Kit Carchives – Amelia Island Fawns Over Fancy Fiberglass

Auto americane di specialità venerate al Concorso di Amelia Island

Vedi tutte le 13 fotoHarold PacewriterFred RothphotographerJon GreuelphotographerSep 1, 2007

Il kit americano e le auto speciali stanno ricevendo proprio ora l’attenzione che meritano da parte della comunità delle auto d’epoca. Sono stati onorati qualche anno fa, quando le prestigiose Monterey Historic Races hanno presentato le auto da corsa americane fatte in casa nel loro evento annuale su pista. Quest’anno la stimata Amelia Island Concours aveva una classe speciale chiamata Fiberglass Sports Cars 1951-1960 solo per i classici ‘vetri’.

Sfortunatamente, a causa di una serie di confusione da parte di una compagnia aerea senza nome (suggerimento: inizia con la A, finisce con la n) non sono riuscito ad arrivare dal Texas alla Florida per lo spettacolo, ma il mio amico e collega storico dell’automobilismo specializzato Geoff Hacker è riuscito ad attraversare lo stato dal suo scavo di San Pietroburgo per riportarci la storia. Infatti, è stato uno degli ospiti d’onore per aver portato la sua sportiva rossa LaDawri Conquest del 1957 alla mostra. Ha portato con sé anche il suo complice, Jon Greuel (perno di www.LaDawri.com), e una manciata di ospiti a sorpresa.

Oltre alla Conquista, la classe comprendeva la famosa Bonneville di Jim Robinson del ’53 Victress S-1a, la Maverick Sportster del ’52 di Fred Roth, la Glasspar G-1 di Al Wiseman del ’51, la Devin SS del ’58 di Alex Quattlebaum, La ’54 Edwards America di Neil Huffman, la Kaiser Darrin Kaiser del ’51 di John McCrea e Ron Strapel, la Bocar XP-5 del ’59 di Mike Fisher, la Corvette del ’54 di Chuck Walder e la concept car Plymouth Belmont del ’54 di Ele Chesney. Che schiera!

Victress Reunion Una delle cose che hanno reso speciale questo evento è stato il fatto che alcuni dei principali protagonisti dei primi giorni dell’industria automobilistica in vetroresina si sono presentati in visita con i loro fan. Doc Boyce-Smith e Merrill Powell hanno dato vita alla Victress nei primi anni ’50. Quest’anno Merrill e sua moglie Gerrianne sono stati raggiunti allo show da Pat Boyce-Smith (vedova di Doc) per una visita con Jim Robinson e sua moglie, Lee Anne. Robinson ha recentemente completato un restauro completo della Guy Mabee Drilling Special, che ha stabilito il record assoluto di auto sportive a Bonneville nel ’53 a 203,105 miglia orarie, con una Chrysler Hemi che ha fatto il pieno di nitro!

Articolo molto interessante
Corvette Hack Track Test - Fat Hack - Progetto Auto

Victress ha costruito una vasta linea di auto sportive in kit e carrozzerie da corsa negli anni ’50. La S-1a era una bella roadster con un muso ellittico che si adattava a un passo di 99 pollici. Una versione più corta, la S-5, era dimensionata per adattarsi al telaio MG. L’S-4 era una bella cabriolet che si adattava ad un telaio di una berlina americana full-size. Le coupé C-2 e C-3 erano più pratiche, ma venivano ancora usate sulle auto da corsa. La Victress costruì anche carrozzerie dragster. Vendettero i loro stampi nel ’61 e chiusero le porte.

Ladawri chiedono che i tifosi dei LaDawri ricevano anche la visita della vedova del fondatore Les Dawes, Joan, e della loro figlia Debbi. Fino a quando Geoff Hacker non li ha contattati, i Dawes sopravvissuti non avevano idea della devozione che molti collezionisti hanno per le tante belle auto costruite da Les negli anni ’50 e ’60. Uno dei giudici di classe era il leggendario customizer George Barris, che ricordava con affetto di aver visto un LaDawri originale in una delle sue esposizioni automobilistiche del ’58 e disse che gli piaceva molto il look.

Altri classici Maverick di Fred Roth è l’unico esempio corrente conosciuto, anche se ci sono voci che ne esistano uno o due in più. Aveva una carrozzeria in fibra di vetro liscia e scolpita, montata su un telaio Cadillac del ’52-54 a tutta lunghezza, con carrozzeria Cadillac di serie o modificata. Il Maverick è stato creato dall’ingegnere H. Sterling Gladwin. Sono state costruite nei primi anni ’50. La Maverick verde scuro di Roth è stata giudicata la migliore della classe ad Amelia Island.

La Edwards America era un’auto sportiva in edizione limitata costruita dal ricco sportivo Sterling Edwards. Le prime due auto erano solo per le corse, ma poi Edwards passò alla produzione di auto da strada. Le carrozzerie di coupé e roadster in fibra di vetro erano montate su telai Ford con Lincoln V-8. Solo circa sei furono vendute a metà degli anni ’50. Neil Huffman ne aveva un bell’esempio ad Amelia.

