La storia di Tim Timmerman

Vedi tutte le 16 fotoDick MartinwriterSteve ShawphotographerJul 1, 2011

Tim Timmerman è stato uno dei primi dipendenti a lavorare al Blair’s Speed Shop di Pasadena presso la sede di Don sulla Arroyo Parkway prima che Blair si trasferisse a Foothill Boulevard e Daisy. In seguito Tim è diventato uno dei principali costruttori di motori da corsa della California meridionale per oltre 60 anni. Tim ha corso il suo hot rod ruota a ruota con alcuni dei più grandi nomi delle corse automobilistiche degli anni ’40.

Mio padre non ha mai posseduto o addirittura guidato un’auto, inizia Darrell Tim Timmerman di Santa Ana, California. Era un macellaio di mestiere e non era interessato alle auto; portava il carrello al lavoro. Mio padre aveva cinquant’anni quando sono nato nel 1921. Ero l’ultimo di nove figli, cresciuto a Canton, Oregon, vicino a Portland.

Anche se il signor Timmerman aveva un interesse per un’automobile, con il salario medio di 22 centesimi all’ora negli Stati Uniti, il prezzo di una nuova Ford nel primo anno completo di produzione nel 1909 era fuori dalla sua portata a 825 dollari. Ci sarebbe voluto un po’ di tempo prima che ci fosse un pollo in ogni pentola e un’auto in ogni garage.

Tim ha acquistato la sua prima auto, una Model T, durante la depressione. Era una roadster da corsa che aveva comprato per 7,50 dollari. Era troppo giovane per avere la patente: l’ho portata a casa e uno dei miei amici voleva guidarla. Gliel’ho lasciata prendere e lui è tornato a piedi. Avevano tre pedali; ha premuto il pedale centrale, che è in retromarcia, andando veloce e ha fatto un casino con la trans. E non sapendo nulla di macchine, alla fine l’ho portata da un fabbro a un isolato di distanza dalla casa dei miei. Abbiamo tolto il motore e gliel’ho venduto per 50 centesimi.

Anche Travers aveva un quattro-banger, ma è stato riscaldato con una testa e una camma Winfield. Il mio era un pezzo d’osso. Continuava a ripetere quanto fosse eccitante il fatto di essere arrivato da Los Angeles con il suo quattro cilindri. Gli ho chiesto quando è tornato a Los Angeles, se gli avessi mandato dei soldi mi avrebbe preso un cam e una testa per il mio motore modello A? Mi disse: “Non farlo, i ragazzi laggiù stanno iniziando a mettere i Ford V-8 nel modello A”. Questa è la strada da percorrere”. Mi ha convinto.

Sono andato a prendere un V-8 in un deposito di rottami. Ho trovato una Ford Flathead del ’35 e l’ho messa nella mia roadster. Si è imbullonata alla trans. Ero giovane e non sapevo bene cosa stavo facendo. Non c’erano negozi di velocità in Oregon prima della guerra, ma l’ho fatto. Credo davvero e sinceramente di essere stato il primo in Oregon a mettere un V-8 in una Model A.

All’epoca andavo al liceo e facevo la falegnameria. Ho chiesto all’istruttore di aiutare me e il mio amico a fare uno stampo per un collettore di aspirazione per il V-8. Disse che l’avrebbe fatto perché gli piaceva l’idea che stessimo provando qualcosa di così impegnativo. Lo prendemmo e lo facemmo lanciare. Aveva due carburatori e ha funzionato, Tim ride.

Articolo molto interessante
KICKER Stop of HOT ROD Magazine Power Tour Trasferirsi all'Oklahoma State University.

Dopo che Tim ha costruito il suo A-V8, anche uno dei suoi amici ne ha costruito uno. Hanno sentito alla radio che Pearl Harbor è stata attaccata. Tim continua, ha detto di andare a fare volontariato. Nessuno di noi voleva entrare nell’esercito; andremo in Marina. Lunedì siamo andati a fare volontariato. Hanno preso quei due ragazzi ma quando hanno scoperto che avevo l’asma non mi hanno voluto prendere.

Vedi tutte le 16 foto

Il tizio dell’Esercito, proprio accanto al tizio della Marina, ha detto: “L’Esercito ti prenderà”. Il tipo dell’Esercito mi ha guardato male, ha timbrato un foglio di carta e mi ha detto di portarlo di sotto. Lo portai di sotto e gli chiesi: “E adesso cosa faccio? Vai a casa, sei 4-F (non adatto all’esercito)”. Sono andato da un medico e mi ha detto che non c’era una cura per l’asma, così mi ha detto che dovevo trasferirmi in un posto dove non mi desse fastidio.

