Dicembre 2012 Aste per lettori

Vedi tutte e 5 le fotoKevin ElliottwriterDec 1, 2011

Roy Miner

Cold Spring, New York

1932 Ford Roadster

Sam Miller, di Cold Spring, New York, ha scritto per farci conoscere suo cognato, Roy Miner:

“Roy era di Garrison, New York, sull’Hudson, ed era un appassionato di hot rodder negli anni ’40 e ’50. Questa era la sua roadster del ’32 nel 1949 – si noti la configurazione a doppio carburatore e il paraurti tagliato con quelle luci basse. Era conosciuto localmente come ‘Hot Rod Roy’. Guardate anche il parabrezza rilassato e il parabrezza tritato!

“Roy ha lavorato per una concessionaria Ford locale dopo la laurea nel 1949, e nei primi anni ’50, quando corteggiava mia sorella, guidava una Mercury a due porte del ’47, una berlina a due porte. Purtroppo Roy non è più tra noi, ma ho pensato che questo sarebbe stato un grande tributo a lui e alla sua famiglia”. Negli anni ’60 e ’70, Roy era un pilota di motoscafi in California e in Florida, e più tardi ha costruito motori da corsa per il kart di suo nipote negli anni ’80 e ’90”.

Bill Fortune

Nitro, West Virginia

1927 Modello T Roadster Pickup

Questo ’27 roadster pickup è stato il primo tentativo di Bill Fortunes di costruire un’auto nel 1959, ed è stato per lui fonte di molto apprendimento e di orgoglio. Acquistò la carrozzeria e modificò il telaio del modello A per 15 dollari, i resti di quella che era stata un’auto trascinatrice a motore Flathead.

Articolo molto interessante
Tony Stewart e il pilota di F1 Lewis Hamilton al Trade Places

Lavorando in un garage in terra battuta con strutture molto limitate, Bill ha ricostruito un motore Rocket Olds 303ci Rocket del ’50 utilizzando teste del ’54 e un’aspirazione a quattro barili, oltre a un Isky 3/4 race cam e sollevatori acquistati da Honest Charley’s. Aveva comprato il motore da un cantiere di recupero vicino a casa sua e lo aveva smontato in cantiere per portarlo a casa. Non avendo la patente di guida e non avendo accesso a un pick-up in famiglia, se l’è portato a casa in una carriola!

Lo stesso cantiere ha prodotto un cambio a chiavistello di un’ambulanza Cadillac del ’48, che Bill ha accoppiato al suo motore con una campana di Olds del ’50. La scatola dello sterzo e il rearend provenivano da un pickup Ford del ’39, mentre le sospensioni e i freni della Ford del ’39 erano montati su un trespolo suicida nella parte anteriore, e la forcella si spezzò.

Bill dice che, al suo primo tentativo, non è stato così soddisfacente come avrebbe voluto, ed essendo un adolescente senza lavoro e con un ardente desiderio di libertà di guida, il pensiero di qualcosa di più pratico ha presto preso il sopravvento. La T è stata divisa per circa un pareggio di bilancio lo stesso anno in cui l’ha costruita.

Ancora oggi si occupa di automobili, ora è membro del consiglio di amministrazione del Pontiac-Oakland Club International e guida una GTO del ’65. Come dice lui, “Non importa se sei un roditore o un restauratore, l’amore per le vecchie auto ci lega come amici, e questa è l’unica cosa che conta”. Gli amici sono per sempre, le auto vanno e vengono negli anni”.

Articolo molto interessante
Dan Woods ai Siracusani 2011

Jim Radnich

Nel deserto, da qualche parte …

1949 Carro di Plymouth

Quando si sentono le parole “tritato, canalizzato e sezionato”, di solito si pensa a una Merc, Shoebox Ford, o Chevy dei primi anni ’50, non a una Plymouth wagon. Ma questo è esattamente quello che Jim Radnich ha fatto con questa! Infatti, con l’eccezione del rearend da 9 pollici a curvatura stretta, Jim ha affrontato tutto quello che c’era sul carro, compresa la fabbricazione del frontale inclinabile, il naso e il parabrezza rastremati, il telaio e il rollcage completi. Ha anche guidato tutte le modanature della carrozzeria, ha eseguito tutte le carrozzerie e ha fabbricato le sue testate.

Soprannominato “Knot Rod”, Jim ha usato il bambù per l’intelaiatura in legno, che si estende sul portellone posteriore. Si tratta di un big-block Ford 460ci sotto la parte anteriore inclinabile, che rende questa corsa divertente. Secondo la figlia di Jim, Micah, che ha inviato queste foto, Jim adora guidarla!

Vedi tutte e 5 le foto

Non possiamo restituire il materiale inviato.

Si prega di includere il vostro numero di telefono.

Inviate le foto recenti della vostra attuale corsa a Kev Elliott/Readers’ Rods allo stesso indirizzo.

Inviare immagini digitali (500 KB o più grandi) a kevin.elliott@sorc.com

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2011\12\1112rc-01-z-december-2011-readers-rods-.jpg

Lascia un commento