Fuorilegge: un profilo di un elicottero

Il fuorilegge era una volta un Triumph Bonneville anni ’70. Vedere di più immagini di moto . .

Costruito originariamente negli anni ’70, questo elicottero Triumph Bonneville è stato lasciato a morire prima di essere localizzato dall’attuale proprietario. Una volta acquistata, la macchina è stata sottoposta a un completo restauro e rinominata Fuorilegge.

Galleria immagini moto

Pubblicità

Le modifiche al bicilindrico verticale originale da 650 cc (40 pollici cubici) sono state limitate all’aggiunta di un “tubo di scarico a strascico”. La parte anteriore del telaio è di serie, ma il forcellone e gli ammortizzatori sono stati rimossi e sostituiti da tubi in acciaio, trasformandolo in un hardtail. Al posto dei telescopici originali sono state montate delle forcelle a trave. Una ruota a raggi da 16 pollici con freno a tamburo sostiene il posteriore, mentre il raggio da 21 pollici davanti non ha alcun freno.

Una parte del restauro comprendeva una nuova mano di vernice viola con le classiche fiamme gialle. Lo schema è simile a quello applicato originariamente negli anni Settanta, rendendo questo elicottero un po’ di storia riportata in vita.

Vai alla pagina successiva per ulteriori foto e dettagli su questo elicottero a motore Triumph, il Fuorilegge. Per ulteriori informazioni su elicotteri e motociclette personalizzate, vedere:

  • Profili chopper
  • Come funzionano gli elicotteri
  • Come funzionano le moto
  • Profili per motociclette classiche

Specifiche dei Chopper Fuorilegge

  • Anno: 1968
  • Classe: Early Chopper
  • Proprietario: Matthew Thomas
  • Costruttore: Matthew Thomas
  • Modello: Fuorilegge
  • Frame: Triumph
  • Forchette: Trave
  • Rastrello: 40 gradi
  • Sospetto posteriore.: Hardtail
  • Ruota anteriore: Raggio, 21 pollici
  • Freno anteriore: Nessuno
  • Ruota posteriore: Raggio, 16 pollici
  • Freno posteriore: Tamburo
  • Pneumatico posteriore: 130 mm
  • Motore: Triumph da 40 pollici cubici
  • Scarico: Jireh
  • Trans.: Triumph, 4 marce
  • Dipingere da: Phil Brenneman

Lascia un commento