Le squadre di soccorso stradale “Rogue” stanno riparando le buche non riempite

potholes” “Le frustrazioni a New York City sono elevate per quanto riguarda le buche non riparate. Qualcuno ha riempito questa di fronte al Radio City Music Hall di Midtown Manhattan con una pianta in vaso nel gennaio 2018. Andrew Lichtenstein/ Corbis tramite Getty Images

Pubblicità

Chi non ha guidato per strada e – boom! – la tua macchina inchioda una buca. Le buche possono non sembrare un gran problema, ma queste ventose possono fare seri danni alle gomme – e alla vostra auto. E può sembrare peggio per le persone che vivono in zone colpite da neve e ghiaccio, come l’Alto Midwest, che spesso soffre di strade fatiscenti dopo che la neve e il ghiaccio si sono sciolti, anche se le città della cintura di neve non sono certamente le uniche ad essere colpite.

Non importa dove vivi, i danni alle buche sono costosi da riparare. Infatti, un’indagine AAA ha stimato che nel 2016 la spesa media per la riparazione dei danni alle auto variava tra i 250 e i 1.000 dollari, e le buche sono costate agli automobilisti negli Stati Uniti più di 15 miliardi di dollari negli ultimi cinque anni.

Ma non è solo il prezzo in dollari che gli automobilisti pagano. Anche le buche possono essere molto pericolose. I conducenti spesso sterzano per evitarli o possono finire per perdere il controllo dell’auto una volta colpiti. Un ventiduenne di Detroit è morto nel febbraio 2018 dopo che l’auto su cui viaggiava ha urtato una buca e si è schiantato contro un palo.

I conducenti che hanno danni da buche spesso hanno poco ricorso. Nel marzo 2018, l’Indianapolis Star ha riferito che delle 283 richieste di risarcimento per danni da buca che erano state presentate in città fino ad oggi, solo una era stata approvata per il rimborso totale; le altre sono ancora in sospeso. Il basso tasso di rimborso della città è dovuto al fatto che presentare una richiesta di risarcimento equivale ad “accusare la città di negligenza”, il che è difficile da provare. In altre parole, una tale richiesta deve dimostrare che la città sapeva della buca e non è riuscita a risolverla in un lasso di tempo ragionevole. La situazione è simile nel Michigan.

Articolo molto interessante
Come funzionano le zone di sgualcitura

Allora, che ne dite di riparare le buche reali? Beh, anche questo è il peggio del peggio. Nell’aprile del 2018, USA Today ha riferito che il Dipartimento dei Lavori Pubblici di Indianapolis ha stabilito che sarebbe costato 732 milioni di dollari per migliorare le strade della città da povere a giuste condizioni. Ma due residenti di Indianapolis la vedevano in un altro modo. Mike Warren, 28 anni, e Chris Lang, 22 anni, hanno deciso di occuparsi del problema delle buche e hanno creato Open Source Roads, un’organizzazione di base per riparare le strade dell’Indiana piene di buche.

Hanno creato una campagna GoFundMe nel marzo del 2017, e usano il denaro per acquistare materiali per riempire le buche. Finora, hanno raccolto circa 1.500 dollari e riempito più di 100 buche intorno a Indianapolis.

“Vorrei che la gente sapesse che non siamo qui per riparare le strade. Siamo due ragazzi che lavorano nel settore tecnico e che vogliono trasferirsi fuori da questo stato”, dice Chris Lang via e-mail. “Questi lavori di riparazione a basso costo stanno fallendo sempre peggio ogni anno, e l’unica cosa che abbiamo fatto è resistere a un sistema di manutenzione e cura che non funziona”.

Lang e Warren dicono di aver imparato a riparare le buche facendo ricerche online e di avere un gruppo di amici che li aiutano regolarmente. La coppia indossa giubbotti di sicurezza arancioni, posiziona dei coni intorno alle aree di lavoro e ha qualcuno che dirige il traffico. Cercano di coordinare le riparazioni nei periodi in cui il traffico è leggero.

Articolo molto interessante
Le nuove tecnologie hanno reso le auto meno sicure?

Un altro gruppo, Portland Anarchist Road Care in Oregon, ha anche fatto notizia per le riparazioni delle buche, anche se sembrano essere un po’ meno collaborativi di Open Source Roads.

“Li ho contattati per ringraziarli dell’ispirazione e per chiedergli se vorranno mai ampliare il progetto”, dice Lang. “Non mi hanno mai ripreso. Questo è giusto, però. Stanno cercando di nascondere un po’ di più la loro vera identità”.

Lang e Warren si sono descritti come aventi opinioni politiche in linea con il famoso personaggio libertario Ron Swanson della serie televisiva “Parks and Recreation”, che si svolge in Indiana.

Il gruppo Portland, tuttavia, opera in forma anonima. Un membro indossa persino una maschera per proteggere la propria identità. Oltre a occuparsi delle strade, nel marzo del 2017 hanno detto all’Oregonese di sperare di cambiare la percezione della parola “anarchia”.

Mentre Open Source Roads e Portland Anarchist Road Care possono andare avanti in modo leggermente diverso, il loro obiettivo è lo stesso: riparare le buche. E non sono soli. Diverse persone in tutti gli Stati Uniti si sono fatte avanti per fare lo stesso nelle loro città. Un autista di limousine a Long Island ha riempito le buche per anni, e i vicini di New Orleans hanno deciso di riempire le buche lungo la loro strada dopo che hanno detto che la città le ha ignorate. Un padre di tre figli a Swindon, in Inghilterra, ha persino saltato sul carro, in un modo a dir poco interessante.

Articolo molto interessante
Un'auto può davvero essere a prova di morte?

I funzionari della città, tuttavia, non sembrano così contenti di queste pattuglie canaglia. Betsy Whitmore, una rappresentante del Dipartimento dei Lavori Pubblici di Indianapolis, ha detto a un’affiliata locale di Fox News che la principale obiezione della città agli equipaggi stradali non autorizzati è una questione di sicurezza e responsabilità. Un portavoce della città di Portland ha detto all’Oregonian che se una cattiva riparazione fatta in modo non ufficiale causa ulteriori danni, la persona che effettua la riparazione potrebbe essere ritenuta responsabile. New Orleans e Long Island hanno chiesto ai loro residenti di fermare le riparazioni stradali.

Ma Lang e Warren restano imperterriti. Il loro prossimo obiettivo è quello di rintracciare le buche che hanno riempito, permettere ai loro vicini di richiamare l’attenzione su nuovi buchi e stimare la quantità di patch necessaria per riempire nuovi buchi – il tutto in modo digitale.

“Abbiamo in programma di fare quello che facciamo fino a quando non ci riusciremo, o fino a quando la città non inizierà a fare differenze vocali e visive su quanto effettivamente si preoccupano dei nostri cittadini e della città in cui viviamo, strade e altro”, dice Lang.

Ora questo è interessanteUn gruppo del Michigan ha iniziato una campagna di geotag Tweets con l’ubicazione delle buche. I dati sono stati utilizzati per creare una mappa che i pendolari possono controllare per essere consapevoli del paesaggio in continua evoluzione delle buche.

Lascia un commento