I pulsanti delle strisce pedonali e dell’ascensore “Chiudi la porta” sono una finzione totale?

Sia che si stiano premendo i pulsanti di qualcuno o che si stiano premendo pulsanti veri e propri, entrambe queste azioni hanno una cosa in comune: esercitare il controllo. Ma cosa succederebbe se vi dicessimo che la soddisfacente sensazione di padronanza che deriva dal premere certi bottoni, come sulle strisce pedonali o sull’ascensore, è tutto uno stratagemma?

Purtroppo è così. Beh, almeno per una parte del tempo.

Pubblicità

Come spiega il nostro video di BrainStuff qui sopra, premere un pulsante “chiudi la porta” in un ascensore o un pulsante “spingi per attraversare” in un passaggio pedonale può farti sentire come se stessi facendo qualcosa, ma non significa che cambi il modo in cui funzionano gli ascensori o i segnali stradali.

Come i polli che attraversano la strada

Nel 2004, un rappresentante del dipartimento dei trasporti di New York City ha dichiarato al New York Times che oltre il 75 per cento dei pulsanti delle strisce pedonali della città non avevano alcun effetto sui segnali stradali. E nel 2013, gli uffici dei trasporti del Regno Unito hanno ammesso che fino al 40% dei loro segnali delle strisce pedonali funzionava automaticamente, anche se il pulsante delle strisce pedonali veniva premuto.

Ma perché? C’è qualcuno nel dipartimento di urbanistica che ha un senso dell’umorismo contorto? In realtà, è una questione di progresso. La maggior parte dei pulsanti per le strisce pedonali sono anteriori all’era dei modelli di segnale computerizzati – essi erano usati per influenzare il segnale, ma la rimozione dei pulsanti costerebbe milioni. Di conseguenza, la maggior parte delle città ha scelto di lasciare i pulsanti al loro posto.

Articolo molto interessante
Come funziona la rabbia stradale

Inset” “Le transenne lavoravano più di quanto non facciano, ma rimuoverle o sostituirle è un processo costoso, quindi molte sono state appena disattivate.Evening Standard/Getty Images

Inoltre, la maggior parte dei pulsanti delle strisce pedonali può essere programmata per funzionare ad orari ottimali. I più recenti sistemi di controllo del traffico, come la Split Cycle Offset Optimization Technique (SCOOT), possono rendere i pulsanti operativi nelle ore non di punta. Ciò è particolarmente efficace in un incrocio che ha traffico motorizzato 24 ore al giorno, ma il traffico pedonale principalmente durante le ore di lavoro, per esempio. Il segnale di marcia può essere impostato per attivarsi automaticamente durante il giorno, ma richiede la pressione del pulsante quando ci sono meno pedoni di notte.

Cosa succede…

E i pulsanti per chiudere la porta dell’ascensore? Ci sono una serie di miti urbani in giro, tra cui l’idea che i pulsanti funzionino solo con una chiave master portata dal personale di emergenza o di riparazione. Si dice anche che i pulsanti siano completamente falsi e che funzionino solo come placebo per soddisfare gli impazienti che premono i pulsanti (per saperne di più in un minuto).

Sappiamo che l’Americans With Disabilities Act del 1990 specifica che le porte degli ascensori devono rimanere aperte per almeno tre secondi. Questo potrebbe rendere inefficaci i pulsanti di “chiusura delle porte”, almeno quando vengono premuti immediatamente dopo essere entrati nell’ascensore.

Articolo molto interessante
Auto del futuro

E gli ascensori che hanno solo i pulsanti placebo “chiudi la porta”? Questi pulsanti, che in realtà non fanno nulla, prendono il nome dall’effetto placebo. Un effetto placebo è un termine psicologico che si riferisce a persone che sperimentano risultati misurabili con falsi trattamenti, in gran parte perché credono che i trattamenti funzioneranno.

La prossima volta che premete un pulsante “chiudi la porta” nell’ascensore o premete un pulsante di segnalazione per attraversare la strada, concentratevi su quanto vi sentite potenti – anche se è solo nella vostra mente.

Ora, i professionisti di CoolSomeheating e aria condizionata riferiscono di aver installato i termostati placebo nei luoghi di lavoro per dare ai dipendenti l’idea (segretamente falsa) di avere il controllo.

Lascia un commento