Dirt Late Model Hall Of Fame – Titolare e la sala

La visione di One Man’s Vision porta la sporcizia nella storia dell’ultimo modello

Vedi tutte e 5 le fotoTodd RidgewayphotographerFeb 1, 2008

Nel corso dei decenni, le corse di Dirt Late Model sono cresciute fino a diventare uno dei tipi di corse più riconosciuti e preferiti dai fan del paese. Non è un segreto che le corse automobilistiche su pista ovale di oggi possono essere fatte risalire alle piste sterrate di tutta l’America. Si può dire che le corse su sterrato sono uno stile di vita e che una grossa fetta di corse su sterrato è il sempre popolare ultimo modello di sterrato.

Le corse degli ultimi modelli hanno visto molti grandi piloti affinare le loro capacità al volante di un’auto da corsa a ruote larghe e di grandi dimensioni. Ma chi avrebbe mai pensato che avremmo visto un ex pilota colombiano di nascita di Formula 1 salire al volante di un telaio Rocket, anche solo per un evento speciale. Le corse di Dirt Late Model hanno sicuramente fatto molta strada.

L’odierno pilota moderno di ultima generazione non solo mantiene vivo il sogno della sporcizia, ma anche i buoni stanno raccogliendo dei bei frutti. Purtroppo per le loro controparti del passato, hanno dovuto accontentarsi di sapere che hanno costruito le basi per questo sport, anche se finora hanno avuto poco riconoscimento dei sacrifici fatti.

Vedi tutte e 5 le foto

Alcuni anni fa, la figlia di C.J. Rayburn, Eva, ha suggerito un’idea che ha generato una visione nella mente del noto scrittore e giornalista di corse, Bill Holder. L’idea era quella di creare una Dirt Late Model Hall of Fame, e nel 1999 finalmente è successo. Bill e sua moglie, Ruthann, si misero al lavoro, arruolando presto l’aiuto di Mike Kartzer. Anche le idee più grandi richiedono un cast molto collaborativo da portare alla fruizione, e la Hall non era diversa. Con il progredire della Hall of Fame, diverse personalità di spicco hanno offerto volentieri aiuto e suggerimenti. Holder ha trovato per primo l’aiuto di Jim Klette, Todd Lefever e Bob Markos. Ma senza dubbio, l’aiuto più grande è venuto dalla famiglia King di Jerry e Mona, e da loro figlio Josh. Il King possiede e gestisce la Florence Speedway nel nord del Kentucky.

Le fondamenta in cemento della Hall of Fame sono state posate su una proprietà donata appena fuori dalla curva 4 dell’Autostrada Firenze. I Re non solo hanno donato il terreno, ma hanno anche aiutato a ottenere i permessi di costruzione, fornito l’elettricità gratuita e contribuito ai lavori interni dell’edificio. È stata anche costruita una piattaforma a induzione nell’infield direttamente di fronte alla tribuna principale per l’uso della Hall of Fame. La cerimonia di induzione si svolge una volta all’anno durante la famosa corsa Nord-Sud 100 Dirt Late Model di Florence Speedway. La prima cerimonia si è tenuta nel 2001 e comprendeva, tra gli altri, i piloti di ultima generazione Jeff Purvis, Larry Moore, Mike Duvall e Rodney Combs. Non c’è alcun costo per visitare la Hall, ma un barattolo per le donazioni è sempre al banco, dato che la Hall è aperta ogni fine settimana di gara.

Vedi tutte e 5 le foto

“Ottenere il sostegno degli sponsor in questi giorni è una cosa difficile da fare”, ha detto Holder. “All’inizio avevo un grande sponsor per il titolo, ma si sono tirati indietro. Questo significava solo che dovevamo lavorare il doppio. Gerald Newton di Arizona Sport Shirts è salito a bordo e produce magliette ogni anno per la cerimonia di insediamento e le vende anche al North-South 100. Le magliette che non si vendono vengono donate alla Hall per le future vendite del fine settimana di gara, questo è un grande aiuto. Hoosier Tires fornisce anche le giacche, e Arizona Sport Shirts fornisce ogni anno le targhe per la nostra cerimonia di premiazione”.

Articolo molto interessante
Primo sguardo al Mustang del 2015

La cerimonia di insediamento è uno dei più grandi eventi dell’anno per la sala. “Abbiamo tre delle migliori personalità Dirt Late Model del settore per aiutare ogni anno con la cerimonia”, ha detto Holder. “James Essex, Brett Emrick e Rick Eshelman fanno l’annuncio per la cerimonia di insediamento. Ci vuole tutta la troupe che lavora insieme per far funzionare questa cosa, ma ci vuole soprattutto il supporto dei fan, e noi siamo contenti di averlo”.

