Larry Shinoda: Creatore della Ford Mustang Boss 302

Larry Shinoda ha portato alla Ford il vero senso dell’automobilismo, un occhio per il design pulito, e una personalità schietta. Vedi altre immagini della Ford Mustang Bos s .

Larry Shinoda ha portato alla Ford un senso di auto-guy cool no-nonsense. Il suo lavoro sulla Ford Mustang Boss 302 del 1969 e 1970 è tutta la prova che la dichiarazione richiede.

Il Vice Presidente del Design Ford Eugene Bordinat ha dato al sempre schietto Shinoda il suo primo lavoro di design automobilistico, nel 1954, solo per vedere il neolaureato dell’Art Center School di Los Angeles lasciare Dearborn entro un anno. Dopo un breve periodo di tempo nella vacillante Packard, Shinoda fu assunta dal capo del design della General Motors Harley Earl e presto lavorò con Bill Mitchell, che presto subentrò a Earl, su concept design futuristici – e future Corvette.

Shinoda seguì il presidente della GM e amico di lunga data Semon E. “Bunkie” Knudsen nel salto alla Ford, nel 1968, ma entrambi furono licenziati dopo meno di due anni in una scossa ampiamente pubblicizzata. Ciononostante, entrambi hanno lasciato il segno sulla Mustang, il designer più famoso con i modelli Boss veloci e maneggevoli del 1969-71. Shinoda e Knudsen hanno poi formato la RV maker Rectrans, poi si sono separati a metà del 1975, quando Shinoda ha aperto la sua attività di design. Shinoda morì alla fine del 1997 all’età di 67 anni. Qui, nelle parole di Shinoda, c’è la storia del suo lavoro sul Boss 302:

Una delle prime cose che ho fatto venendo alla Ford è stato raddrizzare il Boss 302. L’avrebbero chiamata SR2. Avevano tutta questa cromatura. Avevano intenzione di appendere un grande rivestimento sul lato, grandi modanature rocker. Sarebbe stato più sgargiante della Mach 1. Avevano una grande griglia sul retro e una grande calandra sul retro, un grande tappo del gas e finte prese di scarico fuse e grandi perni del cofano e una paletta laterale davvero grande. Ho tolto tutto questo, sono andato alla decalcomania a C-stripe e ho verniciato il cofano, ho fatto lo spoiler posteriore e le tendine dei finestrini e l’airdam anteriore. Quel veicolo ha finito per essere un programma di miglioramento dei profitti. Ne hanno costruito solo pochi, ma hanno fatto soldi con ognuno di essi.

Articolo molto interessante
1940-1941 Packard Super Otto Uno Sessanta convertibili

” ” Shinoda ha contribuito a semplificare la progettazione del Boss 302 del 1969.

Bunkie Knudsen ed io sapevamo che per catturare un po’ di mercato giovanile bisognava avere macchine da strada che funzionassero come le macchine da corsa. Ford non l’aveva mai fatto prima e ovviamente Knudsen voleva battere le Chevrolet Z-28 al loro stesso gioco. Quindi quello è stato il mio primo compito, entrare lì dentro, fare show car e far partire il Boss. Sapevo che tipo di cavalli aveva la Z-28, dove erano i suoi punti di forza e i suoi punti deboli. Quindi dovevo scoprire rapidamente di cosa si trattava la Mustang e quali erano i nuovi sviluppi.

E quello su cui stavano lavorando era praticamente sbagliato. Avevano un motore ad alta potenza ma con porte enormi, quindi la potenza era molto, molto elevata. Avevano bisogno di qualcosa con una curva di coppia molto più piatta. E avevano bisogno di una migliore dinamica del veicolo. Dicevano: “Tutto quello che deve fare è andare veloce”. Io dissi: “Non è proprio così. La Z-28 riesce ad attraversare bene le curve perché gestisce bene. E accelera bene in uscita di curva perché è arrivata più veloce in curva, quindi si pensa che abbia più cavalli di quanto ne abbia. Un’altra ragione per cui passa più velocemente in curva è l’aerodinamica. Ha abbastanza deportanza davanti, bilanciata con la deportanza dietro. La vostra auto ha un po’ di deportanza nella parte posteriore con un piccolo spoiler incorporato, ma non nella parte anteriore. E le sospensioni non sono del tutto corrette”.

Articolo molto interessante
Come funzionano le auto Avanti

Hanno detto: “Cosa ne sapete voi? Sei un designer”. Io ho detto: “Sono un designer, ma ho anche un po’ di buon senso, e conosco un po’ le dinamiche dei veicoli”. Ford a quel punto non aveva mai usato il loro skidpad per controllare le dinamiche. Il loro skidpad alla pista di prova di Dearborn era tutto strappato in quel momento. Ho ottenuto uno stanziamento per ripararlo.

Il Boss 302 è stato l’unico Mustang del 1970 a registrare una produzione superiore all’anno di modello . Purtroppo il Boss 302 non sarebbe tornato per una terza stagione di gare.

Ho portato alcune persone su un aereo aziendale e le ho fatte volare sopra il terreno di prova della GM. Ho detto: “Lo vedete? E’ Black Lake”. “A cosa serve?” Dissi: “Vedrai”. Certo, ecco la Camaro Trans-Am di Roger Penske, la Sunoco Camaro, che corre su uno skidpad. Dissi: “Ecco cosa ti serve”. Si gioca con l’aerodinamica, le sospensioni, la rigidità del rollio e le gomme, e si scopre cosa ci si muove più velocemente. Naturalmente, dovrai fare qualche aggiustamento in pista”. A quei tempi, la maggior parte delle persone del reparto prestazioni della Ford non capiva la dinamica del veicolo, il che era un po’ triste. Le persone alla Chevrolet e, fondamentalmente, Frank Winchell, hanno scritto il libro su questo.

Articolo molto interessante
Qual è stato il primo veicolo crossover?

E come ho detto, ho rimosso tutte le cose inappropriate che avrebbero messo sul Boss, compreso l’interno. Credo che abbia risparmiato un bel po’ di dollari quando li abbiamo contati tutti. Don Petersen, che all’epoca si occupava di progettazione dei prodotti, si è divertito molto. Disse: “Stai cercando di fare il nostro lavoro per noi? Io dissi: “No, sto solo cercando di fare il lavoro, punto.”

Ma non c’era molto che potesse sostenere. Purtroppo, ho fatto affermazioni audaci. Quando qualcuno mi ha chiesto: “Quali sono le tue ambizioni?”, ho detto di essere il primo vicepresidente nippo-americano della Ford Motor Company. Non credo che a Gene Bordinat sia piaciuto.

Vuoi saperne di più su Mustang legacy? Segui questi link per saperne di più sull’auto pony originale:

  • In sella per la storia completa dell’auto sportiva più amata d’America. Come la Ford Mustang Works racconta la leggenda dalla sua nascita nei primi anni Sessanta fino alla nuovissima Mustang di oggi.
  • Le vendite erano in ritardo, ma le prestazioni e lo stile si sono accumulati. Scoprite come i tempi duri della Ford Mustang del 1969-1970 abbiano dato vita a due delle più grandi auto della storia delle prestazioni.
  • La Ford Mustang Boss 302 del 1970 era una Chevrolet Camaro Z28 da combattimento. Scopri questa muscle car unica, e guarda le foto e le specifiche esclusive.

Lascia un commento