L’Aluma Coupe: Profilo di un Hot Rod

Larry Erickson's Aluma Coupe changed the way automakers thought about hot rods. See more hot rod pictures. L’Aluma Coupé di Larry Erickson ha cambiato il modo in cui le case automobilistiche hanno pensato alle hot rod . Vedere più immagini hot rod . Pubblicazioni internazionali, Ltd.

Poi il designer della Cadillac Larry Erickson ha sognato l’Aluma Coupe su un volo di ritorno a Detroit dal sud della California nel 1991. Erickson ha disegnato un’auto concepita come una moderna combinazione di motore centrale della Ford coupé “34 dei fratelli Pierson” dei fratelli Pierson e della Art Chrisman “30 Ford Model A coupé” radicalmente tagliata. L’auto che ne è risultata non solo ha spinto il design delle hot rod, ma ha anche cambiato il modo in cui le case automobilistiche pensavano alle hot rod.

Galleria di immagini Hot Rod

Erickson aveva lavorato con Boyd Coddington su CadZZilla™ alla fine degli anni ’80, e questa vettura era il prossimo progetto del duo. Originariamente doveva essere una roadster con un V-8 americano, ma i piani sono presto cambiati. Mitsubishi aveva pensato di sviluppare un’auto da esposizione basata sulla sua 3000 GT sportiva, e quando il capo product planner Mitsubishi Ron Kusumi incontrò Coddington, trovò l’uomo che poteva costruire un’auto per mostrare i pezzi della sua azienda.

Erickson ha costruito un modello in scala per concretizzare e modificare il concetto e la squadra di Coddington si è messa al lavoro. Dave Willey realizzò il telaio a tubi, che in seguito sarebbe stato verniciato a polvere in grigio, così come le parti delle sospensioni. La sospensione anteriore, unica nel suo genere, è stata costruita come un’unità cantilever indipendente con ammortizzatori a bobina interna, e anche la posteriore ha ricevuto una configurazione indipendente.

Articolo molto interessante
1963-1968 Mercury Breezeway

Marcel DeLay ha modellato la carrozzeria, che è cambiata da roadster a coupé lungo il percorso a causa delle preoccupazioni sulla resistenza strutturale. L’auto ha ricevuto il suo nome, la Aluma Coupé, in parte perché i pannelli della carrozzeria sono stati fabbricati interamente in alluminio.

Le parti della Mitsubishi hanno modellato gran parte del resto dell’auto. Russ Collins di Torrance, California’s R.C. Engineering ha messo a punto il motore – un quattro cilindri Mitsubishi Eclipse 2.0 litri turbo del 1991 – per una potenza di circa 320 cavalli. L’equipaggio di Coddington ha montato il motore trasversalmente dietro i sedili, accoppiandolo ad un transaxle Galant del ’90 con alberi motore dal pieno e portamozzi.

The Aluma Coupe's engine is a turbocharged 1991 Mitsubishi Eclipse 2.0-liter four-cylinder.” ” Il motore della Aluma Coupe è un motore turbo 1991 Mitsubishi Eclipse 2.0 litri quattro cilindri.

Erickson ha anche progettato gli interni, utilizzando strumenti Mitsubishi Eclipse, sedili in pelle Connolly su misura e un volante Boyd. Una verniciatura in vetro liscio giallo perla e le ruote Tri-Fan di Coddington hanno completato il progetto, durato 11 mesi.

The Aluma Coupe's interior has custom-made Connolly seats and a Boyd steering wheel.Gli interni della Aluma Coupé hanno sedili su misura sedili Connolly e un volante Boyd.

L’Aluma Coupé ha debuttato al Salone dell’Auto di New York del 1992 con un’ampia copertura stampa. L’auto ha ulteriormente affermato Coddington come il principale costruttore di aste del suo tempo, e ha posto le basi per un ulteriore coinvolgimento della società automobilistica nelle hot rod.

Articolo molto interessante
1970 Dodge Challenger R/T 440 Six Pack

Il collezionista Ferrari David Sydorick ha acquistato la Aluma Coupé nel 1993. Da allora ha esposto l’auto al Petersen Automotive Museum di Los Angeles e in altre sedi. Sydorick guida l’auto occasionalmente, la mostra agli eventi della California del Sud e la tiene a casa sua a Beverly Hills.

Per saperne di più sulle auto personalizzate e le hot rod, vedi:

  • Storia delle Hot Rods
  • Profili auto personalizzati
  • Profili ad asta calda

Lascia un commento