Grande Mercurio cattivo

Vedi tutte e 1 le fotoJerry HeasleywriterAug 8, 2012

Nell’estate del 1969, Eddie Wood stava per entrare nell’ultimo anno di liceo e aveva bisogno di un nuovo set di ruote. Fortunatamente per lui, suo padre, Glen Wood della famosa squadra corse NASCAR dei fratelli Wood, possedeva una concessionaria Lincoln-Mercury a Danville, Virginia.

In cima alla lista dei desideri di Eddie c’era una Mercury-a ’70 Cyclone Spoiler di medie dimensioni alimentata da un Boss 429. Dopotutto, la Ford ha omologato questo grosso blocco per le corse di auto di serie, e i fratelli Wood hanno fatto girare questo nuovo motore Hemihead, non un cuneo, nella NASCAR.

I fratelli Wood Brothers hanno sicuramente avuto un grande successo con Ford e Mercury. Questa famiglia aveva corso alla NASCAR dal 1950, a partire da una Ford del ’38.

“Non abbiamo mai corso altro che Ford e Mercury”, dice Eddie. Quindi, qualunque cosa Eddie volesse per la sua nuova auto, una cosa era certa: “Avrei avuto una Ford”.

Un Boss 429 Cyclone sarebbe stato un viaggio da sogno, soprattutto per un ragazzino di successo che va alle corse NASCAR e lavora alla stock car di David Pearson. Ma Bunkie Knudsen, presidente della Ford, voleva una spinta all’immagine della Mustang che fosse all’altezza di Camaro ZL1 e Hemi ‘Cuda. Eddie non ha ottenuto il suo Boss 429 Cyclone Spoiler, anche se il modulo d’ordine della fabbrica prevedeva una casella per questa opzione.

“C’è stata una specie di presa”, dice Eddie, la sua voce riflette ancora oggi lo scoraggiamento.

Ford ha messo un kibosh permanente su questo ordine. Il Boss 429 era disponibile solo in una Mustang. L’adolescente si accontentava di un Cougar Eliminator con un Boss 302, verniciato Competition Orange con interni neri, la stessa rifinitura che aveva ordinato per il Cyclone Spoiler del ’70. Ora aveva una ponycar più leggera e più calda.

Come si è scoperto, Eddie “si è messo nei guai” con la Cougar. Ricorda “una coppia, tre multe per eccesso di velocità”, e alla fine ha fatto saltare in aria il motore Boss ad alto rendimento, da corsa.

“Penso che fosse contro un 383 Super Bee”, dice. “In un certo senso ce la siamo cavata insieme. Ho tirato indietro quella cosa con la marcia alta ed è esplosa proprio come se fosse su una pista. Voglio dire, è esplosa alla grande”.

L’ultimo anno di liceo ha dovuto chiamare suo padre per venire a trainare la macchina. Con il lucido da scarpe spalmato “su tutti i finestrini dalla striscia di trascinamento, ero piuttosto colpevole”, dice Eddie.

In realtà, Eddie non aveva corso in pista. L’ha fatta “classificare per vedere contro cosa avrei dovuto correre”. Per Glen Wood, il drag racing “era una specie di tabù”, dice Eddie.

Mentre cavalcavano nel trasportatore mentre trainava la casa del Cougar, Eddie ha avuto una conversazione con suo padre.

“Era una domenica pomeriggio nel cuore dell’inverno. Dice: ‘Be’, rimetteremo tutto a posto e decideremo cosa fare”. Bisogna prendere un’auto più grande e qualcosa con l’automatico”. Dovresti prendere un ciclone. ‘”

Fine With Me

Un ciclone mi andava “bene”, dice Eddie. Ne ha ordinato uno appena ha potuto. Ancora una volta, ha controllato la Competition Orange con un interno nero. Anche se il cambio era un automatico C6, Eddie ha ordinato il motore più caldo disponibile, il 429 Cobra Jet. Il 351 era il motore base dello Spoiler. Mercurio non offrì il Drag Pack nel ’71, che trasformò un 429 CJ in un Super Cobra Jet, molto probabilmente un immenso sollievo per Glen.

“Non mi sono mai messo nei guai con quella macchina, ma l’ho guidata molto”, dice.

Eddie ha lasciato l’automatico da solo all’inizio e ha guidato la bella bestia. Una volta che “la cosa del college” era finita “era il momento di fare il salto completo”.

Eddie, allora ventunenne, aveva le risorse per costruire un Mercurio davvero caldo. Mandò il motore a Holman-Moody, lo stesso negozio che costruì i motori da corsa NASCAR dei fratelli Wood Brothers, per farne la progettazione. Presso il negozio di famiglia lo zio di Eddie, Leonard, trovò un paio di “spruzzatori centrali” Holley a quattro barili di Holley al largo di un 427 Tunnel Port originariamente gestito nella NASCAR nel 1967-1968 circa.

