Maggio 2012 Hometown Hot Rodding

Vedi tutti i 1 fotoswpengineWordsMay 1, 2012

Hai una macchina che vuoi che il mondo veda?

Inviare le specifiche e pix a johnnyhunkins@yahoo.com

1958 Corvette

David Semel Saylorsburg, PA

“Ho sempre saputo che un giorno avrei voluto possedere una Corvette”, dice David Semel. Dai suoi primi ricordi c’era solo qualcosa nel DNA stilistico intrinseco che attraversa il lignaggio della Vette e che lo ha allontanato dalle altre auto. Per molti anni, però, non è riuscito a impegnarsi in una generazione; C1, C2, C3, C4, C5, C5, C6, c’è molto da apprezzare in tutte queste auto. Le prime Vettes sono sicuramente belle, ma i modelli più recenti sono veloci e maneggevoli. Cosa scegliere? Poi un giorno al salone Corvettes di Carlisle si è imbattuto in una C1 modificata con un nuovo telaio, sospensioni C4 e motore moderno, e sapeva di aver trovato esattamente ciò di cui aveva bisogno. Era uno stile senza tempo abbinato alle evoluzioni tecnologiche delle Corvette successive. Lavorando con Southern Street Rods e Corvette (SSRC) a Fort Pierce, in Florida, un donatore C5 Vette è stato acquistato per le sospensioni e accoppiato con un telaio personalizzato costruito da SSRC. La LS1 fu venduta a favore di una LS2. Per quanto riguarda la carrozzeria, la SSRC si procurò un ’58 gravemente trascurato che rimase in un campo in Alabama per 20 anni. Il telaio era completamente rovinato, ma la carrozzeria era salvabile. Ci sono voluti due anni di duro lavoro da parte di Norm Church e Johnny Cano alla SSRC, ma la nuova creazione soprannominata ’58 Redux è la perfetta miscela personalizzata Corvette che fa sentire David come se avesse ottenuto esattamente quello che ha sempre voluto.

Articolo molto interessante
2015 La Ford Mustang Mustang svelata al TCL Chinese Theatre

1994 Mustang GT

Wade Labofish Annapolis, MD

Solo perché è il vostro battitore quotidiano non significa che non possiate divertirvi con esso. La Mustang del ’94 di Wade Labofish è attualmente il suo giro dalla A alla B, “gotta get me there”, ma sta ancora formulando la sua lista di parti per renderla il più divertente possibile. Ci piace questo tipo di hot rodding, perché fa sì che tutta la tua attenzione si sposti e si moderi un po’. Piuttosto che cercare la potenza più elevata o i pezzi più aggressivi sul mercato, l’hot roding quotidiano del guidatore diventa più che altro una creazione raffinata e responsabile, ma comunque un’emozione da guidare. Per quanto riguarda il telaio, Wade vuole lanciare la maggior parte del catalogo di Maximum Motorsports per renderlo più veloce sulle rampe delle autostrade e attraverso le curve di Summit Point Raceway, mantenendo naturalmente vivibili i tassi di primavera. Underhood l’affidabile 5.0 sta ancora funzionando in modo affidabile con oltre 150K sul cronometro, ma potrebbe non esserci più molto tempo. Wade sta mettendo da parte i suoi spiccioli con un occhio di riguardo verso un Coyote 5.0 swap che gli darà un facile 412 CV, una nuova affidabilità e un buon chilometraggio.

1972 Challenger

“Ho posseduto molti Mopar. Il mio primo era un Cuda del ’68”, dice Doug Ousdigian. Abbiamo capito subito che Doug era un uomo Mopar in tutto e per tutto. La sua ultima impresa è questa Challenger del ’72 che lui e sua moglie, Marie, hanno acquistato nel 1995. Originariamente era una B5 blu con una 318. Bella, ma ben lontana dalla bestia che Doug immaginava che sarebbe diventata. Da allora Doug e Marie ci hanno lavorato ogni inverno, trasformandola lentamente pezzo per pezzo. Il primo anno, hanno costruito e installato un piccolo blocco da 360, l’hanno guidata per strada, l’hanno trascinata, e hanno eseguito piccoli aggiornamenti fino al 2003. Dopo di che hanno deciso che era finalmente giunto il momento di fare uno strappo e di uscire con una nuova Hemi 485ci costruita da Tim Banning a For Hemis Only. Con l’aiuto di una camma a rulli pieni COMP Cams da 0,610/,570 pollici, testate in alluminio Stage V, e doppia aspirazione in alluminio Stage V, la nuova Hemi ha erogato 742 CV a 6.500 giri/min e 650 libbre di coppia a 5.400 giri/min. Per ottenere questo grugnito al suolo è una A727 TorqueFlite accoppiata ad un albero motore Mark Williams in metallo cromato e una Dana 60 con assi Hi-Torque e 3,54 marce. Dopo l’accensione, la carrozzeria ha ricevuto un parziale restauro nel 2005 dalla Muscle Car Restoration. Nessuna notizia sui tempi di un quarto di miglio, ma Doug e Marie riferiscono che la Challenger ora riceve costantemente i trofei “Primo posto in classe”, così come il “Best of Show” e un paio di Spectator Choice Awards.

Articolo molto interessante
GM Performance Division Motor Medics è impegnata a Cocoa Beach

1962 Chevy Nova

Lee McClure Wichita, KS

Lee McClure ha acquistato questa macchina circa quattro anni fa, poco prima del suo secondo dispiegamento in Iraq. Pensava che gli avrebbe dato qualcosa per tenere la mente occupata mentre era via. Sebbene avesse avuto una El Camino del ’64 come autista giornaliero per otto anni, la Nova si sentiva come la sua prima vera hot rod. Aveva già una bella storia; ha “distrutto” la Nova qualche ora prima di comprarla mentre faceva il primo giro di prova. Il proprietario aveva tolto i cerchioni cromati e aveva messo dei rulli per le cianfrusaglie. Sfortunatamente, non ha stretto bene i dadi e il pneumatico anteriore lato guida lo ha superato mentre andava a circa 20 miglia all’ora. Qualche piccolo danno alle sospensioni e alla carrozzeria, e una lunga camminata a ritroso è stato tutto quello che è successo, e Lee l’ha comprata comunque. Guardando la 327ci fumante, la TH350, le gomme magre, e nessun interno dopo che l’ha trascinata nel suo negozio, la voglia di chiave inglese è venuta forte. Quello che all’inizio era solo una costruzione leggera si è rapidamente trasformato in uno sforzo a tutto tondo grazie al combat pay, SummitRacing.com

Gratis Preventivo gratuito da un Rivenditore locale

e-mail newsletter

Notizie sulle auto, recensioni e altro ancora!

SEGNARE UP https:\www.hotrod.com\uploads\sites\2012\05\1205phr-00-z-may-2012-hometown-hot-rodding-.jpg

Lascia un commento