HOT ROD FLASHBACK: gennaio 2006

Vedi tutte e 1 le fotoMarlan DaviswriterJan 12, 2009

Lo staff di HOT ROD dà un’occhiata ai numeri preferiti della rivista negli ultimi 60 anni.

Per il numero di gennaio 2006, la copertina di HOT ROD presentava la Chevy II del ’67 di Carl Scott che tirava una Chevy II con un poster pieghevole del cavalletto legato alla rivista. Scott è stato il vincitore assoluto della prima Drag Week di HOT ROD, un’odissea di 40 auto a cinque binari, lunga una settimana, a cinque binari e lunga 1.500 miglia per determinare, come i nostri redattori hanno modestamente affermato, “l’auto stradale più veloce d’America”. Lo scopo era quello di guidare le auto da un circuito all’altro. I concorrenti non potevano essere rimorchiati, trainati o trainati in alcun modo. È stata una bella botta, ma il segreto di Scott era una Chevy Rat 9:1, relativamente docile, 540ci Chevy Rat che viaggia a 87 ottani, ma che correva costantemente a metà di 8 secondi e mezzo sulla bombola del gas esilarante. Che modo di dare il via a quello che è diventato l’evento annuale più popolare dell’HOT ROD.

Nello stesso numero, i redattori hanno scelto le prime 10 hot rod del 2005. La Olds Toronado Olds Toronado del ’66 di Jay Leno (presente a pieno titolo nel numero di febbraio ’05) è stata scelta come HOT ROD dell’anno per la sua ottima vestibilità e finitura, un incredibile motore e trasmissione Corvette 425ci Corvette Gen IV biturbo 425ci da 1.070 CV (incluso l’IRS montato posteriormente), un interno morbido e confortevole, e una super attenzione ai dettagli. Oh sì, l’auto era abbastanza affidabile da superare l’HOT ROD Power Tour e a pieno ritmo al campo di prova nel deserto della GM.

Articolo molto interessante
Lo classifichi tu: Chevelle del '70 alimentata a propano

Tra le altre storie degne di nota c’è un servizio sulla Ford Starliner 600ci ’61 di Summit Racing Equipment. Costruita da Denny Terzich, abbiamo deciso che “questa non è la regina del rimorchio, e abbiamo le foto alla deriva per dimostrarlo”. Per la tecnologia hardcore, abbiamo messo la HOT ROD Special, una Camaro Bonneville degli anni ’80, sul telaio da banco e l’abbiamo messa a punto per fare 1.030 CV alle gomme. Per qualcosa di un po’ più stabile, i lettori hanno potuto usufruire di un pacchetto di ricette in cinque fasi per il motore LS1 di serie della GM. Il motore dell’articolo è uscito dalla cassa a 366 CV e le Comp Cams hanno aumentato la potenza fino a 531 CV.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites2009116668027.jpeg.jpg

Lascia un commento