Tim è sfuggito al clima umido di Portland, Oregon (piogge medie di 42,3 pollici all’anno), in direzione sud: Ho sempre voluto venire in California e appena sono arrivato qui nel 1944, l’asma è sparita. Mi trasferii a Highland Park e più tardi a Pasadena.

Il primo lavoro di Tim, quando è arrivato in California, è stato quello di lavorare in uno stabilimento aeronautico di Burbank nel negozio di modifiche. Ma volevo avviare un’attività in proprio lungo la strada, così ho iniziato a pianificarla. Un mio amico mi ha scambiato il suo motore di serie con il mio motore Flathead V-8 da corsa e 200 dollari. Sono sceso e l’ho messo su un Kwik Way Boring Bar. A quel tempo stavo annoiando i motori di notte e nei weekend per vari negozi ed effettuavo i pagamenti sulla macchina.

Testa calda

Ho incontrato Don Blair per la prima volta ai laghi secchi. Lavorava a Los Angeles, all’epoca, per un’officina meccanica che si occupava di motori e vendeva pezzi di ricambio. Blair lavorava al bancone e mi disse: “Vieni giù e vedi se ti assumono”. L’hanno fatto.

Blair ed io andavamo in macchina per lavorare insieme. Aveva l’autoradio più rumorosa che abbia mai sentito. Gli ho chiesto, dove hai preso quella cosa? Blair ha detto: “Che differenza fa? Ho fatto un buon affare! (Blair era/è parsimoniosa.)

Ho scoperto di essere solo un tirapiedi che abbatteva motori, teste e blocchi a caldo; mi sono reso conto che lì non succedeva niente. Ho detto al proprietario che sarei venuto nei fine settimana e avrei lavorato per niente se mi avesse insegnato a far funzionare la manovella. Lui non era ricettivo, così mi sono scaldato e ho detto a Blair che avrei cercato un altro lavoro. Blair ha detto che conosceva qualcuno che potrebbe assumermi.

Jack McGrath

E’ stato Jack McGrath. Ha chiamato la sua officina Quality Motor Rebuilders. Jack costruì la metà dei motori usati dai Gophers, dai Sidewinders e dagli Outriders. Mi ha davvero insegnato come far funzionare l’attrezzatura, le manovelle, la lavorazione del blocco cilindri e l’assemblaggio dei motori.

Articolo molto interessante
Gli Earles di Martinsville

Quando lavoravo per McGrath, ho costruito il mio ’32 da zero. Ho preso un telaio, un frontend, e ho trovato il corpo di una roadster dritta in diversi cantieri di demolizione. Quando l’ho fatta funzionare con un motore annoiato e accarezzato, non credo di averci messo più di 500 dollari.

Io e Jack andiamo molto d’accordo. Mi ha insegnato a fare il lavoro a macchina. Dopo aver costruito la mia Ford roadster del ’32, uscivamo a correre su strada verso le 10 quando la maggior parte della gente era a casa dal lavoro e fuori dalla strada. Andavamo sempre in un posto dove non c’erano incroci. Non si poteva fare quella roba oggi, c’era troppo traffico. Naturalmente andavamo insieme anche a El Mirage e correvamo.

Oggi la gente non se ne rende conto, ma McGrath e la maggior parte dei ragazzi hanno iniziato a correre con le roadster regolari e molto è stato totalizzato. McGrath ha corso la sua roadster del ’32 e io ho corso la mia, ma dopo tre gare a Carrell Speedway ho capito che non potevo correre e lavorare allo stesso tempo. Se mi fossi schiantato con la roadster non avrei avuto modo di andare al lavoro. Quando la gara si è irrigidita, McGrath e tutti gli altri sono passati alle roadster T più leggere. McGrath correva alla Gilmore e alla Carrell Speedway, ma c’erano piste dappertutto. Fu allora che chiuse il suo negozio.

Di Blair

Sono andato da Blair e gli ho chiesto se aveva bisogno di qualcuno. Mi ha detto: “Tu! Sono andata a lavorare per Blair sulla Arroyo Parkway. Ho fatto tutti i suoi motori. C’era solo un altro ragazzo che lavorava lì; si faceva chiamare Remarkable Art Herd. Lavorava al telaio e alla macchina da corsa di Blair.