Eddie ha preso un nuovo cappuccio e ha fatto un buco per liberare i due quattro quattro, coperto con una scatola. Leonard ha fatto un “bello scoop” piegando e spaccando due pezzi di tubo. Lo scoop era “probabilmente alto 15 centimetri” e dipinto di arancione.

Con una grande camma, la trasmissione automatica mancava del vuoto per funzionare correttamente. Eddie andò dal concessionario di suo padre e ordinò “ogni pezzo che serviva” per installare un cambio a quattro velocità, fino al bagagliaio del cambio per sembrare di fabbrica. Tuttavia, scelse un cambio Hurst e un Top Loader da un’auto da corsa di famiglia, molto probabilmente una Mercury David Pearsondriven.

Il magazzino da 9 pollici aveva un differenziale aperto e 3,25 ingranaggi. Eddie ha scambiato il differenziale con uno a slittamento limitato e un cambio da 3,50 da Wood Brothers. Queste marce sono apparentemente ancora in macchina, così come il cambio e la trasmissione.

Eddie ha venduto lo Spoiler a metà degli anni ’70. Ricorda: “Un ragazzo di Danville lo comprò per suo figlio, poi lo vendette. Credo che sia rimasto in un magazzino per 10 anni”. Poi un giorno di punto in bianco questo signore [di nome McPherson] mi chiama da Baltimora”.

Ai collezionisti piace conoscere il patrimonio delle loro auto. Questo è stato il Cyclone Spoiler Eddie comprato nuovo?

Eddie dice: “Gli ho detto di andare sul lato sinistro del volante e di cercare sotto il cruscotto un paio di interruttori a levetta. Certo, erano lì”.

A cosa servivano gli interruttori a levetta?

“Per spegnere le luci posteriori, le luci dei freni”, spiega. “Sai, se hai una situazione in cui devi farlo”.

McPherson ha fatto restaurare lo Spoiler e alla fine l’ha venduto a un uomo della zona di Milwaukee. L’attuale proprietario, John Grafelman, comprò l’auto dopo.

Collegamento Shinoda

I lettori potrebbero ricordare la storia di “Long-Lost Boss” (11 giugno ’11) sul prototipo di Larry Shinoda Boss 302 trovato in un fienile in Illinois. John acquistò quell’auto nel 1976 come fastback Cobra Jet Mustang 428 Cobra Jet Mustang del ’69 e qualche anno fa ne ha fatto risalire l’eredità a Shinoda, il famoso designer automobilistico. John ha anche trovato un collegamento Shinoda nel Cyclone Spoiler. A quanto pare, prima di lasciare la Ford Design, Shinoda ha applicato il suo immenso talento al frontale del Cyclone Spoiler di Mercury.

“Larry ha progettato quel naso a pallottola”, dice John. “L’ho scoperto l’anno scorso. Sapevo che Larry ha fatto lo spoiler, ma Larry ha progettato l’intero frontale dell’auto e il gruppo della calandra”.

John attribuisce questa informazione a un caro amico di Shinoda, che l’anno scorso è stato giudice di auto da esposizione a un grande evento di muscle car. La parte più interessante del disegno è il foro rotondo al centro della griglia. Larry era un roditore e un pilota di drag nei suoi primi giorni, e la sua idea era quella di fare una griglia per aiutare i suoi amici che lavoravano sulle loro auto sulla dragstrip. Il design della griglia di Shinoda permette loro di tirare fuori un albero a camme proprio attraverso il foro centrale.

John Grafelman non si scambierà probabilmente le camme. Per lo più, mostra il suo grande e cattivo Mercury. È stato un successo tra i guerrieri aero al Forge Invitational dell’anno scorso, dove abbiamo catturato il suo Cyclone arancione fiammeggiante nel tardo pomeriggio.

A colpo d’occhio

1971 Spoiler ciclonico

Di proprietà di

Restaurato da : Proprietario precedente

Motore : 429ci/370hp Cobra Jet V-8

Trasmissione : Ford Top Loader 4 velocità con cambio Hurst

Rearend : Ford 9 pollici con Wood Brothers 3.50:1 differenziale a slittamento limitato

Interno : Sedili a secchio in vinile nero deluxe

Ruote : 15×7 Magnum 500

Pneumatici : G60-15 Goodyear Polyglas GT

Parti speciali : progetto Holman-Moody 429 CJ, conversione a quattro velocità

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites20128mscp-1205-1971-mercury-cyclone-spoiler-000.jpg

Lascia un commento