Ferrari 400 Superamerica

La serie 250 di rauco da corsa per la strada dominava la produzione della Ferrari alla fine degli anni ’50. Ma la casa automobilistica europea dalle prestazioni più glamour attirava anche clienti che volevano più raffinatezza e ancora più esclusività. Per loro c’era la Ferrari 400 Superamerica.
Galleria Immagini Ferrari

.
The Ferrari 400 Superamerica has a shorter wheelbase than the SA 410.

La Ferrari 400 Superamerica ha un passo più corto rispetto alla SA 410.
.
Vedi altre immagini di Ferrari.

La Ferrari 400 Superamerica è stata cambiata in molti modi rispetto al suo predecessore 410 Superamerica. Il telaio era nuovo, con un passo più corto di 95,2 pollici (2420mm) contro i 102,3 pollici (2600mm), e aveva una carreggiata anteriore e posteriore più stretta. La cosa più importante, aveva un nuovo motore. La 410 utilizzava un V-12 progettato dalla Lampredi con radici nella Ferrari 375 di Formula 1. La 400 V-12, invece, adottava l’architettura generale della prima Ferrari V-12, il motore progettato da Gioachino Colombo.

L’alesaggio è stato aumentato, la corsa è stata allungata e sono stati utilizzati gli aggiornamenti presenti nel motore della Ferrari 250 GT, come le molle delle valvole elicoidali. Il nuovo motore si è spostato di 3967cc. Arrotondato a 4,0 litri, significava che il nome 400 era la prima volta che la designazione di un modello Ferrari rifletteva la cilindrata complessiva del motore, piuttosto che un singolo cilindro in centimetri cubi. La potenza era quotata a 340 cavalli a 7000 giri/min.

Articolo molto interessante
Volkswagen Maggiolino

La Ferrari 400 Superamerica è stato anche l’ultimo modello per il quale un cliente ha potuto ordinare una carrozzeria personalizzata.

Every Ferrari 400 Superamerica was custom-ordered by its owner.

Ogni Ferrari 400 Superamerica è stata ordinata su misura dal suo proprietario.

Pinin Farina ha realizzato lo styling della prima Ferrari 400 Superamerica (telaio 1517 SA), che ha debuttato al salone di Torino del 1959. Corpulento esemplare unico per il Gianni Agnelli della Fiat, aveva una carrozzeria quasi rettangolare e fari quadricilindrici. La successiva fu una bella cabriolet sempre di Pinin Farina; la sua presentazione al Salone di Bruxelles segnò il debutto ufficiale del modello.

Pinin Farina ha costruito 10 cabriolet in tutto. Scaglietti ha prodotto una spyder e una berlinetta. Ma il progetto di riferimento per la 400 SA fu presentato al Salone dell’Auto di Torino del 1960. Una forma spettacolare, fluida e affusolata, questa Ferrari (telaio 2207 SA) era conosciuta come Superfast II. Aldo Brovarone, lo stilista di Pinin Farina che ha disegnato la vettura, ha detto che la sua ispirazione è stata la Vanwall F1.

La carrozzeria della Superfast II ha segnato il modello per la maggior parte delle Ferrari 400 Superamericane che seguirono, compresi i modelli dal 1961 in poi, per i quali il passo è stato esteso a 102,3 pollici (2600 mm). Ogni Ferrari 400 Superamerica era un’auto su misura per il suo singolo proprietario e un pezzo da esposizione dell’artigianato Ferrari.

Articolo molto interessante
1969 Giudice Pontiac GTO

Conosci queste altre grandi Ferrari Road Cars:

166 MM

250 GT SWB

365 California

Testarossa

212 Inter

400 Superamerica

365 GT 2+2

F40

340 America

250 GTE

365 GTB/4 Daytona

348

375 America

250 GT/L Lusso

365 GTC/4

456 GT

375 MM

330 GT 2+2

512 BBi

F355

250 Europa GT

500 Superfast

400i

F50

250 GT Boano

275 GTB/4

308 GT4

550 e 575

410 Superamerica

275 GTS

308 e 328

360 e F430

Coupé 250 GT

Dino 246 GT

Mondial

Enzo

250 GT Spyder California

330 GTC

288 GTO

612 Scaglietti

Per altre fantastiche informazioni sulla Ferrari, date un’occhiata:

  • Come funziona la Ferrari
  • Ferrari Cars
  • Altre auto con motori Ferrari
  • Storia e biografie della Ferrari
  • Ferrari Immagini
  • Ferrari F1
  • La serie 250 di rauco da corsa per la strada dominava la produzione della Ferrari alla fine degli anni ’50.
    Ma la casa automobilistica europea dalle prestazioni più glamour attirava anche clienti che volevano più raffinatezza e ancora più esclusività.
    Per loro c’era la Ferrari 400 Superamerica.
    Galleria Immagini Ferrari

    .

Lascia un commento