Vedi tutte le 16 foto

Come fa una vescica calda che si è goduta la vita per nove decadi a rimanere così giovane? Tim era un ciclista e monociclista piuttosto avido e ha fatto così bene fino ai suoi ottant’anni.

Blair si metteva dietro il bancone a vendere a ore attrezzature nuove e usate per la velocità. Da Blair c’era sempre un sacco di attività. I ragazzi andavano da lui con pezzi di ricambio usati perché sapevano che li avrebbe comprati. Se gli chiedevo dov’era un particolare pezzo, lui mi rispondeva: “È di sopra, sul secondo scaffale a destra”. Don sapeva esattamente dove si trovava tutto.

Il defunto Robert Petersen veniva sempre a parlare con i ragazzi di cosa c’era di nuovo nel modo di fare hot roding. Cercava di capire cosa mettere nella rivista Hot Rod. Finiva per vendere alcune delle sue riviste ai ragazzi del negozio. Ho lavorato per Blair per cinque anni.

Piastra magnetica

Ho deciso di prendermi una vacanza e di tornare a casa a trovare i miei. Ho guidato il mio Deuce fino a Canton. Un gruppo di ragazzi volevano farmi una corsa su strada quando hanno visto la targa della California. Poi mi hanno raccontato di una corsa su una pista di cavalli a Yakima.

Articolo molto interessante
Notizie da Americruise - Rod & Custom

Era quasi come un’equazione matematica: Targa della California + hot rod = pilota. Quella combinazione era una calamita per le hot rod dell’Oregon affamate di informazioni. Tim ha rintracciato Travers per via della targa della California sulla sua roadster del ’29 quando si è presentato a Canton. Ora, Tim era l’hot dog del paese degli hot rod e tutti erano tutto orecchi sulle ultime novità. Una cosa era leggere dei laghi e delle rombanti roadster, ma un’altra era vedere un ’32 nella lattina con un accenno di argilla Carrell Speedway e polvere El Mirage ancora aggrappata. Naturalmente Tim e la sua roadster Deuce erano molto popolari.

Ho continuato a fare i pagamenti in quel noioso bar per tutto il tempo in cui lavoravo per McGrath e fino a quando non ho smesso di lavorare da Blair’s. Poi ho aperto il mio negozio a Pasadena.

In seguito Tim è diventato un innovatore quando si è trattato di progettare motori nel suo nuovo business: Sono andato a Foothill quando Don si è trasferito lì, ma non ci sono rimasto a lungo. Don era molto bravo a lavorare per lui, ma ho deciso di aprire il mio negozio intorno al 1953 e l’ho chiamato Tim’s Precision Engines, sulla Hudson Avenue a Pasadena.

Motori e silenziatori

Le parti che Don non ha lavorato o non ha fatto mi manderebbe. Mi sono trasferita solo a mezzo miglio da casa di Blair. Don mi mandava a lavorare perché all’epoca avevo un equilibratore; la stampa blu di un motore era nuova di zecca quando ho iniziato.

Livingstone ha acquistato un motore Chevy in garanzia per 25 dollari che è stato reso inutile dal concessionario a manovella, rompendo i pistoni, rompendo ciascuna delle gonne, martellando la parte anteriore della manovella e praticando un foro nel lato del blocco.

Dopo che Duffy ha fatto breccia attraverso quelle irritanti, Tim ha bilanciato e annoiato il motore da 265 a 283 ci, ha messo valvole più grandi in alcune teste di camion che Duffy ha scroccato, e ha prodotto una Ferrari killer sui circuiti di gara su strada della California del Sud nella roadster della ’24 T di Livingstone.

L’attività di Tim era ben nota nella San Gabriel Valley e oltre per la costruzione di motori di qualità per tutti i tipi di sport motoristici e naturalmente per la strada. Tim gravitava verso i motori Chevy Corvette, che conosceva bene dal punto di vista pratico. Alla fine Tim trasferì il suo negozio a Santa Ana e si ritirò all’età di 81 anni dopo oltre 60 anni di attività sul campo.

Tim, come tutti gli hot roders che sono cresciuti in tempi difficili, non ha mai avuto la mano fuori se non per stringere la tua. Tim lavorava di notte, nei fine settimana e durante il giorno per raggiungere i suoi obiettivi.

Vedi tutte le 16 foto

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP

Lascia un commento