Kimmel vincerà l’evento inaugurale della Great American Racing Series a Salem Speedway

Round #1

del Circle Track’s Great American Racing Series Round #1

Vedi tutte e 5 le fotoRob FisherwriterShawn CrosephotographerJun 10, 2015

L’evento inaugurale della Great American Racing Series a Salem Speedway, il 9 maggio, è stato una gara da non perdere. I 100 giri, 5.000 dollari per vincere l’evento Street Stock avevano qualcosa per tutti i tipi di azione, per il dramma delle qualifiche, per i corridori che rappresentavano sette stati diversi e per una stella nascente che è finita nella corsia della vittoria. È andata esattamente come previsto? No, ma queste cose non succedono mai.

Quando il team del Circle Track è stato incaricato dalla nostra casa madre di sviluppare una serie di eventi, sapevamo già tre cose. La prima è che volevamo che fosse qualcosa che nessuno avesse mai fatto. La seconda è che volevamo che fosse situato in una posizione centrale nel paese, in modo che i corridori provenienti dall’esterno dell’area geografica immediata di una determinata pista potessero accedervi facilmente. E al terzo posto volevamo che si concentrasse attorno alle azioni della Street Stock. Così, abbiamo costruito una serie che prendesse le Street Stock (una delle più grandi divisioni settimanali del paese) e che facesse corse di 100 giri su piste sia sterrate che asfaltate secondo un insieme di regole comuni, pagando al tempo stesso la notevole somma (per la divisione) di 30.000 dollari. Già, sono abbastanza sicuro che nessuno l’abbia mai fatto prima.

Vedi tutte e 5 le foto

Nelle discussioni formative per la serie abbiamo quasi subito capito dove volevamo dare il via. La storica Salem Speedway ha la reputazione di essere una pista molto veloce, molto spietata. Costruito originariamente nel 1947, l’ovale di mezzo miglio ad alta quota ha visto la sua parte di trionfi e tragedie nel corso degli anni. La storia del luogo è palpabile mentre si cammina attraverso l’ingresso dei box. Salem ha anche una sana classe di Street Stock locale, che aiuterebbe a disegnare un buon numero di auto. Così, dopo aver verificato che non ci fossero altre sanzioni regionali per le gare più importanti nella data da noi proposta, abbiamo annunciato l’evento inaugurale della Great American Racing Series a Salem il 9 maggio scorso, nel dicembre 2014, al PRI Show di Indianapolis.

Il formato della Great American Racing Series è liberamente basato sulla vecchia (e intendiamo vecchia) Daytona 500. I corridori farebbero due giri di qualificazione, che ordinerebbero il campo per un paio di gare di qualificazione. Gli schieramenti per le due manche (osiamo chiamarle “gare di qualificazione gemelle”?) sarebbero determinati dal vostro miglior tempo sul giro, che vi porterebbe in una posizione numerica. Quindi le qualificazioni 1-3-5 sarebbero state la prima manche, mentre la seconda manche 2-4-6, e così via, sarebbe stata la seconda. I primi 15 di ogni manche sono andati a competere nella caratteristica. Quelle 30 vetture sarebbero state pagate in una struttura di borsa che non si vedeva nelle gare su pista ovale da molto, molto tempo, se mai (vedi la barra laterale).

La mattina del 9 maggio, quando siamo arrivati a Salem, la mattina del 9 maggio, avevamo già i rimorchi con le auto da corsa in fila per ben 2 ore e mezza prima dell’apertura del cancello posteriore: è stato un buon segno. Quello che non è stato un buon segno è stato il tempo. L’abbiamo guardato per tutta la settimana. C’è stata una fila di temporali che ha scatenato il caos in Texas, Oklahoma, e punta a ovest dell’Indiana e si dirigeva verso di noi. Così, i cancelli si sono aperti sotto un cielo nuvoloso, ma per ora tutto era asciutto.

Avevamo in programma due prove pomeridiane e quando la seconda prova è terminata le piogge sono arrivate. Fortunatamente l’acquazzone è durato solo 30 minuti circa, un’ora dopo la pista era asciutta e pronta per le qualifiche. Il giro di Will Kimmel di 19.541 è stato veloce, ma Chuck Barnes Sr. è scattato da un giro di 19.305 per prendere il Miller Welders Fast Qualifier Award, come tale Barnes è partito sul punto per la Qualifying Race #1. Kimmel è sceso in campo per la Qualifying Race #2. Ogni pilota avrebbe dominato le rispettive gare di qualificazione.

Un sorteggio di pillole ha determinato l’evento principale invertito e il pole-sitter Barnes ha fatto gli onori di casa davanti alla folla leggermente umida tirando fuori il numero 6, mettendolo in terza fila con Kimmel al suo fianco. Alla goccia del green, era evidente che Kimmel era in missione e al 18° giro era in testa. C’è stato un sacco di azione a fianco in tutto il campo, ma all’inizio Kimmel ha coperto il gruppo.

