Il Cole Foster 54: Profilo di un’auto personalizzata

Cole Foster found this 1954 Chevy hardtop in a junkyard in 1988, then spent years restoring it. See more custom car pictures. Cole Foster ha trovato questo hardtop Chevy del 1954 in uno sfasciacarrozze nel 1988, poi ha passato anni a restaurarlo. Vedi altro immagini di auto personalizzate . .

Cole Foster si occupa di personalizzazione professionale, fabbricazione e costruzione di auto dal 1989 nel suo negozio “Salinas Boyz” a Salinas, California, ma essere un costruttore di auto e moto su misura non è stata la sua prima scelta nella sua carriera.

Da adolescente, Foster intendeva seguire il padre, il famoso costruttore di auto da trascinamento Pat Foster, nella sua carriera di autista di Funny Car. Il destino ha annullato questi progetti, ma le macchine da corsa costruite appositamente per le auto da corsa con cui Foster è cresciuto lo avrebbero influenzato per sempre.

Foster ha trascorso la maggior parte della sua giovinezza acquisendo le proprie capacità di fabbricazione, che ha combinato con il suo innato senso del design per creare alcune delle auto personalizzate, motociclette e hot rod in stile tradizionale più belle del paese.

Galleria immagini auto personalizzate

La Chevy hardtop Chevy del 1954 tagliata a pezzi di Foster è stata la prima consuetudine che gli ha portato il plauso nazionale. Nel 1988 ha tirato fuori l’auto da uno sfasciacarrozze della California del Nord, per poi lavorarci sopra e sopra nei sei anni successivi, quando il tempo e le finanze lo permettevano.

Articolo molto interessante
1960-1963 Cometa Mercurio

Il telaio è stato aggiornato con componenti di ultima generazione per una crociera affidabile. Il stovebolt six di serie è stato sostituito con una Chevy 350-cid V-8 agganciata a una trasmissione Turbo 350. È stata installata una sospensione anteriore indipendente di ultimo modello, e la sospensione posteriore è stata sostituita con un assale Chevy del ’64 su molle disinnestate.

Il telaio è stato modificato per lo spazio libero e il serbatoio del gas è stato sollevato per consentire la posizione più bassa. I coprimozzi di una DeSoto del 1951 sono stati modificati con tappi a pallottola al centro.

Foster ha tagliato i primi quattro pollici, sostituendo l’intera parte posteriore del tetto con lamiera laminata su misura da Don Fretwell. La nuova forma ha eliminato il design del pilastro posteriore “dog-leg” in fabbrica a favore di una pendenza conica ininterrotta. Il lunotto posteriore “avvolgente” di serie è stato sostituito con un’unità più piccola di una Plymouth del 1950.

Un top chop è una modifica difficile e incredibilmente importante per un’usanza perché detta il profilo complessivo del veicolo. Foster ha fatto bene.

Foster ha saldato il cappuccio in due pezzi in un unico pezzo. Ha rimodellato l’apertura della griglia modellando il bordo della griglia a forma di U da due Chevy del 1954, tagliando la barra della griglia Chevy del ’54 per adattarla alla nuova apertura. Nel processo, Foster ha rimosso i baccelli di luce di parcheggio dalla barra della griglia e ha aggiunto quattro denti supplementari. Il piatto di ghiaia anteriore è stato modellato e un paraurti anteriore di serie è stato montato in una posizione più bassa dopo che le sue protezioni del paraurti sono state rimosse.

Articolo molto interessante
1960-1963 LeBaron imperiale

Foster added four teeth to the stock '54 Chevy grille bar.” ” Foster ha aggiunto quattro denti allo stock ’54 Chevy grille bar.

I fari sono stati fresati con anelli di rifinitura in mercurio del 1954. Le aperture delle ruote anteriori sono state sollevate di tre pollici, e le linee di carattere del corpo del parafango anteriore di serie sono state martellate lisce. Tutte le finiture di fabbrica e le maniglie sono state rimosse.

Sul retro, i fanali posteriori di serie sono stati lasciati liberi e sono state aggiunte le lenti a bolla di Gene Winfield. Per abbinare la parte anteriore, è stato modellato il piatto di ghiaia posteriore e il paraurti posteriore è stato montato in una posizione più bassa. Si noti anche che la targa è stata curvata in modo da combaciare con la forma del paraurti posteriore.

L’auto ha trascorso un po’ di tempo in metallo nudo, poi primer e perla viola satinata man mano che il lavoro procedeva. Alla fine è stata terminata con una profonda verniciatura a perla blu notte di Jesse Cruz. Più tardi, Mark Dublia ha applicato sottili accenti di capesante sopra i fari anteriori e posteriori.

L’interno è stato rivestito con imbottiture a rullo bianco perlato e con tubature blu. Il volante proveniva da una Mercury del ’53, e il cruscotto era lisciato e si adattava con gli indicatori aftermarket in un pannello ruotato a motore vicino al tachimetro di fabbrica.

Articolo molto interessante
1950-1951 Studebaker

The interior was finished with pearl-white tuck-and-roll upholstery with blue piping.L’interno è stato rifinito con tappezzeria bianca perla con rivestimento a rullo con tubazioni blu.

La Chevy finita illustra le filosofie che Foster applica a tutta la produzione del suo negozio. Si sforza di evitare le idee stereotipate e le tendenze flash-in-the-pan mentre crea dichiarazioni di design fresche e risolute, che tra trent’anni avranno lo stesso aspetto di oggi.

Per saperne di più sulle auto personalizzate e le hot rod, vedi:

  • Storia delle Hot Rods
  • Profili auto personalizzati
  • Profili ad asta calda

Lascia un commento