Introduzione alla Studebaker Lark 1959-1964

Studebaker introduced the Lark a full year before the onslaught of the Big Three compacts. See more classic car pictures. Studebaker ha introdotto la Lark a un anno intero prima dell’assalto della Big Three compacts. Vedere più immagini di auto d’epoca . ©2007 Publications International, Ltd.

La Studebaker Lark, il cui prezzo economico è stato fissato nel 1959-1964, ha salvato l’azienda dal disastro finanziario, ma non per molto tempo. Le pagine seguenti descrivono gli sviluppi e le caratteristiche dei modelli Studebaker Lark del 1959-1964.

Galleria di immagini di auto d’epoca

Alla fine degli anni ’30, la Studebaker si trovò in difficoltà finanziarie, ma il campione economico del 1939 salvò la situazione. Nel 1958, la Studebaker-Packard aveva un’emorragia di inchiostro rosso, così l’azienda si giocò il suo futuro su un’altra auto economica, la Lark. Anch’essa ha salvato la situazione, ma solo per un po’ di tempo.

“Studebaker sarà qui quando sarai morto e sepolto” ha schernito un dipendente dell’azienda quando un giornalista ha portato la notizia che il venerabile stabilimento di South Bend stava per chiudere.

Ma il giornalista aveva ragione: il 20 dicembre 1963 sono arrivate 1.108 auto alla catena di montaggio e poi le porte si sono chiuse a chiave. Un libro paga annuale di 50 milioni di dollari e, peggio ancora, 7.000 posti di lavoro erano andati persi, giusto in tempo per Natale.

Anche un’istituzione americana era andata perduta, perché Studebaker costruisce veicoli a South Bend dal 1852: carri merci per l’esercito dell’Unione durante la guerra tra gli Stati Uniti; carri agricoli per la frontiera occidentale in espansione del paese; carrozze “Izzer”, quelle in cui il nonno corteggiava la nonna; utilitarie elettriche, subito dopo il volgere del secolo; e, dal 1904, robuste auto e camion a benzina.

Articolo molto interessante
1962-1996 Buick V-6

Non sembrava possibile che Studebaker non ci fosse più. E naturalmente non lo era, del tutto. Non ancora. Lo stabilimento di Hamilton, in Ontario, sarebbe rimasto aperto per altri 27 mesi, con la produzione di autovetture Studebaker, anche se in numero limitato.

The two-door wagon, here a VI, enjoyed a production run of 26,709.” ” Il carro a due porte, qui un VI, ha goduto di una produzione di 26.709 esemplari. ©2007 Publications International, Ltd.

La società aveva perso 25 milioni di dollari per le sue attività automobilistiche nel 1963. Le riserve di liquidità furono esaurite, e semplicemente non c’era modo di permettere che l’emorragia continuasse. La fabbrica di South Bend doveva sparire.

In realtà, è stato un miracolo che la fine non sia arrivata prima. O meglio, una successione di miracoli. Studebaker era stata messa in amministrazione controllata nel 1933, grazie alla folle politica del presidente Albert R. Erskine di pagare generosi dividendi dal capitale in un momento in cui l’azienda – come praticamente tutti i suoi concorrenti – stava perdendo soldi a palate. Un paio di miracolosi lavoratori di nome Harold Vance e Paul Hoffman riuscirono a ribaltare la situazione per un certo periodo, ma poi la recessione del 1938 fece sprofondare di nuovo l’azienda in un mare di inchiostro rosso, e fu di nuovo un periodo di crisi.

La salvezza di Studebaker, quella volta, arrivò con l’introduzione, nell’aprile del 1939, del piccolo Campione pert. Stilata da Raymond Loewy, era una piccola auto dall’aspetto intelligente, ben costruita, economica ed economica, a prezzi competitivi con la “Tre a basso prezzo”. Grazie alla sua robustezza, Studebaker tornò rapidamente al nero. La crisi era passata.

Articolo molto interessante
1924 Chrysler modello B-70

Ma poi, dopo aver ottenuto una serie di successi con le sue auto del dopoguerra, Studebaker ha ricominciato a scivolare. Da un picco di 320.884 vetture durante il modellismo del 1950, la produzione statunitense è crollata quattro anni dopo a 68.708, con un calo del 79 per cento.

The Studebaker Lark received an attractive facelift for 1963, but that didn't stop sales from nosediving.La Studebaker Lark ha ricevuto un interessante lifting per il 1963, ma questo non ha impedito alle vendite di fare il nosediving. ©2007 Publications International, Ltd.

Studebaker ha registrato una perdita nel primo trimestre di 8,3 milioni di dollari e le riserve di liquidità sono scese a 16 milioni di dollari. I colloqui con la Packard hanno avuto inizio, culminando nella fusione delle due aziende nel giugno 1954. Due anni dopo, la Curtiss-Wright Corporation, alla ricerca di una cancellazione delle imposte, entrò in azione.

Le vendite sono aumentate nel 1955, anche se il lato Studebaker dell’operazione combinata è rimasto profondamente in rosso. E poi lo scivolo ricominciò da capo. Nel 1958 la produzione dell’anno modello era scesa a 44.759 vetture, nonostante l’introduzione di un nuovo modello economico chiamato Scotsman. Nemmeno nel 1938 era stata così bassa; peggio ancora, l’operazione Studebaker-Packard perse altri 13 milioni di dollari.

Alla fine dell’anno, il nome dei Packard è scomparso per sempre. Negli ultimi due anni, il marchio, un tempo orgoglioso, non era stato altro che una Studebaker ribattezzata Studebaker, con grande dispiacere degli appassionati di Packard. A quel punto, la perdita era generalmente considerata una piccola perdita.

Articolo molto interessante
1950 DeSoto Custom Sportsman

La nascita della Studebaker Lark ha temporaneamente salvato l’azienda dal fallimento finanziario. Continuate a leggere per saperne di più su questa automobile.

Per ulteriori informazioni sulle auto, vedere:

  • Auto d’epoca
  • Muscle Cars
  • Auto sportive
  • Guida per il consumatore Ricerca auto nuove
  • Guida del consumatore Ricerca auto usate

Lascia un commento