Mentre Kimmel estendeva il suo ruolo di protagonista, c’era un’altra storia che si diffondeva nel profondo del gruppo. Ma questa storia è iniziata molto prima. Curtis Peeples della Carolina del Sud ha fatto il tragitto di 10 ore dalla sua città natale a Salem nella speranza di accaparrarsi un pezzo della borsa da 30.000 dollari della corsa. Ma durante la primissima sessione di prove, il motore della sua auto si è inacidito. È rimasto ai box a chiedersi se il lungo viaggio verso il Midwest sarebbe stato inutile. È più o meno il momento in cui Travis Kern, un dipendente della Salem Speedway, ha offerto un motore di riserva che aveva seduto in pista. Peeples e il suo equipaggio passarono il resto della giornata a scambiare i motori ai box. Hanno perso tutta la seconda sessione di prove, le qualifiche e le gare di calore, sparando il nuovo motore giusto in tempo per far rotolare la macchina sulla griglia di partenza per l’evento principale.

Vedi tutte e 5 le foto

Le regole del G.A.R.S. permettono ad un corridore nella circostanza di Peeples di taggare il retro del campo per l’evento principale ed è proprio quello che ha fatto. Ma mentre il campo guardava il paraurti di Will Kimmel diventare sempre più piccolo, Peeples era in costante ascesa nel gruppo. A metà gara Peeples ha guidato sotto Kimmel come se fosse legato al suo trasportatore sul campo. Le regole del G.A.R.S. richiedono a tutti i concorrenti di utilizzare le stesse quattro gomme per le qualifiche, le gare di manche e l’evento principale. Dal momento che Peeples ha mancato le qualifiche e le gare di manche le sue gomme erano più fresche di qualsiasi altra auto in campo.

Mentre i giri scattavano, il caroliniano del Sud sembrava pronto a fuggire con la gara, ma un’ammonizione tardiva per il testacoda di Loren Short stringerebbe il campo. Alla successiva ripartenza è apparso chiaro che Peeples aveva usato molta gomma per arrivare in testa al gruppo e questa volta non stava scappando dal campo. Alla fine Kimmel avrebbe ripreso il comando, lasciando Peeples a dover affrontare un assalto di Blake Hillard, Brett Hudson e altri.

Vedi tutte e 5 le foto

Mentre la gara si avvicinava al 20esimo posto, Hudson e Peeples si sono riuniti, il che ha portato ad un testacoda in tandem per far emergere la terza cautela della serata. Entrambi i corridori sono stati mandati in coda al campo per la ripartenza. A questo punto è diventata la gara di Kimmel a perdere. Una ripartenza senza intoppi e Will ha salpato per la corsia della vittoria battendo Blake Hillard al traguardo di poco più di un secondo. Shawn Smith è arrivato terzo con Todd Kempf che si è piazzato quarto e Brian Bayer che ha completato i primi cinque.

“È fantastico essere qui nella corsia della vittoria”, ha esclamato Kimmel. “Stasera ha funzionato tutto perfettamente. La macchina ha funzionato alla grande, la squadra ha lavorato sodo. E dopo l’inizio della nostra stagione questo è un grande stimolo per la nostra squadra. Non vedo l’ora che arrivi la prossima”.

La prossima edizione di cui parla Kimmel si svolge a Illiana Motor Speedway, appena fuori Chicago, a giugno, e che potete leggere qui nel Circle Track del mese prossimo.

Vedi tutte e 5 le foto Finitura Auto # Autista Città natale Punti Vincite 1. 44Will KimmelJeffersonville, IN50$5.0002. 6Blake HillardOwensboro, KY48$2.5003. 86Shawn SmithLouisville, KY47$2.0004. 9Todd KempfHuntingburg, IN46$1.5005. 99Brian BayerBirdseye, IN45$1,0006. 42Curtis PeeplesRound O, SC44$9007. 32wRoger WilliamsSt. Paul, IN43 $8008. 5Chuck Barnes Sr. Louisville, KY42 $7509. 32David BaynesAustin, IN41 $70010. 3Loren ShortClio, MI40 $67511. 38Artie WareLouisville, KY39 $65012. 00Brett HudsonOwensboro, KY38 $62513. 26Jeff BergLouisville, KY37 $60014. 20Marcus Elliott Jr. Sellersburg, IN36 $57515. 77Justin PirtlePalmyra, IN35 $55016. 10Matt SticePerkin, IN34 $52517. 2Ronnie LuxBethpage, IN33 $50018. 91A.J. KempfJasper, IN32 $50019. 7Tony ConwayLouisville, KY31 $50020. 23Ronnie CottonOwensboro, KY30 $47521. 18Beau HendrichPalmyra, IN29 $45022. 46Tim RiversSalem, IN28 $45023. 29Mike ToddPleasant Hill, IA27 $42524. 74Josh BradingNew Albany, IN26 $4252525. 1Brandon TregemboRay, MI25 $42526. 12Kyle HadleyLouisville, KY24 $40027. 55Phil JenkinsGreenfield, IN23 DNSShow All Gara di calore #1 Vincitore Chuck Barnes Sr. Gara di calore #2 Vincitore Will Kimmel Miller Welders Fast Qualifier Award Chuck Barnes Sr. Miller Welders Hard Charger Curtis Peeples E3 Spark Plugs Racing Beyond the Edge Phil JenkinsShow All

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites20156great-american-racing-series-salem-speedway.jpg

Lascia un commento