Grand National Roadster Show Top 100

Painless Performance Products presenta STREET RODDER Top 100

Vedi tutti i 4 fotoswpengineWordsJun 1, 2012

Per il programma Top 100, STREET RODDER partecipa ogni anno a 10 particolari saloni dell’auto e sceglie 10 veicoli in ciascuno di essi per comporre la Street Rodder Top 100. Per saperne di più su dove si svolgono questi spettacoli e su come vengono votati, visitate il sito www.streetrodder.com.

Dan Garcia, Anaheim, California / 1940 Ford coupé

Apri il classico cofano di questa ’40 e vedrai la potenza contemporanea sotto forma di una Ford Cobra 4.6 V-8 a iniezione ’03. Dietro il motore a 32 valvole a iniezione di carburante c’è una trasmissione Ford AOD e una Ford da 9 pollici con molle a balestra parallele, e l’IFS aiuta a smussare le asperità. Hot Rod Haven ad Albuquerque, NM, ha gestito gran parte della costruzione. Ron Mangus di Rialto, CA, ha cucito gli interni.

Landis Chisenhall, San Antonio, Texas / 1936 Ford coupé

Questo coupé a tre finestre è una combinazione unica di un tradizionale tondino da strada all’esterno e di un intagliatore di canyon sotto. La carrozzeria ha subito alcune sottili modifiche, come il cofano in tre pezzi, i fanali posteriori Dodge e la sostituzione delle barre nerf con paraurti, ma sotto la perfetta carrozzeria e la verniciatura di Danny Zoller ci sono una serie di sorprese. Un LSX di Mast Motorsports guida una Corvette IRS transaxle montata posteriormente. All’anteriore le sospensioni utilizzano i mandrini e i componenti in alluminio di una Pontiac Solstice e i freni Baer da 14 pollici si trovano in tutte e quattro le curve, insieme alle ruote Budnik. All’interno ci sono più auto da corsa per le caratteristiche stradali, i rivestimenti in pelle sono mescolati con rollcage cromato e un sistema antincendio di bordo.

Adam Arakelian, Yorba Linda, California / 1930 Ford

Quando è iniziata la costruzione di questo pickup Model A presso il SO-CAL Speed Shop di Pomona, CA, l’intento era quello di “catturare l’essenza dello stile della metà degli anni ’50 della California del Sud”. A tal fine, il corpo dell’autotrasportatore è stato lasciato in magazzino, reso perfettamente dritto e verniciato di nero. La A rotola su ruote cromate con coprimozzi Merc degli anni ’50 avvolti da ampi bianchi. I paraurti sono stati lasciati liberi e nel letto si trova una cassetta degli attrezzi in legno d’epoca. Sotto l’impeccabile lamiera di lamiera si trova un telaio SO-CAL New Traditionalist con asse a I su forcelle. La Chevy 350 è accoppiata a un Turbo 350 trans seguito da Currie 9 pollici rearend. All’interno c’è un sedile da panca rivestito in pelle, un cruscotto del ’32 con cruscotto SO-CAL, indicatori e interruttori. Un volante del ’40 tagliato in basso copre una colonna personalizzata.

Articolo molto interessante
Tulsa Expo Raceway Indoor Auto Racing - Racing Across America

Richard Rohrdanz, Huntington Beach, California / 1950 Ford coupé

La scatola di scarpe Ford è soprannominata “High School Hot Rod” perché questo è il tema che il proprietario/costruttore cercava. A parte una padella posteriore arrotolata, la carrozzeria è per lo più di serie, ma la maggior parte degli ammiratori rimane sorpresa quando si rendono conto che l’assetto laterale, dall’aspetto ingannevolmente reale, è stato spazzolato ad aria da Jeff Styles. La vernice è stata applicata da Bob Cole, e la tappezzeria Orange County Upholstery si è occupata degli interni. Rimanendo in tema Ford, c’è un sotto cofano 351 accoppiato a un trans C6 controllato dalla leva originale del cambio a colonna. Nella parte posteriore c’è un gruppo di assali Ford da 8 pollici, mentre nella parte anteriore c’è la Mustang II.

