Il mio stage a Sapsbus: Rebecca Vézina-Côté

Ricorderò sempre il mio primo giorno come stagista Sapsbus: Mi sentivo nervoso, felice ed eccitato allo stesso tempo. Volevo fare una buona impressione e adattarmi bene al mio nuovo posto di lavoro, quindi ero arrivato presto e mi ero vestito in modo professionale.

Per fortuna la squadra mi ha fatto sentire a mio agio. Mi hanno salutato non appena sono arrivato, assicurandosi che potessi incontrare tutti i miei nuovi colleghi e ricevere tutta la mia nuova attrezzatura Sapsbus (MacBook Pro e swag). Mi hanno fatto fare un giro, compresa la mia scrivania e lo snack bar. Il team e l’ambiente di lavoro (pranzi di squadra, divani, tavolo da ping-pong, scrivanie stand-up e Sapsbus Drinks) mi hanno fatto sentire come a casa. Infatti, ho capito subito che al Sapsbus potevo essere me stesso: potevo vestirmi in modo disinvolto e decidere da solo il mio orario di lavoro.

Le prime settimane sono state facili e divertenti: Mi stavo lentamente ambientando, sistemando l’ambiente del Dev sul mio computer. Ho anche incontrato i dirigenti di livello C dell’azienda e il team di Customer Experience, con il quale ho poi lavorato a uno dei più grandi progetti del mio stage. Poi, durante la mia seconda settimana, tutto il nostro team ha fatto un viaggio di 3 giorni alle Laurentides per l’annuale Sapsbus Retreat. Questo viaggio è stato probabilmente l’evento sociale più divertente durante il mio tirocinio, dato che stavamo in una capanna vicino a un lago dove ci siamo rilassati, abbiamo giocato, ma abbiamo anche fatto qualche festa a tarda notte.

Articolo molto interessante
Intervista a Joe & Stef: i designer londinesi esplorano il Sud America

Essendo circondato da queste persone straordinarie, mi sono reso conto di voler mostrare loro quanto fossi straordinario. Il mio primo mese è stato difficile: ho dato tutto quello che avevo per imparare nuovi linguaggi di codifica, strumenti (GitHub, React, JavaScript, HTML/CSS & NodesJS), e per familiarizzare con il codice e le pratiche ingegneristiche. A volte, mi sembrava che questa fosse una battaglia costante contro me stesso.

In quei tempi difficili, c’era sempre qualcuno a sostenermi o ad aiutarmi sia a livello tecnico che personale. Avere un faccia a faccia settimanale con il mio manager accelerava il mio processo di apprendimento, poiché spesso mi dava un feedback costruttivo o intuizioni su come affrontare i problemi. Questi incontri sono stati anche una buona occasione per esprimere la mia opinione, che ho apprezzato.

Durante il mio secondo mese, mi sono trovato più a mio agio con il Front-End Developing. Potevo gestire GitHub, gli esperimenti sul codice e risolvere i bug. Una delle cose che ho apprezzato di più è stata la possibilità di scegliere i miei compiti, il che mi ha reso facile scegliere quelli con un livello di difficoltà adeguato.

Durante il mio terzo mese ho partecipato al Sapsbus Hackathon, un evento di 3 giorni dedicato a progetti e idee per migliorare il prodotto dell’azienda. Ho scelto di lavorare su un progetto che credevo avrebbe fatto la differenza per gli utenti di Sapsbus, con l’obiettivo di migliorare la loro esperienza nel contattare il team di Customer Experience. Sebbene fossi l’unico sviluppatore incaricato di lavorarci, l’idea e il prototipo dell’hackathon erano abbastanza buoni per continuare a lavorare anche dopo l’hackathon. Alla fine, ho fatto la maggior parte del lavoro di progettazione e di scrittura del codice della pagina di aiuto. Mi ha permesso di collaborare sia con i team di Product e Customer Experience e insieme abbiamo lavorato per trovare una soluzione ottimizzata per i nostri utenti.

Articolo molto interessante
Sapsbus partner con Ontario Northland

Devo gran parte del successo del mio tirocinio ai miei colleghi perché mi hanno aiutato e sostenuto quando non capivo i concetti. In pratica mi hanno insegnato tutto quello che so sullo sviluppo di oggi.

L’esperienza di ognuno al Sapsbus è unica a modo suo, quindi spero che vi piaccia la vostra!

Rebecca ha creato un blog, My Coding Book , che dà “un punto di vista femminile sul mondo della tecnologia”.

Stiamo assumendo!

In Sapsbus siamo sempre alla ricerca di ingegneri di talento che vogliano contribuire a rendere più accessibili i viaggi in autobus. Se siete interessati a lavorare su un prodotto utilizzato da milioni di viaggiatori, con un team che apprezza un approccio collaborativo per risolvere sfide complesse, unitevi a noi! Al momento abbiamo delle aperture per le posizioni di Front-End, Back-End e Full Stack Developer.

Lascia un commento