Il concetto Goodyear Eagle-360 Reinventa la ruota

The Goodyear Eagle-360 has a unique shape that could provide additional safety and maneuverability to autonomous vehicles in the future. Goodyear ” ” La Goodyear Eagle-360 ha una forma unica che potrebbe fornire ulteriore sicurezza e manovrabilità ai veicoli autonomi in futuro. Goodyear

Pubblicità

Secondo il vecchio cliché, non c’è motivo di reinventare la ruota, ma Goodyear ha deciso che era un consiglio terribile. L’azienda ha recentemente presentato il suo nuovissimo pneumatico concept Eagle-360 al Salone Internazionale dell’Automobile di Ginevra 2016 – e come suggerisce il numero nel suo nome, il pneumatico è in realtà una sfera completa.

La Eagle-360 non è stata progettata per le auto di oggi, e nemmeno per le auto di domani. È progettata per “il pendolare del futuro”, ha detto il vicepresidente della Goodyear Olivier Rousseau a Ginevra. Navigant Research , un team di ricerca di mercato e di consulenza che fornisce un’analisi approfondita dei mercati globali delle tecnologie pulite, ha previsto che entro il 2035 saranno vendute ogni anno in tutto il mondo 85 milioni di auto autonome. E quando ci si può sedere di fronte a qualsiasi direzione all’interno del veicolo, perché l’auto non dovrebbe muoversi anche in qualsiasi direzione? Questo livello di manovrabilità permetterebbe al veicolo di aggirare agevolmente gli ostacoli e di scivolare in spazi di parcheggio ristretti senza spingere troppo gli occupanti del veicolo.

Quando si cambia la forma del pneumatico “ordinario” in modo così radicale, allora deve cambiare anche la tecnologia su cui siamo arrivati a fare affidamento. Gli attuali sistemi di monitoraggio della pressione dei pneumatici Goodyear avrebbero bisogno di un aggiornamento e i sensori che tengono traccia dell’usura del battistrada dovrebbero controllare che non vi sia un’usura irregolare su tutta la superficie gommosa delle sfere. Goodyear afferma che i suoi sensori potrebbero fare proprio questo, e quindi regolare il pneumatico per uniformare l’usura in modo che duri più a lungo.

Articolo molto interessante
5 Sintomi dei depositi di olio

Quella superficie, tra l’altro, non sarebbe più il disegno del battistrada che si riconosce, dato che le gomme attuali sono progettate per girare in una sola direzione, con una svolta occasionale o un breve tragitto in retromarcia. Quanto sarà diverso? Goodyear ha progettato un battistrada stampato in 3D che, secondo un comunicato stampa, “imita il disegno del corallo del cervello”. L’idea è che le numerose pieghe della superficie della sfera potrebbero assorbire l’acqua e ammorbidirsi in condizioni di bagnato, fornendo una maggiore superficie e una migliore aderenza su strade scivolose. Quando le condizioni sono asciutte, il battistrada del pneumatico si asciugherebbe e si irrigidirebbe per migliorare le prestazioni. Il disegno esatto potrebbe anche essere personalizzato per la vostra regione specifica e le vostre abitudini di guida.

È tutto abbastanza strano, ma se vuoi davvero farti saltare il cervello, guarda come Goodyear immagina che le gomme siano attaccate all’auto. Invece di una configurazione tradizionale di assali e sospensioni – che, per ovvie ragioni, non funzionerebbe affatto con le gomme sferiche – la Eagle-360 sarebbe tenuta in posizione dalla tecnologia a levitazione magnetica (aka maglev). “E’ simile a quello che si trova oggi sui treni”, ha detto Rousseau. Il risultato è una corsa più fluida e meno rumorosa.

In futuro, “la sicurezza sarà più importante nei veicoli autonomi di quanto non lo sia ora”, ha detto il presidente di Goodyear Jean-Claude Kihn a Ginevra. La Eagle-360 è stata progettata per affrontare i problemi di sicurezza e comfort nelle auto autonome, veicoli che stiamo iniziando a vedere solo ora come una possibile realtà.

Articolo molto interessante
Studente universitario trasforma la sua Honda Civic in un'auto da guidare per 700 dollari

Se sei preoccupato che la tua gomma del futuro non faccia parte dell’Internet delle Cose, puoi smettere di preoccuparti ora. Rousseau ha detto inequivocabilmente: “Il pneumatico parlerà”. I sensori della Eagle-360 saranno in grado di comunicare non solo con la vostra auto, ma anche con le auto vicine e le infrastrutture della città.

Lascia un commento