Concetto di Saturno Flextreme

Presentato al Salone dell’auto di Detroit 2008, il Saturn Flextreme Concept è in realtà due concept vehicle in uno. Sviluppato in collaborazione con il braccio europeo di General Motor, lo stesso veicolo è stato presentato al Salone dell’Auto di Francoforte del 2007 con i distintivi Opel.

Saturn Flextreme Concept

Concetto di Saturno Flextreme

Progettato per competere nel crescente segmento dei crossover compatti, Flextreme espande la tecnologia “E-Flex” di GM, vista per la prima volta al Salone dell’Auto di Chicago 2007 sul concetto Volt di Chevrolet.

E-Flex utilizza un motore elettrico alimentato da una batteria agli ioni di litio, integrato da una fonte di alimentazione ausiliaria, che può essere un motore a combustione interna a benzina o diesel o una cella a combustibile a idrogeno. Il sistema è progettato per fornire fino a 40 miglia di guida esclusivamente a batteria.

Una volta esaurita la batteria, la fonte di alimentazione ausiliaria si attiva per alimentare il veicolo e ricaricare le batterie. Flextreme può quindi essere collegato ad una presa elettrica domestica durante la notte per ricaricare completamente il sistema. Il concetto utilizza come fonte di alimentazione ausiliaria un motore diesel turbo da 1,3 litri relativamente piccolo.

Saturn Flextreme Concept

Concetto di Saturno Flextreme

Saturn sostiene che la Flextreme ha un raggio d’azione di 444 miglia da un singolo serbatoio di gasolio. Secondo Saturn, la maggior parte degli americani fa la spola tra il lavoro e la casa in meno di 40 miglia, il che rende teoricamente possibile per alcuni conducenti raramente o mai attivare il motore diesel.

Articolo molto interessante
1961 Ford Galaxy Sunliner

.

Sì.
Come gli altri veicoli di concetto E-Flex di GM (Chevy Volt e Cadillac PROVOQ), la preparazione della produzione si basa sull’avanzamento della tecnologia delle batterie agli ioni di litio, necessaria per rendere il sistema ibrido pratico e conveniente. Se tutto va bene, i veicoli E-Flex potrebbero raggiungere le mani dei consumatori nella prima parte del prossimo decennio, ben prima che entrino in vigore le severe normative sul risparmio di carburante nel 2020.

Lascia un commento