La Chevrolet Bel Air di John Kaiser del 1957

È stato costruito per essere usato…ed è

Vedi tutte le 15 fotoRick AmadowriterNov 1, 2001

Come un altoforno, il calore del deserto succhia l’umidità dalla pelle più velocemente di quanto un gruppo di ragazzi della confraternita possa svuotare un barile. Quando si passa davanti alla prossima mandria di minivan, un lampo all’orizzonte nello specchio tradisce una presenza che si fa sempre più forte. Rastrellando le specifiche dei raggi X del vostro viso, guardate nello specchio cercando di distinguere tra metallo e miraggio. E prima che tu possa dirlo, adoro il nastro adesivo, il suo intorno a te in una sfocatura di rosso e cromo e sparito.

John Kaiser ama sfrecciare nel deserto con il suo 57 Bel Air. Ecco per cosa è stata costruita e per cosa la usa per guidare. John aveva un 57 al liceo che ha corso nel sud della California. L’auto è arrivata seconda ai Winternationals nei primi anni ’60 con una velocità massima di 108 miglia orarie e una velocità massima di 12,60. La vita era bella, ma alla fine si è messa in mezzo e John ha mandato la sua 57 a casa con un nuovo proprietario. Anni dopo, motivato dai ricordi della sua corsa del liceo, John trovò un hardtop 57 completamente restaurato e cominciò a costruire un’interpretazione moderna della sua corsa precedente. I requisiti? Andare veloce, fermarsi velocemente e fare curve come quelle su rotaie. Con questo obiettivo in mente, si è tuffato.

Articolo molto interessante
1974 Pontiac Trans Am - Il No Snoozer di questo incrociatore

Quando l’auto si è lanciata per la prima volta nel sole dell’Arizona, John si è trovato al volante di un razzo da strada in stile Pro Touring di prim’ordine, in grado di affrontare un viaggio di oltre 2.000 miglia di strada in un batter d’occhio, senza batter ciglio. E lo ha dimostrato raggiungendoci su Americruise, dove l’ha guidato in un viaggio di andata e ritorno a singhiozzo.

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento