Il leggendario costruttore John J. Geraghty passa a 85 anni.

Vedi tutte le 8 fotoEric Geiser-fotografoEric RickmanphotographerRickmanphotographerPhillip ThomaswriterJun 3, 2015

John J. Geraghty, innovatore del hot roding americano ed esperto di opere d’arte dell’American West, è scomparso il 27 maggio 2015, all’età di 85 anni.

I lettori di HOT ROD di lunga data ricorderanno la sua radicale Ford Model T roadster del 1915 sulla copertina del numero di ottobre 1959 della rivista HOT ROD. Un telaio personalizzato ospitava un V8 303ci Olds V8 da 471 GMC soffiato 303ci (punzonato a 350 ci), trasmissione La Salle, e un asse posteriore a cambio rapido Halibrand. Tutto questo è stato drappeggiato con una carrozzeria rimovibile della Model T del 1915, verniciata con lacca verde glamour traslucida, e marchiata come “Grasshopper”. Consegnava più di 800 CV, percorrendo il quarto di miglio di Irwindale a più di 150 miglia all’ora.

Vedi tutte le 8 foto

La Grasshopper alla fine si è fatta strada nelle case delle hot rodders di tutto il mondo quando la casa di modellismo Monogram ha offerto un kit in scala 1/24 dell’auto nel 1960, chiamandolo il “Calabrone Verde”.

Vedi tutte le 8 foto

Purtroppo, nel corso degli anni, The Grasshopper è stato lentamente separato, con il motore che andava a un corridore dell’Oklahoma per 10.000 dollari, le sospensioni anteriori a un amico, e nessuno ricorda dove andava il telaio per i binari del telaio.

Anni dopo, i restauratori automobilistici Dave Shuten e Beau Boeckmann ricevettero una telefonata che avrebbe riportato in vita la leggenda del Grasshopper. Un uomo voleva vendere un’auto di progetto che aveva iniziato a costruire all’Hollywood Hot Rods di Troy Ladd, una riproduzione di Geraghty’s Grasshopper. Shuten e Boeckmann comprarono il progetto e ricostruirono Grasshopper, quasi da zero. Con l’estrema attenzione di Shuten per i dettagli, solo alcune sezioni del telaio, del roll-bar e dei supporti delle sospensioni sono state lasciate dal telaio appena acquistato; la ricerca di autenticità di Shuten è innegabile. Potreste vedere questo nuovo Grasshopper in un futuro numero di Street Rodder.

Articolo molto interessante
Il ritorno di una leggenda: Iconic 1940 Ford Coupe Body Shell Coupe ora disponibile per Hot Rodders e appassionati di auto d'epoca

Geraghty ha lavorato per decenni come pioniere nella messa a punto e nella costruzione di motori, essendo uno dei primi alla fine degli anni ’50 con un banco prova motori. Alla fine si è ritirato dal settore automobilistico nel 1997 e ha passato molto del suo tempo a collezionare arte occidentale, co-fondando il National Museum of Wildlife Art di Jackson, Wyoming, e il Museum of Western Art di Kerrville, Texas.

Vedi tutte le 8 foto

Geraghty è morto pacificamente nella sua Glendale, California, casa dal cancro, secondo la figlia LeeAnn York.

Vedi tutte le 8 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento