Grabowski T: Profilo di un Hot Rod

The Grabowski T as it appeared in Life magazine in 1957, a sign of the growing public acceptance of hot rod culture. See more hot rod pictures. La Grabowski T come apparsa nella rivista Life nel 1957, un segno della crescente accettazione pubblica della cultura hot rod. Vedi altro immagini hot rod . Pubblicazioni internazionali, Ltd.

Nel 1952 Norm Grabowski, che era appena stato dimesso dal servizio, si mise a costruire un hot rod. Ciò che finì per costruire fu l’ormai iconico Grabowski T.

Acquistò una Ford Modello A V-8 del 1931, ma scambiò la carrozzeria A con una carrozzeria da turismo accorciata del 1922 T, alla quale aggiunse un letto da pickup Modello A radicalmente accorciato. Modificò ulteriormente l’auto montando l’asse anteriore davanti alla traversa anteriore, in stile suicida.

Questo tipo di auto, presto conosciuta come “T-bucket”, sarebbe emersa come una delle più popolari nella storia dell’hot roding.

Galleria di immagini Hot Rod

Per la giusta posizione, Norm ha rimosso 20 pollici dalla parte posteriore del telaio, poi ha rimosso i binari posteriori utilizzando le sezioni rimosse. Ha esteso la parte anteriore del telaio di cinque pollici, ha installato il piantone dello sterzo in posizione quasi verticale e ha incanalato il corpo di sei pollici sopra il telaio.

Per motivazione, ha installato una Cadillac V-8 del 1952 con un compressore GMC 3-71. I tocchi finali includevano una verniciatura nera, tappezzeria rossa arrotolata e pieghettata di Tony Nancy e false rotaie per coprire il telaio altamente acciottolato.

Articolo molto interessante
1963, 1964, 1965, 1966, 1967 Chevrolet Chevy II Nova SS

Un dirigente cinematografico ha individuato l’hot rod quando si trovava a Valley Custom per il lavoro sui telai e ha chiesto di noleggiarlo per il suo studio. Apparve in alcuni film e spettacoli televisivi nel 1955 e nel 1956.

Dopo che un attore l’ha danneggiata, Norm ha deciso che se il suo hot rod sarebbe apparso nei film, sarebbe stato l’unico a guidarla. E così iniziò la carriera di Norm come stuntman di Hollywood.

Da sempre armeggiatore, Norm ha apportato diverse modifiche utilizzando i soldi dello studio per compensare il costo. Ha ridipinto il corpo della Dodge Royal Blue del 1956 con fiamme e gessature di Dean Jeffries, ha scambiato il soffiatore con quattro Stromberg 97 su un collettore Horne, ha aggiunto la manopola del cambio del cranio e ha fatto fare un top per non essere riconosciuto come stunt driver.

Con questo vestito, il Grabowski T è diventato una star televisiva su 77 Sunset Strip . Ambientato nel Dino’s Lodge su Sunset Boulevard, lo spettacolo è incentrato sul valet/detective Gerald Lloyd “Kookie” Kookson, interpretato da Ed Byrnes. Kookie si pettinava molto, arrestava i criminali e guidava l’hot rod di Grabowski.

Tra la sua carriera hollywoodiana e una foto nel numero del 29 aprile 1957 della rivista Life , il Grabowski T è diventato un simbolo della crescente accettazione del pubblico per il rodaggio a caldo. Ha anche contribuito a creare un mercato di ricambi in fibra di vetro per i rodders che volevano auto simili.

Articolo molto interessante
1967 Buick GS 400

The Grabowski T spurred many imitations, like this ad selling parts so hot rodders could build their own.” ” La Grabowski T ha stimolato molte imitazioni, come questo annuncio che vendeva parti in modo che gli hot roders potessero costruirsi da soli. Publications International, Ltd.

Norm vendette l’hot rod nel 1959 all’appassionato di auto da esposizione Jim Skonzakis, che la modificò due volte, l’ultima volta in una veste radicale e controversa. La Grabowski T esiste ancora, ma non nella sua configurazione più influente.

Fortunatamente, Franco “Von Franco” Costanza ha costruito una replica molto accurata dell’auto così come è apparsa su 77 Sunset Strip . Quell’auto, ora di proprietà di John LaBelle, è il miglior tributo vivente a una delle auto più importanti e iconiche di Hot Roding.

Per saperne di più sulle auto personalizzate e le hot rod, vedi:

  • Storia delle Hot Rods
  • Profili auto personalizzati
  • Profili ad asta calda

Lascia un commento