La 17° edizione dei Goodguys’ Lone Star Nationals

Racin’ And Roddin’ At The Texas Motor Speedway

Vedi tutte le 25 fotoEric GeisertwriterApr 1, 2010

Negli ultimi 17 anni i rodders hanno avuto un posto (l’evento era originariamente presso la sede del Southfork Ranch, ma si è trasferito nella spaziosa Texas Motor Speedway dopo il suo completamento nel 1996) per esporre la loro hot rod, grazie ai Goodguys, che sanno davvero come trattare i loro clienti.

Lungi dall’essere solo un grande spettacolo di parcheggi, gli eventi Goodguys hanno sempre molto più da fare e da vedere rispetto alla media degli hot rod. Inoltre, l’ulteriore vantaggio di vedere auto e camion di quasi tutte le epoche permette alla gente di sperimentare il rodaggio su una scala molto più ampia.

L’incontro di scambio era pieno di offerte (se sapevate dove guardare) e, se i vecchi pezzi arrugginiti non erano il vostro forte, allora un viaggio tra le file di nuovi espositori era probabilmente quello di cui avevate bisogno. Inoltre, dato che l’evento si trovava sul campo di gara di un quad-ovale da 1,5 miglia e mezzo, si aveva la possibilità di guidare una vera e propria auto da allenamento NASCAR (a velocità da corsa) intorno alla pista o nella propria auto (a velocità molto più basse).

Si potrebbe anche guidare la propria auto intorno a un diverso tipo di pista, contrassegnata da coni, nella Street Challenge Autocross. Avere un’auto dall’aspetto fresco è una cosa, ma farla girare dietro l’angolo senza intagliare la strada o le gomme è un’altra cosa. I roditori che hanno attraversato il percorso cronometrato tracciato ad un’estremità del parcheggio sull’asfalto della pista sembravano fare un po’ di entrambe le cose, ma si sono divertiti molto a farlo. Ci chiediamo anche perché non vediamo più club automobilistici di zona sfidare altri club automobilistici per vedere chi ha le canne più maneggevoli (o almeno chi ha i migliori piloti) all’Autocross.

Articolo molto interessante
1957 Chevy Pickup Truck - Incrociatori classici

Il tempo è sempre un fattore importante negli spettacoli automobilistici all’aperto nel Sud, e un temporale è passato per una visita sabato pomeriggio e fino a sera, ma le migliaia di partecipanti che vanno agli spettacoli Goodguys sono per lo più gente del posto (o almeno vivono da qualche parte nell’area di Okla-Tex) e sono abituati a vedere una mucca o una casa volare in un serio temporale in stile texano. Fortunatamente la tempesta non è stata così brutta, e la gente è tornata a fare le corse non appena ha smesso di piovere e ha avuto la possibilità di pulire le proprie auto.

Ma la cosa migliore dei Lone Star Nationals sono sempre state le auto: sono tra le migliori del paese e, il più delle volte, qualcosa che non si vede se si è sequestrate in Oriente o in Occidente. E, con un po’ di fortuna, i Goodguys continueranno a portare il loro marchio di hot roding al Sud per molti anni a venire.

Jeff Rowray

Norman, OK

’51 Studebaker convertibile

Quando Rowray ha partecipato all’evento con la sua Stude nera convertibile che trainava il suo rimorchio Stude personalizzato (che trasportava una Harley-Davidson del ’49), la gente è rimasta senza parole. Oltre all’installazione dell’LT1 e agli interni in pelle personalizzati (con indicatori Dakota Digital e DVD LCD montati dietro i sedili a secchiello), il rimorchio di Rowray era fatto anche di parti della Stude del ’51.

Jim Landsparger

Broomfield, CO

’30 Ford highboy coupé

Le coupé del modello A sono molto popolari al giorno d’oggi e, quando sono così belle, chi può biasimarle? Una Merc Flathead del ’53 alimenta la Ford, ed è sormontata da un collettore Edmunds e da una Strombergs gemella. La carrozzeria è tagliata di due centimetri e mezzo, la stessa quantità per il canale. Un cambio rapido sul retro e un interno arrotolato e pieghettato arrotonda tutto.

Articolo molto interessante
Dodge Neon SRT-4 - Mini Muscle From Ma Mopar

Dusty Cox Jr.

Fort Smith, AR

’60 Chevy Impala

Cox ha trovato questa macchina a basso chilometraggio e l’ha pulita prima di aggiungere i freni a disco da 13 pollici e le ruote di Budnik. Il motore 348 sembra uscito dalla catena di montaggio ieri.

Ed Bice

Magnolia, TX

57 Buick Special

C’è un sacco di paraurti sull’hardtop di Ed! Le hanno fatte grandi e pesanti nel 1957, ma Bice ha aggiornato il suo Special con un motore Cadillac Escalade 6.0L con un motore Cadillac Escalade di 6.0L supportato da un trans 4L60E. Una IFS della Fatman Fabrications, ‘borse della RideTech e ruote da 17 e 18 pollici in billet aiutano la Buick a rotolare lungo la strada con stile.

Mickey Smith

Roland, AR

’40 Ford convertibile

Mickey Smith, specialista degli alberi motore, ci dice che la sua convertibile utilizza lamiere anteriori standard Ford del ’40, cosa che la fabbrica non ha fatto sulle convertibili per quell’anno. Sotto il cofano c’è un 383 V-8, e la corsa rotola sui fili Wheel Smith. Krist Kustoms ha fatto gli interni in pelle.

Meg Cameron

Magnolia, TX

’61 Chevy Bel Air

Larry Buel

Euless, TX

’39 Ford Tudor

Il ’39 di Larry ha ottenuto un restauro completo del corpo prima di essere equipaggiato con un motore 350/350 e una combinazione di trans e un Mustang II IFS. La posizione e le ruote Halibrand fanno capire che è una hot rod dall’esterno, mentre l’interno è sottilmente realizzato in una plissettatura color crema

Articolo molto interessante
Rifacimento della prima generazione di Camaro - Retrogrado

.

Duca Hogan

Richardson, TX

’39 Buick coupé

Duke e Mary Hogan amano la loro Buick, alimentata da una LS1 e dotata di una Corvette C4 a sospensione. L’esclusivo colore beige Jarama (della linea di colori Porsche) brilla al sole e conferisce alla coupé un aspetto elegante.

Jason Smith

China Spring, TX

’32 Ford coupé canalizzata

Se si tirasse fuori tutto da una lista che si vorrebbe mai avere su una finestra a tre del ’32, probabilmente verrebbe fuori l’incredibile coupé di Jason Smith. Equipaggiata con una Flathead a iniezione, Ardun-topped, sostenuta da un trans a cinque velocità, il coupé in rame vanta anche un cambio rapido Winters, una sezione superiore a cupola Ford del ’34 e un taglio inclinato da 3 a 2 pollici.

Sheri Murray

Venere, TX

’37 Ford coupé

Il pluripremiato Roger Burman, di Lakeside Rods and Customs, ha costruito per Sheri Murray questa coupé del ’37 super-slick. Molti massaggi alla carrozzeria (tipici delle auto di Lakeside) sono andati in questa corsa a bassa pendenza (guardate i fari della Mini Cooper) che ha anche un motore LS1, ruote Budnik da 18 e 20 pollici, e una sottile verniciatura bicolore.

Vedi tutte le 25 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201041004sr-01-o-goodguys-17th-lone-star-nationals-racing.jpg

Lascia un commento