L’uomo quadruplo ottiene la prima patente di guida autonoma della nazione

Driver Sam Schmidt, a paralyzed racecar driver pictured here in 2014 in front of his modified Corgette, recently received a first-of-its-kind driver's license. USAF/Al Bright ” ” ” “. Il pilota Sam Schmidt, un pilota di auto da corsa paralizzato, qui raffigurato nel 2014 davanti alla sua Corgette modificata, ha recentemente ricevuto la prima patente di guida di questo tipo. USAF/Al Bright

Pubblicità

Quando Sam Schmidt si mette al volante della sua Corvette, avvia il motore con il suono della sua voce, accelera con un soffio d’aria e inclina la testa per far girare la macchina – un veicolo semi-autonomo chiamato SAM progettato da Arrow Electronics – dietro l’angolo. Schmidt, tetraplegico e tetraplegico, è la prima persona statunitense a ottenere la patente di guida per veicoli autonomi, ed è libero di guidare la sua auto speciale sulle strade pubbliche e di controllarne i movimenti con il respiro e i comandi vocali.

Il tenente governatore del Nevada Mark Hutchinson ha presentato la licenza unica a Schmidt dopo la dimostrazione pubblica della scorsa settimana in cui Schmidt ha guidato la macchina usando solo la testa. Schmidt, residente in Nevada ed ex pilota professionista di auto da corsa, è stato coinvolto in un incidente di corsa nel 2000 che lo ha lasciato paralizzato dal collo in giù.

La patente di guida di Schmidt è un primo passo per rendere più diffusi i veicoli autonomi. “Presentare a Sam Schmidt la prima patente di guida per veicoli autonomi segna un punto di svolta… un catalizzatore per tecnologie ancora più trasformanti”, ha detto Hutchison in una dichiarazione.

La Corvette modificata di Schmidt, è stata equipaggiata dal laboratorio di prestazioni dell’Aeronautica Militare degli Stati Uniti Arrow Electronics . La società con sede in Colorado ha installato una tecnologia che permette a Schmidt di attivare la macchina e cambiare marcia usando solo i suoni della sua voce. L’auto ha un tubo dell’aria sip-and-puff controllato dalla bocca che la fa accelerare o frenare. E Schmidt controlla la direzione dell’auto indossando un auricolare che si sincronizza con le telecamere a infrarossi montate sul cruscotto che rispondono all’inclinazione della sua testa. Per saperne di più su Schmidt e la sua auto in questo video:

Prima di ottenere la licenza, Schmidt ha raggiunto i 152 mph (245 km/h) durante una dimostrazione alla 500 miglia di Indianapolis all’inizio di quest’anno. Ha anche affrontato con successo le brusche inversioni di marcia della Pike’s Peak International Hill Climb , la seconda gara automobilistica più vecchia del Paese.

Anche se la patente di guida di Schmidt è all’avanguardia, è accompagnata da restrizioni. Quando guida l’auto, deve guidare dietro un’auto pilota della Arrow Electronics e avere con sé un pilota autorizzato che possa controllare il veicolo in caso di necessità. Inoltre, Schmidt non è autorizzato a guidare se c’è ghiaccio o neve sulle strade.

“Finora non ho suonato il clacson”, ha detto alla CNN. “Ma potrei doverlo fare presto”.

Ora che è cool Se le aziende di ridesharing hanno la loro strada, un giorno chiamando aride probabilmente significa che una macchina senza conducente arriva per portarvi a destinazione.

Lascia un commento