La Cavalletta: Profilo di un’auto personalizzata

The Grasshopper, which the Alexander Brothers built on a 1931 Model A pickup, features 1942 Dodge truck headlights. See more custom car pictures. Il Grasshopper, che i fratelli Alexander costruirono su un pickup Modello A del 1931, è dotato di 1942 di fari per autocarri Dodge. Vedi altre immagini di auto personalizzate.

Il Grasshopper è stato creato in uno dei più influenti negozi personalizzati degli anni ’60, Alexander Brothers Custom Autos, che si trovava a Detroit ed era gestito da due fratelli di talento, Mike e Larry Alexander.

Mike e Larry costruirono originariamente il pickup The Grasshopper 1931 Model A alla fine del 1958 come loro camioncino da officina, ma negli anni successivi divenne troppo bello per inseguire i pezzi. Infatti, ha vinto premi in molte mostre personalizzate ed è servito come biglietto da visita per la loro attività per tutti gli anni ’60.

Il lavoro su misura su The Grasshopper è stato relativamente sottile per gli standard dei fratelli Alexander, ma ancora piuttosto coinvolto. Hanno tagliato la parte superiore di 2-1/2 pollici, scambiato i parafanghi del 1931 con quelli del 1929, installato un più grande pickup Ford del 1932 e sostituito il guscio della griglia modello A con un’unità Ford del ’32 rielaborata.

I “Fratelli A” avevano la capacità di adattare parti disparate in un design coeso. Su The Grasshopper hanno incorporato un set di fari per camion Dodge del 1942, fanali posteriori realizzati con le luci interne Kaiser del 1947 e rivestimenti laterali Chevy del 1954 per le bordature delle pedane.

Articolo molto interessante
1999 Corvette

Hanno anche equipaggiato il cruscotto fatto a mano con calibri Chrysler inseriti all’interno di un contorno realizzato saldando insieme due grossi bulloni a U.

Note The Grasshopper's handmade dash and upholstery stitched by Little John of Metalcrafters, Inc.” ” Nota Il cruscotto fatto a mano di The Grasshopper e la tappezzeria cucita da Little John di Metalcrafters, Inc. Publications International, Ltd.

Riflettendo sul camion, un modesto Mike ha detto: “Non so perché tutto questo trambusto. Era solo un pickup A-V8 di serie che usavamo ogni giorno. Aveva solo qualche piccola modifica”.

I Fratelli Alexander chiusero il loro negozio nel 1969 e si dedicarono a carriere separate. Nel corso degli anni, hanno perso le tracce di The Grasshopper, che alla fine è finito nelle mani del gessato Don “l’egiziano” Boeke. Don ha rivenduto il pickup a Mike per poterlo restaurare.

Mike ha rivisto il camion personalizzato con molti moderni aggiornamenti meccanici, ma ha mantenuto il suo fascino vintage. Sostituì il telaio con un’unità di riproduzione Modello A, e inviò la Ford flathead originale del 1951 a Motor City Flatheads.

When The Grasshopper was restored, Motor City Flatheads shined up the old engine and replaced the transmission.Quando The Grasshopper è stato restaurato, Motor City Flatheads ha fatto brillare il vecchio motore e ha sostituito la trasmissione.

Motor City ha aggiunto l’accensione elettronica e ha dato alle teste Offenhauser, al doppio Stromberg 97 carbs, e al collettore Edmunds una lucentezza migliore del nuovo. Una Ford C4 automatica ha sostituito la trasmissione Ford del 1939, ma all’interno Mike ha mantenuto l’aspetto dell’originale installando un gennie floorhifter.

Articolo molto interessante
Salone dell'auto di New York 2007

Mike è pronto a dare credito ai molti artisti di talento che ha arruolato per ricostruire il camion. La famiglia Gaffoglio, Bob Hedrick, e Kenny Pfitzer di Metalcrafters, Inc. a Fountain Valley, California, hanno contribuito alla ricostruzione.

Paul Hatton was responsible for the "Alexander Brothers Custom Autos" lettering on The Grasshopper's tailgate.Paul Hatton era responsabile della scritta “Alexander Brothers Custom Autos” sul portellone posteriore di The Grasshopper. Publications International, Ltd.

Il piccolo John, anch’egli di Fountain Valley, ha cucito la tappezzeria, e Paul Hatton, che ha fatto il lettering originale del portellone posteriore e la gessatura, ha ripreso il suo lavoro. I dettagli finali sono stati trattati presso la Special Projects di Plymouth, Michigan, con l’aiuto di Ken Yanez.

Fin dall’inizio del restauro, Mike ha voluto terminare in tempo per il 50° Autorama di Detroit nel febbraio 2002. Raggiunse il suo obiettivo, e The Grasshopper apparve con molti dei suoi ex compagni di bottega in un omaggio speciale ai Fratelli Alexander.

Per saperne di più sulle auto personalizzate e le hot rod, vedi:

  • Storia delle Hot Rods
  • Profili auto personalizzati
  • Profili ad asta calda

Lascia un commento