In costruzione maggio 2010

Vedi tutte e 3 le fotoLiz MileswriterMay 1, 2010

'65 Chevelle Wagon<br />
Over The Top
<br />
Rick Billuni si è imbattuto nei ragazzi di Hot Rods e Custom Stuff a Escondido, California, molti anni fa. Il rapporto è iniziato con lavori più piccoli sulle sue auto personali, poi la loro prima costruzione completa insieme. A Rick piaceva molto quella prima auto, e ne voleva un’altra. Questo sarebbe stato diverso, però; le sue auto precedenti erano state al 100 per cento spettacolo, e lui non 't spendere molto tempo sulla strada. Questa volta Rick voleva qualcosa che fosse semplicemente divertente da guidare.

Hot Rods and Custom Stuff è noto per le sue auto chiavi in mano, che vanno dagli anni ’20 agli anni ’70. Fanno tutto all’interno dell’azienda, dalla costruzione del telaio alla verniciatura finale, con l’eccezione della cromatura e della verniciatura a polvere. Iniziano con auto totalmente non restaurate, distrutte o non finite, e realizzano costruzioni personalizzate o di restauro di alto livello.

Rick ha portato un '65 carro Chevelle che ha avuto molto del lavoro di fabbricazione fatto, ma aveva ancora bisogno di molto. Le prime cose sulla lista erano lo scarico, i freni e l’impianto idraulico del sistema di alimentazione, il montaggio del condizionatore d’aria e l’installazione dello stereo. Poiché questa sarebbe stata un’auto da guida, non solo da esposizione, avrebbe avuto bisogno di tutti gli elementi di comfort comuni nelle auto moderne, come i sedili rivestiti in pelle di peluche di una GTO dei giorni nostri e gli accessori per l’alimentazione.

Il prossimo nella lista delle costruzioni era il corpo. Hanno fatto solo piccole modifiche per smussare l’aspetto dell’auto. Hanno rasato il portellone del gas, lisciato il firewall e sostituito il gocciolatoio di fabbrica con uno tondo. Stanno finendo il montaggio e sveleranno l’auto al Grand National Roadster Show di Pomona.

Per i numeri

1965 CHEVELLE WAGONRick Billuni San Marcos, CAENGINEType:502ci big-block ChevyBlock:fabbrica di ferroInnesco:MSDCooling:Meziere's radiatore e pompa dell’acquaFuel system:Hilborn injectionExhaust: custom da 3 pollici piegati a mandrinoFissaggi:acciaio inoxDRIVETRAINTrasmissione/trasformatore:Tremec a cinque velocità manualeAlbero motore:customCostruito su misuraAssale posteriore:Ford da 9 polliciSospensione anteriore: Detroit Speed and Engineering, telaio Roadster ShopSospensioni posteriori:Detroit Speed and EngineeringFreni:Wilwood quattro ruote a discoSeggiolini:Pontiac GTODashboard:Stereo: Altoparlanti e amplificatori Kicker, unità di navigazione DVD PioneerCablaggio:IndoloreColonna:ididitComforts:alzacristalli elettrici, A/CWHEELS/TIRESWheels:Foose, 18- e 20-inchTires:BFGoodrich G-Force, 225/35ZR18 e 265/35ZR20Show All

’78 Trans Am

Ossessione Roadster

Il proprietario di Performance Restorations, Brent Jarvis, si dedica alle corse da molto tempo. Ha detenuto le più alte licenze in NASA, SVRA, VSCDA e NHRA. È anche molto esperto sia nelle corse su strada che nelle gare di accelerazione. Con tutto questo tempo intorno a queste fantastiche macchine, ha visto con i suoi occhi ciò che mancava e ha voluto costruire le auto nel modo in cui sentiva che dovevano essere costruite. Ha aperto il suo negozio nel 1988 e da allora ha creato delle auto fantastiche.

Uno dei suoi progetti attuali è questa Pontiac Trans Am del ’78. Ha incontrato i proprietari di questa vettura ad un’asta. Chiesero a Brent di dare un’occhiata ad alcune auto che volevano comprare, e Brent riuscì a fargli notare le mele marce e a fargli risparmiare un sacco di soldi e di frustrazione. Diventarono presto amici con un interesse comune per le muscle car. Ricorderete la Charger roadster già presente in questa rubrica, che apparteneva anche a Josh e Francis. Vivono a Chicago, quindi le auto dovrebbero essere difficili da gestire per tenere il passo con le buche e le strade accidentate che i rigidi inverni producono. Questo non sarebbe un problema per Brent. “Josh se ne esce con queste idee per le auto personalizzate, e se sono possibili, chiamo Murray Pfaff e gliele facciamo progettare. Una volta che siamo tutti d’accordo su un concetto, porto i disegni in officina e i miei ragazzi costruiscono le auto”, dice Brent. Hanno lavorato insieme abbastanza da far sì che le costruzioni ora vadano molto bene e che abbiano una comprensione reciproca di ciò che è necessario. Brent si è procurato un’ottima carrozzeria, per cominciare, che non aveva assolutamente nessuna ruggine. La struttura del telaio della carrozzeria doveva essere in ottime condizioni, perché la rimozione della parte superiore toglie parte della struttura incorporata che avrebbe dovuto essere assorbita dal sottocarro, ecco perché è iniziato con alcuni connettori del sottotelaio per impieghi gravosi e rinforzi.

