Custom 1957 Chrysler 300C – Big Fins, Bigger Hemi!

300c incontra 494 ci

Vedi tutte le 10 fotoKevin Leephotographerjim austwriterMay 25, 2005

Rivivere i ricordi e crearne di nuovi è stata la motivazione che ha fatto sì che la Chrysler 300C del ’57 di Shaen Magan diventasse realtà. Shaen aveva i primi ricordi di suo zio che possedeva una 300C nuova di zecca e l’impressione che quelle pinne posteriori si sarebbero bruciate per sempre nel suo cervello. Dopo aver cercato da costa a costa, Shaen si imbatté in un probabile candidato praticamente nel suo giardino. Il venditore si era arenato nei suoi sforzi di restauro e Shaen era più che disposto a togliergli la macchina dalle mani. Una volta concluso l’affare, la Chrysler fu trasportata per un paio di isolati alla Air Tech, che stava costruendo alcune altre auto per Shaen.

Jim, Jeremy e Kyle della Air Tech hanno dimensionato il progetto (un’impresa lunga, visto che è uno dei veicoli di produzione americana più lunghi) e hanno proposto alcune idee che avrebbero aggiornato la vecchia ragazza senza macellarla troppo. Il loro primo angolo di attacco sarebbe stato quello di aggiornare il telaio per gestire le condizioni di guida odierne. I nuovi freni e lo sterzo erano al primo posto nella lista delle cose da fare, così i raccoglitori Wilwood (sei pistoni anteriori e quattro posteriori) ora fanno l’arresto e una Chevy 605 modificata fa lo sterzo. Il resto delle sospensioni è fondamentalmente di serie, con l’eccezione di spostare le foglie posteriori all’interno dei tamburi per utilizzare tutti i 12 pollici dei passaruota posteriori di fabbrica per alcuni rotabili più grandi.

Il solo fatto di menzionare la Chrysler e il numero 300 nella stessa frase fa emergere il concetto di prestazione e di muscolo, per cui il motore del ’57 di Shaen dovrebbe rimanere fedele a quell’eredità. Andò oltre la chiamata e andò alla performance di Mopar e alla leggenda della drag race, Dick Landy, per 494 ci della forza bruta della Chrysler Hemi. L’estremità inferiore a prova di proiettile 11.0:1 è stata sormontata da testate in alluminio Mopar Performance e aspirazione e rifinita con un carburatore Barry Grant 980-cfm e testate personalizzate da Kent Performance. A raccogliere tutta la potenza e a trasmetterla al marciapiede c’è un trans automatico 727 rinforzato e un’unità di overdrive Gear Vendors per ammorbidire la bolletta del gas (sì, proprio così!).

Articolo molto interessante
2010 Chevrolet Camaro - La Camaro è qui

Quando l’Air Tech ha trasferito la sua attenzione sulla carrozzeria, la difficoltà maggiore che ha incontrato è stata che la maggior parte delle finiture, e anche i pezzi come le chiusure delle porte, erano unici per il veicolo a bassissima produzione. I pezzi mancanti o danneggiati dovevano essere rintracciati e abilmente liberati dai dadi di ripristino, che avrebbero potuto rabbrividire all’idea di modificare un tale classico. La carrozzeria è stata sdoppiata dal telaio e inviata alla Custom Concept per risolvere gli urti e le contusioni. Rob Fagundes ha poi spruzzato sulla carrozzeria restaurata una combinazione di cremosi House of Kolors. La vernice è stata messa in risalto da cromo replicato (alcune rare parti mancanti hanno dovuto essere rifatte a mano) e da un set di rulli Intro lucidati. L’ultimo dettaglio esterno è una griglia personalizzata una tantum con barre verticali lucidate che produce un aspetto più pulito rispetto all’unità “cassa per le uova” della fabbrica.

Poiché Shaen ha intenzione di passare molto tempo in crociera con la famiglia e gli amici, l’interno è stato oggetto di particolare attenzione da parte di Air Tech, che ha installato un paio di Lexus 300 (ironico, eh?) secchielli anteriori e un sedile posteriore artigianale con console centrale personalizzata sia in alto che in basso. Craig Renn Custom Interior ha applicato il suo lavoro manuale cucendo l’abitacolo e il bagagliaio. Con solo 29 miglia di strada da percorrere quando sono state scattate queste foto, Shaen ci ha informato, con grande soddisfazione, che “quest’auto è stata costruita per fare il pilota, quindi dopo questo servizio fotografico è il momento di bruciare! Cercate questa che fa a pezzi l’autostrada vicino a voi!

Articolo molto interessante
Un camion di copertura pieno di Trick Paint e consigli per il corpo

Vedi tutte le 10 foto

Shaen Magan

Fresno, California

1957 Chrysler 300C

Drivetrain

Con tutto l’interesse focalizzato sulla nuova fabbrica Hemi, il possente mulino è ancora una volta il re dei motori e questo sputafuoco 494ci viene dalla regalità di Mopar. Il guru delle prestazioni Pentastar Dick Landy ha avvitato il possente elefante che respira attraverso le teste in alluminio Mopar Performance e un carburatore Barry Grant 980-cfm montato sotto un pulitore che imita la griglia personalizzata, entrambi della Air Tech. A gestire tutta la potenza c’è un cambio automatico Torqueflite 727 collegato a un’unità overdrive Gear Vendors e a una Ford Currie-built 9 pollici rearend.

Telaio

Il telaio da 18 piedi è stato trovato in ottima forma dopo che è stato tirato da sotto la carrozzeria, quindi le modifiche sono state mantenute per migliorare ciò che era necessario per il massimo divertimento dietro la ruota. La sospensione anteriore a barra di torsione di serie è stata ricostruita e riassemblata con leganti Wilwood e una scatola di alimentazione GM 605. I dischi Wilwood sono stati aggiunti anche nella parte posteriore e sono attivati da un cilindro Corvette a doppio master. Per ottenere la massima quantità di gomma infilata nei passaruota posteriori, le foglie posteriori sono state spostate all’interno dei binari posteriori.

La Chrysler ha fatto un ottimo lavoro nel progettare la 300C del ’57, così Shaen ha deciso di lasciare la carrozzeria completamente in stock e di farla rivestire da Custom Concept (Fresno, California) in un’accattivante casa di Kolors Tangelo Orange sotto un top bianco perla. Il cromo è stato rinfrescato alla Clovis Specialty Plating (Fresno, California).

Articolo molto interessante
Campionato Winston Cup MBNA Gold 400

Interno

Molto lavoro anche all’interno con la pelle scozzese grigio chiaro con inserti in pelle di alligatore arancione americano di Craig Renn Custom Interior (Clovis, California) che ricopre i secchielli della Lexus 300, i sedili posteriori personalizzati, i pannelli delle portiere, le console e il baule. Una ruota Billet Specialties ricopre una colonna basculante Flaming River, che si trova davanti a un manometro fatto a mano da Air Tech riempito con strumenti classici. I brani sono trasmessi attraverso un’unità principale Kenwood che alimenta gli amplificatori e gli altoparlanti Kicker Audio.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2005\05\0508rc-chrysler-p.jpg

Lascia un commento