Giugno 2012 Editoriale Dietro la ruota – Mantenere il nostro ritmo

Vedi tutte le 1 fotoRob FortierwriterJun 1, 2012

Il carburatore è stato in circolazione per tutto il tempo in cui il motore a combustione interna è stato in funzione, ed entrambi fanno ancora un ottimo lavoro per alimentare le nostre hot rod e le nostre abitudini. Certo, non è neanche lontanamente efficiente come l’iniezione elettronica, ma non c’è niente di male. Per me, c’è un certo fascino nel possedere un’auto/moto d’epoca che non si trova con i veicoli più recenti. Giocare con il carburatore è una parte importante di questo fascino. Mettere a punto la mia auto mi permette di essere “in sintonia” con essa, così come avere la sensazione della strada attraverso lo sterzo manuale e/o i freni non di potenza. Tutto ciò che richiede la vostra attenzione, qualcosa di nuovo che le auto nuove sono progettate per fare per voi, può essere una buona cosa nella mia mente (purché non favorisca una guida non sicura). Se volessi quell’odore di auto nuova, andrei al concessionario più vicino e farei un giro di prova.

Ho guidato molte vecchie auto completamente ammodernate e, ad essere onesti, sono rimasto impressionato dalle loro prestazioni e ho apprezzato ciò che è stato necessario per raggiungere questo obiettivo. Ma allo stesso tempo, ho sentito che in alcune di esse mancava qualcosa, qualcosa che mi ha impedito di avere quella sensazione che ho quando sono al volante (o al manubrio). Forse è stata la risposta dell’acceleratore scattante e poco sfacciata, o la capacità di fermarsi con un centesimo. Forse è stata la mancanza di rumore stradale che filtra all’interno dell’abitacolo, o la moltitudine di indicatori elettronici che mi dicono tutto quello che succede. Immagino che si possa definire un sovraccarico di comfort, dato che la moltitudine di comodità sembra avermi portato fuori dalla mia normale zona di comfort.

In sostanza, la mia risposta alla domanda sulla tecnologia ha semplicemente affermato che nel complesso ci sentiamo soddisfatti della maggior parte delle cose così come sono. Quelli di noi che hanno i carburatori sono contenti di avere i carburatori. Non sentiamo la pressione del mondo esterno come lo era la NASCAR, costretti a scambiare le nostre quattro canne con i corpi farfallati. Ma se volessimo, cosa che alcuni di noi fanno, non c’è niente che ci fermi, e questa è la cosa bella: la libertà che abbiamo ancora quando si tratta di scegliere l’equipaggiamento che vogliamo, non quello che vuole qualcun altro, cosa che alcuni di noi fanno.

Sono contro l’alta tecnologia? Assolutamente no. Non è una questione di bianco e nero dove tutto ciò che è “nuovo” è male. Fatto nel modo giusto, sì, è possibile integrare i componenti moderni in un hot rod o in un custom senza sacrificare il fascino vintage. Anche se amerò sempre i miei carboidrati, convertirò la mia Fleetline in EFI, ma quando mi stancherò della grande economia di carburante e delle prestazioni affidabili, avrò ancora il mio Flathead-powered ’33 per tornare all’età della pietra!

Non è una questione in bianco e nero dove tutto ciò che è “nuovo” è male.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201261206rc-01-z-june-2012-behind-the-wheel-editorial-.jpg

Lascia un commento