Pat Patton, Simi Valley, California / 1940 Ford coupé

Pat Patton voleva un’asta da strada in stile anni ’60, e per lui questo significava che poteva essere di un solo colore: Candy Apple Red. Pat e Sam Limon hanno realizzato l’abbagliante carrozzeria e la vernice che prende vita alla luce del sole, mentre Victor Zuniga ha cucito gli interni d’epoca. La sospensione anteriore è la Mustang II con foglie parallele e un 9 pollici nella parte posteriore. La vera sorpresa è la sottoscocca dove c’è una Chevrolet Chevrolet BDS 6:71 soffiata in piccolo blocco. Il motore è supportato da una trasmissione Turbo 400 e da una Ford 9 pollici rearend.

Articolo molto interessante
Goodguys 15th Southwest Nationals - Wild, Wild, WestWorld

Scott Roberts, Moorpark, California / 1941 Ford

Recentemente rifinito da Hot Rods e Custom Stuff in Escondido, CA, il pickup di Scott Roberts è ingannevolmente pulito e semplice. A prima vista molte delle modifiche del corpo passano inosservate sotto la vernice personalizzata mista d’oro sono maniglie delle porte rasate, cerniere nascoste e fori per le tasche dei paletti riempiti. All’interno, l’Auto Upholstery di Armando a San Jacinto, in California, ha cucito l’interno in pelle color osso con tubature dorate e moquette in tinta. Le fondamenta dell’autotrasportatore sono un telaio Total Cost Involved con sospensioni anteriori indipendenti e un rearend Ford da 9 pollici posizionato da un quattro-link e gli airbag sono utilizzati tutt’intorno. Earl Floyd ha costruito la 276ci Merc Flathead. E’ equipaggiata con un Isky 3/4 race cam, teste Edelbrock, un doppio collettore di aspirazione a due barili con montaggio di carburatori Stromberg 97. Un Flat-O-Matic accoppia il motore a una Ford C4 automatica.

Tom Shorett, San Bernardino, California / 1933 Ford

Anthony Taormina, Reno, Nevada / 1932 Ford

Partendo da poco più di un cappuccio, Anthony Taormina ha costruito le porte e la parte posteriore di questo pickup roadster con l’aiuto di una classe e della guida pratica del leggendario costruttore, Faye Butler. Per completare il pickup, Anthony si è rivolto alla Vintage Hot Rod Design and Fabrication di Chico, CA. Hanno costruito il telaio unico che mette l’asse non sganciato davanti alla calandra e la molla dietro di essa. Nella parte posteriore, i ‘rails sono stati profondamente Z’d e i coilovers sono stati utilizzati per le sospensioni. L’interno, ispirato all’aeronautica, è caratterizzato da un’ampia carpenteria metallica rivettata e da una vera coppia di sedili bomber. Per un motore, John Beck ha costruito una Lincoln V-12 Flathead del ’38 accoppiata ad una trasmissione T-5. Continuando il tema, anche i freni tutt’intorno, così come il rearend, sono Lincoln.

Articolo molto interessante
1970 Plymouth Barracuda AAR - Una sorpresa di fine serata

Don Lindfors, Orange, California/ 1929 pickup Ford

Tim Allen, Burbank, California / 1955 Ford

Soprannominata la “Triple Nickel”, la Ford del ’55 di Tim Allen è stata costruita da Moal Coachbuilders a Oakland, CA. Poiché questa vettura è stata costruita per essere guidata, si basa su un telaio Art Morrison dotato di un motore Ford GT Cammer 5.4L sovralimentato. A seconda della sua configurazione, il motore ha la potenzialità di produrre 600-850 CV, che saranno tutti trasferiti in una trasmissione automatica overdrive da un pickup Lightening. All’esterno del ’55 sono state apportate alcune modifiche. Sul cofano è stato aggiunto uno scoop in stile Thunderbird-style, i fari sono stati lasciati liberi e le bocchette dell’aria fredda schermate sostituiscono le originali luci di segnalazione di parcheggio/giro. Il look furtivo è impreziosito da una gomma grassa su ruote in acciaio con coprimozzi per cani. Per accompagnare lo scoop del cofano, il tema della Thunderbird continua all’interno dell’auto con il design degli interni di base e l’aggiunta di un cruscotto a T-bird.

La migliore Ford in una Ford

Presentato da Ford Racing

Tim Allen

Burbank, California

1955 Ford

Mentre la perfetta carrozzeria e la verniciatura della Ford del ’55 di Tim Allen sono difficili da perdere, questa è un’auto che richiede uno sguardo attento per essere apprezzata appieno. Appena uscita da Moal Coachbuilders, la coupé Customline è carica di dettagli aggiuntivi che sono così perfettamente integrati da passare quasi inosservati.

Vedi tutte e 4 le foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento