Dettaglio di un telaio Ford del ’32 – Downtime Deuce

Come dettagliare un tradizionale telaio Ford del ’32

Vedi tutte le 11 fotojim austwriterTim BernsauphotographerFeb 27, 2007

Bryan Smith ottiene tutte le emozioni di cui ha bisogno durante l’orario di lavoro con un’entusiasmante carriera come operatore di macchina fotografica in un elicottero per le notizie. Tuttavia, ha trovato il progetto perfetto proprio sotto il suo naso per rilassarsi tra un’avventura aerea piena d’azione e l’altra. Si dà il caso che suo fratello Craig (con il quale condivide la copertina del numero di questo mese) abbia collezionato pezzi e costruito una Ford roadster del ’32, e lungo il percorso abbia sviluppato una notevole quantità di pezzi extra come un guscio della griglia, un firewall e un telaio. Questi pezzi sono stati trasferiti da un fratello all’altro, e con una Chevy del ’64 buttata dentro da suo padre, Bryan aveva abbastanza pezzi per iniziare un progetto tutto suo.

Bryan è molto più che “orientato al dettaglio”, e così iniziò il lavoro sul suo telaio Ford del ’32 con un sacco di idee di trucchi che gli scorrevano in testa. Dato che passa così tanto tempo nel suo ufficio – 12 ore al giorno di guardia in attesa di notizie – è stato di grande aiuto per il progetto quando Bryan ha chiesto al suo capo se poteva costruire il suo motore nel suo ufficio. Con sua grande sorpresa, ha ottenuto il via libera alle condizioni in cui il motore è rimasto solo nel suo ufficio e fuori dalla vista degli altri colleghi. Sembra che abbia avuto un po’ di tempo di fermo, dato che il 327 è stato costruito e dettagliato con un collettore di aspirazione 3×2 sormontato da un trio di carburatori Rochester 2G ricostruiti e affiancato su entrambi i lati da un paio di coprivalvole Edelbrock e testate Sanderson. Un tocco finale è un filtro dell’aria Ford 427 modificato per adattarsi alla configurazione a tre carburatori.

Articolo molto interessante
1968 Ford F-100 Aggiornamento dell'albero dello sterzo - Il Bumpside Build-Off

Vedi tutte le 11 foto

Nel suo fuori orario, il lavoro sul telaio è iniziato con un paio di Ford ’32 originali di seconda mano che Bryan ha mandato a Dennis Lesky all’Hot Rod Shop di Ionia per montare un set di traverse personalizzate per legare tutto insieme. I freni sono costituiti da una piastra di supporto Ford forata e da un tamburo Buick in alluminio alettato fissato all’asse anteriore e da una serie di raccoglitori di un pickup Ford degli anni ’80 bullonati alla parte posteriore. Una scatola dello sterzo di un pickup Ford del ’56 riempita con ingranaggi N.O.S. e accoppiata a una flangia di montaggio Ford del ’32 manterrà la Deuce di Bryan nella giusta direzione.

Essendo il dado del dettaglio di cui sopra, Bryan ha dato a ogni pezzo un tocco molto personale forando o massaggiando ogni pezzo a mano prima di montarlo definitivamente sul telaio.

Con tutti i componenti al loro posto, il tocco finale alle fondamenta perfette del periodo è stato un set di Torq-Torq-Thrusts American Racing avvolti in gomma Michelin. La storia continua su questo telaio che incontra un’altrettanto dettagliata carrozzeria roadster del ’32, ma vi porteremo questa storia emozionante in una prossima puntata, quindi restate sintonizzati!

Vedi tutte le 11 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

Articolo molto interessante
Mopar Dodge Plymouth e Chrysler Paint - Carteggiatura a colori 101

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites20072702rc-02-pl-detailing-a-1932-ford-chassis-.jpg

Lascia un commento