In che modo l’auto del futuro utilizzerà la biometria?

Some biometric security systems use a touchpad and a fingerprint to verify the person trying to start the car is allowed to do so. Alcuni sistemi di sicurezza biometrici utilizzano un touchpad e un’impronta digitale per verificare che la persona che cerca di avviare l’auto sia autorizzata a farlo. Scelta di Steven Puetzer/fotografo/ immagini Getty

La biometria sembra roba da fantascienza, ma misurare i marcatori biologici per identificare le persone sta già accadendo. La scansione dei vortici delle nostre impronte digitali o dei segni individuali dei nostri occhi è stata utilizzata per anni dai professionisti della sicurezza. Entro il prossimo decennio, una tecnologia simile arriverà anche nelle nostre auto.

Ci sono già alcuni sistemi biometrici per le auto che arrivano sul mercato, come un seggiolino che identifica il guidatore in base alle dimensioni e alla forma del suo sedere (utilizza sensori a 360 gradi). Ci sono anche sistemi di sicurezza per le auto che utilizzano un touchpad e un’impronta digitale per verificare la persona che cerca di avviare l’auto è autorizzata a farlo.

Pubblicità

Ma Mitsubishi Electric Corporation ha dimostrato quanto la biometria possa portare lontano l’auto del futuro al Tokyo Motor Show 2011 con il concetto EMIRAI. L’auto riconosce il volto del guidatore con una telecamera, e poi prende anche la temperatura del volto del guidatore con un raggio infrarosso. Un sensore sul sedile misura il battito cardiaco del conducente.

Come i sistemi biometrici oggi presenti sul mercato, il concetto EMIRAI può essere programmato per consentire l’avviamento della vettura solo ai conducenti autorizzati, ma può anche impostare la posizione del sedile, il display del cruscotto, le preferenze musicali e altro ancora per ogni conducente.

Articolo molto interessante
In che modo una pompa dell'acqua elettrica va a beneficio del vostro motore?

Sembra l’ennesima distrazione (o una dozzina) per gli autisti, ma Mitsubishi Electric dice che la maggior parte delle funzioni avviene automaticamente. Le misurazioni della temperatura e della frequenza cardiaca, ad esempio, vengono effettuate costantemente e potrebbero essere usate per spostare automaticamente l’auto sul lato della strada o per chiamare aiuto se il conducente si ammala.

Tutta la tecnologia biometrica mostrata nell’EMIRAI potrebbe essere in auto entro il 2022, secondo Mitsubishi Electric. Ora, se solo potessimo avere quelle auto volanti.

Articoli correlati

  • Come funziona la biometria
  • Come funzionano i sistemi di riconoscimento facciale
  • Come funzionano gli scanner di impronte digitali

Fonti

  • AutoBiometrics.com. (11 gennaio 2012) http://www.autobiometrics.com/
  • Fujimoto, Yurika. Divisione Relazioni Pubbliche, Mitsubishi Electric Corporation. Intervista via e-mail condotta il 16 gennaio 2012.
  • Nosowitz, Dan. “Un seggiolino per auto che autentica l’autista con il riconoscimento del sedere”. PopSci.com. 23 dicembre 2011. (11 gennaio 2012) http://www.popsci.com/cars/article/2011-12/car-seat-recognizes-your-butt-security-and-fun

Lascia un commento