Facel Vega

La linea di auto sportive Facel-Vega ha contribuito a rendere la Francia un concorrente, ma, purtroppo, il marchio non è riuscito a sopravvivere agli anni ’70.

L’obiettivo primario del fondatore di Facel Jean Daninos per la sua azienda era quello di creare un’auto del dopoguerra che riportasse la sua nativa Francia al primo posto nel mercato delle GT. Facel aveva già molta esperienza nella produzione di auto per altre aziende, e la cancellazione di un contratto ha fatto sì che una delle sue fabbriche funzionasse ben al di sotto della produzione massima. Con le strutture, le risorse e, cosa forse più importante, la spinta al successo, Daninos si è impegnato seriamente per realizzare il suo obiettivo.

Ha iniziato con il Facel Vega, una macchina superbamente costruita che ha preso in prestito alcuni dei migliori pezzi del settore, tra cui il famoso motore Hemi della Chrysler. Era costosa, ma Daninos prese saggiamente di mira il ricco mercato d’importazione californiano e trovò il successo.

I modelli successivi, come la Facel HK500 e la Facel Facellia, hanno preso spunti per lo styling del corpo dalla Vega, creando un nuovo e distintivo look. Purtroppo, nella Facellia sono emersi problemi al motore, che hanno allontanato i clienti e offuscato la reputazione dell’azienda. Peggio ancora, Facel non aveva tasche abbastanza profonde per reagire rapidamente a questi problemi, e Daninos alla fine è stato costretto a chiudere le porte di Facel.

Nelle prossime pagine, potrete saperne di più sull’ascesa e la caduta di Facel, attraverso dettagliati profili automobilistici e approfondimenti storici. Date un’occhiata a come Facel si è quasi ripreso, e a come – anche se l’azienda non è sopravvissuta – Daninos avrebbe potuto comunque raggiungere il suo obiettivo.

Per saperne di più su Facel e altre auto sportive, vedere:

  • Come funzionano le auto sportive
  • Nuove recensioni di auto sportive
  • Recensioni auto sportive usate
  • Muscle Cars
  • Come funziona la Ferrari
  • Come funziona la Ford Mustang

Lascia un commento