac

Parlando di tecnologia, diamo un’occhiata a cosa comporta un sistema di override dei freni nella pagina successiva.

Lascia un commento