Per entrare in sala bisogna prima essere nominati. Poi, una giuria di 40 membri del Consiglio Direttivo, scelti con cura, vota i candidati. Il consiglio di amministrazione della sala è composto da costruttori di automobili, costruttori di motori, direttori di serie e altre personalità dello sport. Gli appassionati delle corse possono anche entrare nel processo di selezione andando sul sito web della Sala all’indirizzo www.dirtlatemodelhalloffame.com e presentare una candidatura per il futuro.

Membro della Hall of Fame, e attuale corridore, Chub Frank ritiene che la Hall sia un’ottima cosa per questo sport. “E’ un grande onore essere membro della Hall of Fame”, ha dichiarato Frank. “Penso davvero che probabilmente significhi di più per i ragazzi dei vecchi tempi che si sono ritirati. E’ stato un grande onore per me essere stato indotto; è una grande cosa, anche se sono ben lontano dall’essere pronto a ritirarmi”. Ogni anno sono qui per il processo di ammissione e sembra che le cose vadano di bene in meglio. Una volta ti costruivi la tua auto e se era buona, eri l’unico ad averla, è da lì che venivano i vecchi. Oggi, tutti hanno una buona macchina, semplicemente per la disponibilità, e questo rende molto più difficile vincere”.

Per Holder, l’orgoglio è una grande parte del successo. Sono orgoglioso degli sforzi di tutte le persone coinvolte”. Sono soddisfatto dei progressi compiuti, anche se so che a un certo punto e in futuro sarà necessario un edificio più grande. Il semplice fatto che sia stato tutto donato, compreso il lavoro di volontariato da parte di diversi individui, significa molto e dice qualcosa su Dirt Late Model Racing. Abbiamo fatto così tanto con così poco”.

L’impegno del team di Holder ha raggiunto il suo apice nel 2002, quando la Hall ha organizzato una delle loro raccolte fondi di maggior successo. Hanno dato via una macchina completa. Holder ha ottenuto la partecipazione di diverse aziende di ricambi Dirt Late Model per donare il prodotto mentre Warren Shingleton assemblava l’auto. Alla fine, più di 50.000 dollari sono stati raccolti vendendo biglietti della lotteria.

Vedi tutte e 5 le foto

Essere uno scrittore a tempo pieno di sport motoristici per le riviste Stock Car Racing e Circle Track richiede certamente molto tempo a Holder. Ma il fatto che viva a Riverside, Ohio, a più di 70 miglia dalla Hall of Fame è la vera testimonianza della sua dedizione alla Hall mentre si occupa della sua manutenzione.

Articolo molto interessante
Capitale mondiale della velocità: Bonneville in onda su Discovery Channel

La posizione del padiglione, adiacente alla Florence Speedway, è significativa per quattro grandi motivi. Innanzitutto è praticamente al centro del mondo Dirt Late Model, a soli 10 miglia dalla Interstate 71/75, Firenze ha una delle migliori divisioni settimanali Dirt Late Model del paese ed è sede di una delle più grandi Dirt Late Model Races del paese, l’Annual North-South 100, che si svolge ogni agosto. Questo aiuta a dare la necessaria esposizione alla Hall.

A questa esposizione si aggiunge quest’anno la visita di una famiglia molto famosa. Il defunto Ralph Earnhardt è stato membro della classe di induzione del 2007. Ad accettare il premio per la sua induzione nella Hall, fin dal North Carolina, c’erano la vedova di Ralph, Martha, e sua figlia, Cathy. Earnhardt è, naturalmente, il padre di Dale Earnhardt Sr. e il nonno di Earnhardt Jr. Durante l’introduzione Junior ha chiamato dalla Watkins Glen International di New York per ringraziare il nonno e per congratularsi con gli altri membri e le loro famiglie per aver fatto parte di un momento così importante.

Uno dei piloti Dirt più popolari di tutti i tempi, Scott Bloomquist pensa che la Hall abbia un posto in tutte le corse. “E’ stato bello vedere la Hall riconoscere i successi di alcuni dei piloti e dei partecipanti a questo sport”, ha dichiarato Bloomquist. “Questo è uno sport che continuerà a crescere, soprattutto con il coinvolgimento di alcune delle persone che stanno iniziando ad essere coinvolte”. Penso che questo sport sia proprio sul punto di decollare con la sua più grande crescita di sempre”. Quello che stanno facendo con la corsa di beneficenza Preludio al Sogno e alcuni di questi altri eventi più grandi è diventato davvero il limite. Quindi, è bello vedere che questa sala è stata inaugurata in modo che la gente possa sempre venire qui per vedere alcuni dei risultati ottenuti dai corridori che ci hanno aiutato ad arrivarci”.

