Cos’è un eLSD?

Runners start races at staggered positions for the same reason that motorized wheels require differentials. I corridori iniziano le gare in posizioni sfalsate per lo stesso motivo per cui le ruote motorizzate richiedono i differenziali. Mike Powell/Allsport Concepts/ Getty Images

Se vi trovate improvvisamente sul mercato per una nuova auto, la terminologia può essere spesso difficile da seguire. Certo, gli ultimi modelli appena usciti dalle fabbriche fanno una bella figura nella pubblicità, girando per le campagne panoramiche e prendendo le curve sulle autostrade costiere come solo un “autista professionista su un percorso stradale chiuso” può fare. Ma poi le case automobilistiche cominciano a tirare fuori le sigle: XWD? TCS? EBD? Se quei tre vi hanno fatto fare un giro, potreste avere problemi anche con questo: eLSD .

Questo piccolo acronimo sta per differenziale elettronico a slittamento limitato . Ancora confuso? Bene, ignoriamo per un attimo la parte “eLS” e concentriamoci sulla “D”. Un differenziale è un gruppo di ingranaggi progettato per permettere ad una ruota su un asse di girare più velocemente dell’altra. Per capire perché questo è necessario, pensate all’ultima volta che avete guardato un evento di atletica leggera. Quando i corridori corrono l’un l’altro intorno alla pista, le loro linee di partenza sono sfalsate. Più la corsia di un corridore è vicina al campo erboso al centro, più la sua posizione di partenza è lontana. Allo stesso modo, il corridore nella corsia più esterna ha una posizione di partenza davanti a tutti gli altri atleti. Se tutte le posizioni di partenza fossero allineate una accanto all’altra, la gara sarebbe gravemente ingiusta perché il corridore più interno avrebbe una distanza da percorrere più breve di tutti gli altri.

Articolo molto interessante
Come funzionano i motori HEMI

Pubblicità

Ora immaginate un’auto che gira in tondo sulla stessa pista. Le ruote da un lato del veicolo sarebbero effettivamente in una corsia interna, mentre le ruote dall’altro lato occuperebbero una corsia esterna. Questo non sarebbe un problema mentre il veicolo sta andando dritto. Durante una curva, tuttavia, le ruote sul lato più esterno del veicolo finirebbero per percorrere una distanza maggiore e quindi tenterebbero di viaggiare a una velocità maggiore. Se lo stesso asse collega una coppia di ruote azionate da un motore, facendo una curva o una curva si creerebbe tensione nella ruota esterna. Affinché questa tensione venga alleggerita, deve accadere una di queste due cose: Il pneumatico salta, o l’albero motore si spezza in due.

Gli ingranaggi differenziali aperti , la varietà di differenziale più elementare, permettono ad ogni ruota di sperimentare diverse velocità di rotazione, essenzialmente dividendo la coppia a due vie con una serie di ingranaggi ad incastro. Un differenziale serve anche a trasferire il moto dell’albero motore all’asse, che si interseca ad angolo retto. Per un approfondimento su questo aspetto, leggere Come funzionano i differenziali .

Va bene, non siamo ancora arrivati a tutte e quattro le lettere, ma nella prossima pagina guarderemo l’LSD.

Lascia un commento