L’auto GM che non ha il volante o i pedali

The interior of the Cruise AV ” ” L’interno della Cruise AV della General Motors, che potrebbe arrivare sulle strade già nel 2019. General Motors

Pubblicità

Preparatevi a un’auto che non ha né volante né pedali. La General Motors ha sviluppato l’auto, conosciuta come Cruise AV, per l’uso nelle flotte in condivisione e prevede di lanciarla nel 2019.

La Cruise AV non è la prima auto progettata senza volante e pedali, ma è la prima auto di questo tipo ad essere destinata alla produzione. GM vuole eliminare gli incidenti automobilistici, le strade prive di traffico e le emissioni nocive di gas di scarico. L’azienda dice che la Cruise AV ci può portare lì, ed ecco perché:

  • Il 94 per cento degli incidenti sono causati da errori umani.
  • Circa un’auto su tre su tre in strada in un dato momento cerca un parcheggio, ma le auto che guidano da sole possono farlo in modo più efficiente.
  • L’auto con guida autonoma renderà più facile la circolazione per gli anziani o per le persone con problemi di mobilità.

Chevy Bolt ” ” La Chevy Bolt si ricarica in una stazione per veicoli elettrici a San Francisco. GM ha preso in prestito dalla Bolt per progettare la Cruise AV. Smith Collection/Gado/Getty Images

La casa automobilistica ha basato la Cruise AV sulla Chevy Bolt, ma è molto più avanzata rispetto alle precedenti versioni a guida automatica della Bolt. Una società di San Francisco chiamata Cruise Automation ha sviluppato il software, mentre la sicurezza e l’ingegneria sono state completate nel Michigan. GM ha dichiarato nel suo rapporto sulla sicurezza di guida automatica del 2018 che ogni sistema è stato valutato per potenziali guasti, e ci sono batterie di riserva nel caso in cui la fonte di alimentazione principale incontri dei problemi. L’auto ha anche due registratori di dati e funzioni di sicurezza informatica.

Articolo molto interessante
Le leghe a memoria di forma possono sfruttare l'energia termica delle auto?

“Il veicolo è progettato per un’esperienza utente intuitiva e familiare in un servizio di ride-sharing”, secondo il rapporto di GM , e l’azienda afferma che i consumatori avranno la possibilità di abituarsi alla tecnologia.

La disposizione della cabina è simmetrica, poiché le informazioni non devono essere orientate verso una sola persona. I posti a sedere seguono una disposizione convenzionale di quattro posti a sedere rivolti in avanti, anche se non ce n’è davvero bisogno. I rappresentanti della GM hanno rifiutato di discutere il motivo per cui sono rimasti fedeli a questa disposizione tradizionale dei posti a sedere. I tablet touch-screen forniscono ai corridori informazioni in tempo reale sulla corsa. In caso di emergenza, i motociclisti possono fermare la macchina, che accosterà non appena sarà sicura. L’auto si accosterà anche se rileva un problema.

GM si riferisce a “previsioni accatastate” e “manovre accatastate” quando descrive la complessità del processo decisionale dell’auto. Un esempio di previsione accatastata è l’aspettativa che un’auto che gira a sinistra ceda il passo a un pedone in un passaggio pedonale. Le manovre accatastate si riferiscono semplicemente alla gestione di più sfide stradali insieme o in rapida successione.

Non sorprende che la Cruise AV sarà tracciata. Le auto viaggeranno su un percorso determinato dal software di mappatura del programma ride-share. Ogni Cruise AV della flotta potrà condividere informazioni in tempo reale, che GM chiama “capacità di apprendimento della flotta”. Per esempio, se una Cruise AV incontra una strada chiusa, invierà queste informazioni ad altre Cruise AV, che regoleranno automaticamente i percorsi per evitare quella strada. La Cruise AV calcola il suo percorso 10 volte al secondo e scansiona sempre più percorsi attraverso un’intricata rete di sensori e telecamere.

Articolo molto interessante
10 posti per cercare ricambi auto d'epoca

GM ha annunciato a gennaio di aver presentato una petizione al Dipartimento dei Trasporti per rendere disponibile l’AV Crociera nel 2019. Le norme della National Highway Traffic and Safety Administration dicono che i veicoli devono avere il controllo del conducente, a meno che il produttore non possa dimostrare che il veicolo è sicuro come un normale veicolo. Se la petizione è approvata, il costruttore è limitato a 2.500 veicoli di questo tipo all’anno. Anche dopo l’approvazione federale, GM dovrà fare appello ai singoli Stati. Solo sette Stati hanno approvato le auto senza conducente.

Il futuro delle auto senza conducente negli Stati Uniti

L’Istituto di assicurazione per la sicurezza stradale (IIHS) ha fornito alcune informazioni su ciò che dovrà cambiare prima che le auto senza conducente diventino più comuni. L’IIHS non fornisce indicazioni ai produttori di auto per quanto riguarda i test, ma dice che ci sono ancora molti altri test necessari.

“Purtroppo oggi non esiste un database completo che consenta ai ricercatori di conoscere tutte le caratteristiche di cui è dotato un veicolo”, afferma via e-mail David Kidd, ricercatore senior dell’IIHS. “Avremo bisogno di cambiamenti nella politica del governo che garantiscano la disponibilità di tali dati per la ricerca sulla sicurezza stradale, in modo da poter studiare le tecnologie emergenti e il loro funzionamento su strada”.

Articolo molto interessante
5 Segnali di avvertimento: hai bisogno di nuovi pneumatici

GM può essere il primo in gara, ma non è l’unico giocatore. Ford , Mercedes e Waymo (ex filiale di Google) stanno lavorando su veicoli simili. Tuttavia, ci vorrà ancora un po’ prima che queste auto siano pronte per l’acquisto da parte dei singoli.

“Il 2019 è probabilmente realistico per un veicolo che dovrebbe essere utilizzato per servizi commerciali di ride-sharing in aree urbane molto limitate e mappate dove la velocità è bassa”, dice Kidd. “I veicoli autonomi per l’acquisto generale da parte dei consumatori sono un’altra questione. Non importa quanto velocemente si sviluppi la tecnologia, ci vorranno almeno 25 anni prima che quasi tutti i veicoli sulle strade degli Stati Uniti abbiano la tecnologia più recente. Anche se il governo richiedesse che tutti i nuovi veicoli venduti oggi debbano essere completamente automatizzati, ci vorranno ancora 2042 anni prima che quasi tutti i veicoli sulle strade siano completamente autonomi”.

Ora questo è interessante General Motors, insieme ad altri produttori, crede che la tecnologia dei veicoli elettrici vada di pari passo con le auto senza conducente. La Cruise AV è stata progettata da zero per essere sia completamente elettrica che autonoma, come l’approccio utilizzato da Tesla.

Lascia un commento