Quando si entra per la prima volta nella sala, i pannelli delle porte donati dai corridori ti saltano addosso mentre decorano le pareti dall’alto verso il basso e da un lato all’altro su tutte e quattro le pareti. In cima alle travi, appendete alcuni corpi di auto da corsa per una vista a volo d’uccello sulla parte superiore di un Dirt Late Model, uno dei quali è una vecchia auto Delmas Conley. Nell’angolo più lontano si trova l’auto gialla di John Mason degli anni Settanta. Questa vettura presentava la prima sospensione posteriore indipendente in assoluto nella competizione Dirt Late Model. Guardate alla vostra destra e vedrete l’auto vincitrice del World 100 del 1986 della leggenda delle corse su sterrato Jeff Purvis. A sinistra si trova un’auto tagliata che permette agli appassionati di vedere da vicino come viene assemblata una Dirt Late Model e alcune delle tecnologie coinvolte in questo sport.

La sala comprende molte vecchie uniformi, caschi e vari premi donati dagli indotti e da altre fonti. L’unico premio che si distingue da solo è il trofeo dei vincitori del World 100 vinto da Charlie Hughs. Questo, di per sé, è una dichiarazione di quanto sia importante la Hall per questi corridori. Hughs ha rinunciato, probabilmente, ai più grandi e ricercati trofei di corse del mondo Dirt Late Model. La Hall è anche in possesso dell’auto vincitrice del Campionato del Mondo Dirt Track 1982 guidata da Charlie Schwartz. L’auto è stata ricondizionata e restaurata da Charlie e suo figlio Auddie Schwartz appositamente per la Hall.

Articolo molto interessante
Marzo 2011 Window Shopper

Vedi tutte e 5 le foto

Forse l’oggetto più intrigante e di maggiore attenzione che si trova in sala non è affatto un singolo oggetto. È una collezione di oggetti, fotografie per essere precisi, molte fotografie. Le foto di alcuni dei migliori fotografi e appassionati del paese adornano la sala da un capo all’altro. Mentre si cammina esaminando la fotografia, è come una passeggiata nel tempo, e si ottiene un vero e proprio apprezzamento per lo sport, da dove proviene, e i sacrifici fatti da tanti per arrivare al punto in cui è ora. “Incoraggio e accolgo sempre con favore qualsiasi tipo di foto di Dirt Late model, vecchie o nuove, da parte dei fan o di qualsiasi fotografo che voglia donare”, ha detto Holder.

Come futuro membro della Hall, l’autista Shannon Babb può vedere solo cose buone uscire dalla Hall. “E’ davvero un buon affare”, ha detto Babb. “Riconosce quei ragazzi che hanno lavorato in coda per molti anni e hanno investito la loro vita nelle gare di Dirt Late Model. Farne parte, e farne parte, sarebbe fantastico. E’ semplicemente incredibile, solo negli ultimi due anni, quanto lontano sia arrivato questo sport. La tecnologia delle auto è incredibile. Ci sono così tante buone squadre, auto e piloti, che rende le corse migliori. Quindi entrare in sala con gli uomini che hanno contribuito a far progredire questo grande sport significherebbe molto per me personalmente e per la mia famiglia”.

Come la storia racconta le prove e le tribolazioni del mondo della Dirt Late Model e dei suoi piloti, la Hall produce le prove e i fatti in molte forme. Per ogni appassionato di corse o appassionato di corse, la Hall è un senso di orgoglio e sacrificio dal momento in cui si fa il primo passo all’interno fino a quando si fa l’ultimo passo fuori dalla porta. Un vero e proprio tributo al mondo delle corse e alle persone che vi partecipano, una volta che la visiterete, vi rimarrà impresso per molto tempo. Per Holder, è un senso di autoconservazione e di realizzazione tra amici. Per i corridori, è diventato un luogo di gratificazione e di riflessione, per non parlare dell’orgoglio di una serie di anime molto coraggiose. Nel mondo della Dirt Late Model, fatto di coraggio e gloria, la Hall of Fame è davvero gratificante per tutti. E se lo meritano a dir poco.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites20082ctrp-0802-pl-hall-of-fame-bill-holder.jpg

Lascia un commento