La Glasspar di Al Wiseman era un ottimo esempio di auto costruita da una delle aziende pioniere nella produzione di vetroresina. Il fondatore di Glasspar, Bill Tritt, è stato un successo nel settore automobilistico, e ancora di più nel settore delle barche di vetro. La G-1 era una bella carrozzeria in kit che si adattava ad un telaio Ford o ad un telaio speciale costruito da Mameco.

Articolo molto interessante
HOT ROD Drag Week 2008 - Video e risultati finali

La Bocar era una delle poche aziende che costruivano auto da corsa su strada in America negli anni ’50. Dalla loro base in Colorado, le Bocar volavano a ventaglio per correre in tutto il paese. Il costruttore Bob Carnes progettò e costruì otto modelli del ’58-62, ma il migliore del lotto fu l’XP-5, che aveva un telaio scatolato, la Chevy power e le sospensioni anteriori VW. Michael Fisher ha tirato fuori uno splendido esemplare rosso allestito per le corse d’epoca con una 283 a iniezione.

Howard “olandese” Darrin ha convinto la Kaiser, una società automobilistica fallita, a costruire un’auto sportiva in vetroresina nel ’52. Era una bellezza, con le portiere che si infilavano nei parafanghi e una piccola griglia. Erano costruite su un telaio Henry J (un’auto economica costruita dalla Kaiser) con un motore a sei cilindri (un compressore era opzionale). La Kaiser affondò nel ’54, lasciando le ultime 150 vetture nelle mani di Darrin, che installò i motori Cadillac e li vendette come Darrins. Un fantastico Kaiser-Darrin era a portata di mano per mostrare quali splendide auto fossero.

Devin era un altro gigante del kit car degli anni ’50. Oltre alle loro carrozzerie in kit, Devin costruì un’auto finita chiamata SS, e Alex Quattlebaum aveva il suo sorprendente esempio rosso sul campo, insieme a una versione per bambini piccoli chiamata Devin Jr. Le SS avevano un telaio a scaletta, sospensioni posteriori DeDion, e una Chevy V-8, mentre la Jr. era costruita su un telaio da go-kart.

Il Plymouth Belmont è stato un progetto di stile futuristico e unico nel suo genere per una divisione Chrysler costruita nel ’54. Fu costruita utilizzando un telaio e un motore del ’54. Ele Chesney ha comprato il suo orgoglio e la sua gioia per l’isola di Amelia.

Ovviamente, il maggior successo di qualsiasi marca rappresentata quest’anno è stata la Corvette, e un bel modello bianco del ’54 è stato esposto dai proprietari Chuck e Karen Walder. Anche se inizialmente la Corvette era in ritardo rispetto alla T-Bird nelle vendite, in seguito è stata rivendicata diventando l’auto sportiva americana più longeva di tutti i tempi.

Articolo molto interessante
Manuale tecnico di Street Rodder Capitolo 5

Alla fine del fine settimana si è tenuta una sfilata sul campo di spettacolo. Ogni anno viene scelta una sola classe per questo onore, e con oltre 300 magnifiche Ferrari, Maserati, auto da corsa su strada, auto classiche di lusso e altre esotiche a disposizione, non era certo scontato che venisse scelta la classe Fiberglass Sports Cars, ma per fortuna lo è stata. Ogni vettura è stata guidata sul campo davanti a migliaia di spettatori mentre il pilota e il passeggero salutavano con la mano. L’ultima vettura ad attraversare il campo è stata la LaDawri Conquest di Hacker, guidata da Greuel con Debbi Dawes sul sedile del passeggero. Joan Dawes è stata presentata alla folla e ha fatto un discorso sulla macchina.

È stato un momento magico, e la famiglia Dawes ne è stata talmente presa che, appena arrivati a casa, ha iniziato a cercare un LaDawri tutto suo. Si può indovinare il finale. Il figlio Patrick Dawes ha recentemente acquistato una Conquest con un telaio e una sospensione costruiti su misura da suo padre. I Dawes hanno di nuovo un LaDawri tutto loro. E per non essere da meno, Merrill Powell non ha resistito a prendere una Victress C-3 tutta sua. Così, ancora una volta, due delle famiglie pioniere del mondo delle auto in kit hanno esempi del loro lavoro.

Un ringraziamento speciale va a Geoff Hacker per aver fornito i dettagli di questa rubrica e per aver organizzato con gli amici le foto da condividere con noi. Hacker è stato in grado di aiutare a coordinare alcune delle auto che hanno partecipato a questa lezione, così come organizzare i visitatori speciali che hanno partecipato. Infine, un ringraziamento al fondatore e presidente di Amelia Island, Bill Warner, per aver invitato queste sculture in vetroresina, spesso trascurate, alla sua fantastica celebrazione dell’automobile!

Vedi tutte le 13 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2007\09\0709kc-03-pl-kit-car-archives-.jpg

Lascia un commento