Come funzionano le auto Panoz

La Panoz A.I.V. Roadster, mostrata come modello del 1999, era un upgrade del primo veicolo del costruttore esotico.

Un vero “affare di famiglia”, Panoz Auto Development Company è stata fondata alla fine del 1988 da Daniel Panoz, appassionato di auto sportive e di corse, con il sostegno del suo miliardario padre Donald.

L’anziano Panoz (che si pronuncia “PAY-nose”) ha fatto una grande fortuna grazie a due aziende farmaceutiche con sede in Irlanda, dove Dan è nato nel 1962. Una di queste società sviluppò il cerotto transdermico estremamente redditizio, familiare a molti ex-fumatori di sigarette.

Dopo la formazione come progettista e ingegnere per l’industria aeronautica e aerospaziale, il 26enne Dan Panoz ha fatto domanda per un posto di lavoro presso la Thompson Motor Company di Frank Costin, con sede in Irlanda, solo per scoprire che stava fallendo.

Ma Thompson aveva sviluppato un telaio innovativo che Dan vedeva come un modo per realizzare il suo sogno di costruire un’auto sportiva ad alte prestazioni e bassa produzione nello stampo della consacrata Cobra di Caroll Shelby. Per mantenerla economica e pratica, decise di utilizzare componenti Ford di serie che potevano essere facilmente riparati ovunque.

Mentre allestiva una piccola fabbrica vicino alla tenuta statunitense della famiglia fuori Atlanta, in Georgia, ha lavorato con l’ingegnere John M. Leverett per sviluppare una biposto basata sul telaio Thompson, anche se l’eventuale Panoz Roadster era completamente nuova.

Articolo molto interessante
1954-1955 L'imperatore Manhattan

La vettura comprendeva il classico stile cycle-fender su un telaio in acciaio con un’asta di spinta Mustang V-8 da 5,0 litri, cambio manuale a cinque marce, asse posteriore solido, ruote da 16 pollici e un passo di 98,5 pollici. Sessanta di queste sono state costruite nel 1990-96, e tutte sono state vendute al prezzo suggerito di 43.495 dollari, comprese le tende laterali e la parte superiore in tela.

Alla fine del 1996, Dan invitò Car and Driver a testare un Roadster migliorato soprannominato A.I.V. — “Aluminum Intensive Vehicle”. Il termine si riferiva ad un nuovo robusto telaio spaceframe “twin tier” in alluminio estruso. Ci sono state molte altre modifiche, tra cui un passo più lungo di sei pollici, sospensioni posteriori indipendenti (con bracci A di lunghezza disuguale e ammortizzatori a bobina come nella parte anteriore), ruote da 18 pollici, pneumatici più larghi e una grande presa d’aria sul cofano per eliminare un motore più alto, il V-8 da 4,6 litri a doppia camera di scoppio dell’ultima Mustang SVT Cobra.

L’auto e il guidatore hanno raggiunto la velocità di 0-60 miglia all’ora in 4,8 secondi e un quarto di miglio in piedi di 13,6 secondi a 101 miglia all’ora. “È come guidare una Lotus 7 ma con meno sonagli, il doppio della stanza e il doppio della spinta”, ha entusiasmato il tester John Phillips.

Nonostante la sua natura elementare, l’A.I.V. è stata realizzata in modo eccellente. Ognuno di essi ha richiesto 350 ore di lavoro, un motivo importante per cui il prezzo alla fine ha raggiunto i 63.000 dollari. Nonostante ciò, è stata fornita con una garanzia di tre anni/36.000 miglia, generosa per gli standard “esotici”. La fabbrica mandava persino un tecnico a lavorare con una carrozzeria locale su un’auto abbastanza sfortunata da essere sgranocchiata. Un servizio clienti così personale rimane una specialità PAD.

Articolo molto interessante
Ferrari Mondial

Per informazioni su auto simili a Panoz, vedere:

  • Ferrari
  • Muscle car
  • Ford Mustang
  • 1966 Shelby Cobra 427 Super Snake

Lascia un commento