Vedi tutte e 3 le foto

Per i numeri

1978 Trans AmJosh Fishkin e Francis Wisneski400 hpENGINEType:400ci PontiacCamshaft:COMP Cams High Energy seriesValvetrain:COMP CamsInduction:Edlebrock Performer, Holley 650-cfm HPIgnition: MSDCooling:Sistema di raffreddamento HDSistema di alimentazione:Edlebrock pompa carburante meccanicaExhaust:Hedman testate, scarico personalizzato da 2 1/2″, marmitte FlowmasterDRIVETRAINTrasmissione / cambio:Turbo 400Assale posteriore:3. 23 marceCHASSISSospensione anteriore:ammortizzatori QA1, Energy Boccole di sospensione, alberi superiori del braccio A sfalsati, componenti W6Sospensione posteriore:balestra con barra oscillante da 7/8 pollici, Energy, ammortizzatori QA1Freni:quattro ruote a disco Wilwood RUOTE/TIRES Ruote: a nido d’ape, pneumatici da 20 pollici:Goodyear F1Show All

’68 AMX

Xtreme Build

Tutto è iniziato con Peter White, della zona di Boston, che ha acquistato questa AMX del ’68 nel 1981. Ha guidato l’auto durante gli ultimi anni del liceo, poi del college. Una volta ottenuti gli esami finali, si è trasferito a New York City, un ambiente non adatto a un’auto d’epoca così ordinata. L’auto è rimasta in deposito per i successivi 15 anni. Peter si trasferì di nuovo nei sobborghi di Wellesley, Massachusetts, con sua moglie e i suoi due figli. Lì la vita era stabile e voleva far uscire l’AMX dal nascondiglio e rimetterla in strada. Caricò la batteria, sostituì le candele e la cosa si accese subito. Un giovedì (questo lo ricorda chiaramente) ha preso la macchina per andare a prendere la cena per la famiglia quando la ruota anteriore sinistra si è staccata. Decise che era il momento giusto per fare un restauro completo.

Peter l’ha portata in un negozio dove ha trascorso tre anni per un progetto relativamente minore. Decise di ritirare la macchina da quel negozio e di cercarne un’altra per finirla bene. Peter ha raccolto alcuni biglietti da visita alla mostra World of Wheels di Boston, ed è questo che lo ha portato alla Xtreme Restoration di Slatersville, Rhode Island.

Todd Lewis, proprietario del negozio, ha iniziato a lavorare per la carrozzeria del suo vicino di casa dopo il liceo, e si è subito stancato delle banali riparazioni dei minivan. All’età di 22 anni, ha iniziato il suo primo negozio che è cresciuto fino a 28 dipendenti, con 50-60 progetti alla volta. Ha venduto l’attività e ha avviato Xtreme, dove ha potuto costruire progetti più estremi.

Peter ha fatto un tour del negozio di Todd, e ha deciso di portare il suo AMX da completare. Come abbiamo sentito tutti molte volte, è arrivata per un tipico restauro con alcuni piccoli aggiornamenti, ma da allora si è trasformata in una massiccia trasformazione dell’auto. L’idea era di costruirla più grande e migliore senza perdere l’aspetto classico dell’originale. Hanno avuto cura di lasciare il cruscotto nella sua forma originale, ma l’hanno modificato pesantemente. Sì, avrebbero potuto fare una piastra del cruscotto in alluminio per un terzo del prezzo, ma non avrebbe seguito il tema che cercavano. Questo progetto ha preso una direzione più grande di quanto Peter si aspettasse, e non potrebbe essere più entusiasta del prodotto finale.

Per i numeri

1968 AMXPeter White, 45 Wellesley, MA745 cv, 614 lb-ft di torqueENGINEType:451ci AMC 401Block:Indy aluminiumOiling:Canton pan, Indy ad alto volume di oliatura esterna sistema di oliatura IndyMontaggio rotante:Moldex 4340 forgiato manovella in acciaio forgiato, Eagle H-beam bars. Pistoni in alluminio forgiato Ross, compressione 10,5:1Teste del cilindro:Indy aluminiumCamshaft:COMP Camme rullo solido, 248/254 gradi di durata, .654-/.661 pollici liftValvetrain:2.20-/1. Valvole in acciaio inox da 8 polliciInduzione:Iniezione di carburante KinslerAccensione:Distributore ACCEL e box 6A10Cooling:Radiatore nordSistema di alimentazione:Serbatoi Rick, Pompa in serbatoio AeroquipScarico:Testate tubolari AutomotiveFissaggi: ARP, viti con testa a bottone in acciaio inox a brugola per l’intero carDRIVETRAINTrasmissione/cambio:Richmond a cinque marce, frizione Ram, campana in legno di lago, idraulica, cambio HurstDriveshaft:Denny’s custom 3 1/2″ in alluminio asse posteriore:Competition Engineering 9″ alloggiamento, Moser 33-spline axels, 3. 90 marce, Detroit LockerCHASSISSospensione anteriore: telaio tubolare K-frame, bracci di controllo inferiore QA1 e coilovers, Pfadt Engineering custom sway bar Sospensione posteriore: Competition Engineering coilovers, tre link ladder bar, Speedway sway sway barFreni: pinze Wilwood a sei e quattro pistoni, pinze a sei e quattro pistoni, rotori da 14 e 12,5 polliciRuote/ruote TIRESWheels: American Racing 17-inch Salt Flats Tires: Nitto, 275/40R17 e 315/35R17Show All

Hai una macchina che vuoi che il mondo veda?
Inviare le specifiche e pix a john.hunkins@sorc.com

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201051005phr-01-z-under-construction-may-2010-1965-chevrolet-chevelle-wagon-side-view.jpg

Lascia un commento