Maggio 2012 Aste dei lettori

Vedi tutte e 3 le fotoKevin ElliottwriterMaggio 1, 2012

Jim Stockinger

West Bend, Wisconsin

1960 Pontiac

Dick Kenny

I villaggi, Florida

1952 Chevy

Usanze leggere come questa Chevy del ’52 sono relativamente facili da mettere insieme, a patto che si possa trovare un veicolo base in forma decente al giorno d’oggi! Dick è rimasto con il sei cilindri 235ci di serie, anche se è stato ricostruito con una camma da 3/4 di corsa e sollevatori solidi, doppi carboidrati Stromberg, e un collettore di scarico che alimenta un doppio sistema a doppio sistema con zaini di vetro. La sospensione anteriore antiquata è stata scambiata con una Fatman Fabrications IFS, e il rearend abbassato su Posies balestre a balestra.

Dopo aver sfondato i fari, aver rasato il cofano, il baule e le maniglie delle portiere e averli convertiti al funzionamento elettrico, con l’aggiunta dei fanali posteriori Chrysler del ’51 e l’installazione di un parabrezza Oldsmobile, la berlina è stata verniciata con una Chevrolet del ’56 di colore giallo verdastro, con gessature bianche e dorate. Le strisce riprendono i nuovi colori degli interni, anch’essi dorati e bianchi in rotoli e pieghe. Denti della griglia extra, coprimozzi Caddy del ’57 e nuove cromature completano la trasformazione. La Chevy ora rotola su larghi radiali a pareti bianche.

Craig Paulsen

Reno, Nevada

1930 Ford modello A coupé

Dopo aver localizzato una stock ’30 A coupe’ su eBay, facendo ricerche sulle aste tradizionali e parlando con i roditori di un tempo, Craig Paulsen si è messo in moto per una costruzione di quattro anni, completando tutto il lavoro in prima persona, tranne il telaio e il taglio del tetto. Kiwi Konnection ha fornito il telaio pizzicato Deuce, a cui Craig ha aggiunto un assale da 3-1/2 pollici e mezzo di altezza per il modello A su ossa spaccate del ’36 e la molla di scorta con occhi rovesciati. Un altro osso a forcella del ’36 localizza l’Halibrand rearend del ’41 dotato di cambio rapido, con un braccio di torsione Hot Rod Works e, ancora una volta, la molla di serie con gli occhi invertiti, questa volta con due foglie rimosse. Le Ford steelies da 16 pollici con pneumatici Firestone Deluxe Champion completano il telaio a rulli.

La testa piatta Mercury 276ci del ’50 è stata costruita in casa utilizzando una camma Schneider, sollevatori regolabili Johnson, una coppia di Stromberg 97 e teste Offenhauser, poi accoppiata ad un trans C4 con un kit di conversione Flat-O-Matic. Una volta che Chris Prince, della Sparks, NV, ha completato il taglio da 2-1/2 pollici, il corpo è stato accoppiato con il telaio. Per tutto il progetto sono state utilizzate molte parti originali Ford, come il pedale del freno del ’36, il pedale dell’acceleratore del ’37, i supporti ammortizzatori del ’50, la calandra del ’32, i fanali posteriori del ’39, la scatola dello sterzo e il piantone dell’F-1. Le parti non Ford comprendono un supporto per la scatola dello sterzo del ’64 VW Bus, cinture di sicurezza per aerei militari e un riscaldatore Plymouth del ’37. Ci sembra il mix perfetto!

Vedi tutte e 3 le foto

Non possiamo restituire il materiale inviato.

Si prega di includere il vostro numero di telefono.

Inviate le foto recenti della vostra attuale corsa a Kev Elliott/Readers’ Rods allo stesso indirizzo.

Inviare immagini digitali (500 KB o più grandi) a kevin.elliott@sorc.com

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:www.hotrod.comuploadssites201251205rc-01-z-may-2012-readers-rides-.jpg

Lascia un commento