Farsi incorniciare – Costruire il proprio telaio: Parte II

Costruire il proprio telaio: Parte II

Vedi tutti i 22 photosjim austwriterLynn BirdphotographerDec 1, 2006

Nella prima parte di questa storia (novembre ’06) vi abbiamo mostrato quello che ci vuole per iniziare dall’inizio con un paio di “binari” e abbiamo lavorato da lì, costruendo una semplice dima per ottenere quel telaio totalmente quadrato. Abbiamo discusso su come mettere in posizione le traverse anteriore e posteriore e poi montare il frontend dell’asse dritto. Tutti i principi che abbiamo esaminato avrebbero funzionato sotto qualsiasi marca di hot rod iniziale e dovevano essere usati come linea guida da interpretare per molti progetti diversi. L’obiettivo principale era quello di dimostrare che è facile costruire una piattaforma quadrata e solida per l’hot rod senza rompere gli argini per arrivarci.

In questa puntata, continuiamo sulla falsariga della prima storia con alcuni consigli che sono buoni da ricordare quando si costruisce un’auto da zero con componenti sciolti. La cosa più importante da ricordare è controllare che TUTTI i componenti si adattino e lavorino insieme prima di impegnare qualsiasi componente per finire la saldatura. E siccome si tratta solo di saldare a puntina o di bloccare i componenti in posizione, non abbiate paura di apportare modifiche se la prima configurazione non funziona. Sarete alla guida di questa vettura, quindi oltre ad assicurarvi che l’aspetto sia fresco, assicuratevi che tutti i componenti del telaio e della trasmissione funzionino bene l’uno con l’altro; cosa più importante, assicuratevi di poter stare comodamente in macchina una volta che questi componenti sono in posizione.

Articolo molto interessante
10 Trucchi per il traino

Ora che sapete come si fa, datevi da fare per trasformare quel mucchio di latta nel garage o nel cortile di casa in un hot rod!

Vedi tutte le 22 foto

Una scatola dello sterzo F-1 e un gruppo pedale Ford del ’39 non modificato sono stati fissati per verificare l’accoppiamento con la parte posteriore del motore e della trasmissione (una delle zone più difficili a seconda della larghezza del motore e della posizione del motorino di avviamento). I pedali funzioneranno la trasmissione Ford del ’39 proprio come era stata originariamente progettata. Più angoli si aggiungono a componenti come questo, più difficile sarà il loro funzionamento. Si risparmia molto lavoro per renderlo il più semplice possibile e si cerca di mantenere la geometria di fabbrica per la più semplice installazione.

Vedi tutte le 22 foto

I primi bracci originali della scatola dello sterzo Ford della fabbrica hanno quattro scanalature che permettono di montare il braccio dello sterzo solo in una posizione verso il basso. Per montare il braccio verso il basso, indipendentemente dal fatto che la scatola dello sterzo sia finalmente posizionata nel telaio, abbiamo limato le sedi delle chiavi nel braccio dello sterzo con una lima triangolare in modo che abbia denti corrispondenti lungo tutto il diametro interno. Un altro modo sarebbe quello di limare completamente le sedi delle chiavi, ma la limatura del dente corrispondente è molto più complicato.

Articolo molto interessante
Tecnica di frenatura a cerchio

Vedi tutte le 22 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites200612701rc-psl-01-building-your-own-chassis-part-ii-welding.jpg

Lascia un commento